Wolfram von Eschenbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wolfram von Eschenbach, ritratto da cavaliere nel Codex Manesse.

Wolfram von Eschenbach (Eschenbach, 1170 circa – 1220 circa) è stato un cavaliere medievale e poeta tedesco alla corte di Turingia, uno dei più grandi poeti tedeschi del Medioevo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le scarne notizie biografiche sono desumibili solo dalle sue stesse opere. Si presume sia nato a Wolframs-Eschenbach, nella Franconia centrale, località che dal poeta stesso ha tratto il suo nome odierno. Era un laico, forse un ministeriale, non molto abbiente quindi costretto a cercare favori presso vari signori, in particolare visse presso la corte del langravio Hermann I di Turingia. Pare non abbia avuto una sistematica educazione cortese, eppure polemizzò con i poeti colti, tra i quali Hartmann von Aue e Goffredo di Strasburgo. Rispetto alle opere di questi poeti, dalla forma elegante e scorrevole, Wolfram predilige uno stile robusto e fantasioso, non troppo lontano dal popolareggiante e dal dialettale esplicito, e non scevro di irregolarità; eppure ottenendo, insolitamente, risultati assai felici, stando alla gran quantità di manoscritti delle sue più celebrate opere epiche.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La sua fama è dovuta principalmente alla composizione, avvenuta attorno al 1210, di un poema cavalleresco sul Sacro Graal intitolato Parzival. Oltre a questo poema, di cui ci sono pervenuti circa 25.000 versi, vengono attribuiti al poeta tedesco anche i poemi epici Willehalm e Titurel, chiaramente incompiuti, e l'opera Wachter Lieder, una raccolta di poesie di ispirazione provenzale. La principale caratteristica delle sue opere è la tolleranza nei confronti delle altre religioni, che viene riscontrata assai raramente nelle opere di altri artisti contemporanei. Uno dei suoi meriti è quello di aver ispirato, con il Parzival, il libretto dell'opera Parsifal di Richard Wagner.

Parzival[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Parzival.

Composto probabilmente fra il 1200 e il 1210, si tratta della principale opera dell'autore, nonché la prima in ordine cronologico. Wolfram stesso dichiara che il poema è ispirato ad un misterioso poeta trovatore "Kyot il Provenzale", mai documentato storicamente e probabilmente inventato; fonte autentica è invece di certo il Conte dou Graal di Chrétien de Troyes, dal quale però Wolfram si discosta notevolmente per la rilevanza attribuità alla comunità sacra del Graal, cui accedono solo cavalieri eletti da Dio per custodire la reliquia e a diffonderne nel mondo le virtù santificanti. Centrale è invece il filone che segue le vicende della vita virtuosa del cavaliere Parzival, che da fanciullo incosciente giunge alla dignità di cavaliere del Re Artù e a poi re del Graal. Parallela a questa scorre anche la narrazione delle vicende di Gawan, cavaliere arturiano ma di stampo più mondano e cortese. Si intrecciano e si alternano così le due visioni dello spirito cavalleresco medievale, in un poema che esalta le virtù virili della costanza e della fedeltà, con esito felice della dura battaglia interiore che Parzival deve sostenere per armonizzare l'ideale del cavaliere terreno con il più alto ideale della missione religiosa.[1]

Willehalm[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Willehalm.

Segue il poema omonimo di Ulrich von dem Türlin, che ne racconta l'antefatto, ed è stato successivamente ripreso da Ulrich von Türheim.

Steso probabilmente tra il 1217 e il 1220, si riallaccia all'epica eroica francese delle chansons de geste, in particolare all'Aliscans che è parte del ciclo di Guglielmo d'Orange, eroe dell'epoca di Carlomagno, poi ritiratosi in convento e considerato santo. L'opera descrive le due battaglie che l'eroe Willehalm conduce contro i Mori avanzanti dalla Spagna: la prima rovinosa sconfitta, e il successivo riscatto. La poca chiarezza sulla fine di alcuni personaggi porta a credere che l'opera sia rimasta incompiuta; restano comunque sviluppati a pieno i temi dell'eroe esemplare nell'amore coniugale che lotta per il regno di Dio, a cui possono accedere anche gli infedeli: Willehalm sposa infatti una donna saracena ribattezzata.[1]

Titurel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Titurel (poema).

Opera contemporanea al Willehalm, o forse appena successiva, certamente incompiuta. Il Titurel, racconta di Sigune, cugina di Parzival e di Schionaturandel, del quale è innamorata, ma che muore nel tentativo di compiere un'impresa al fine di ottenere le grazie della sua bella. Opera non facilmente decifrabile per la sua frammentarietà, si intravede forse nella morale una critica al codice cavalleresco, che impone al cavaliere sottomissione a ogni volere della sua dama, espressione o conferma di una certa autonomia dell'autore.[1]

Opere liriche[modifica | modifica wikitesto]

Minore fu la produzione lirica di Wolfram von Eschenbach rispetto a quella epica, ma le opere assunsero una posizione di rilievo e furono prese a modello, specie per i Tagelieder, opera in cui l'autore arriva a parodiare le manifestazioni cortesi e "colte" della lirica del suo tempo. Anche qui l'autore assume una posizione inconfondibile, come figura isolata che emerge nel panorama poetico medievale tedesco nell'epoca di massima floridezza.[1]

Opere pubblicate in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Parzival, Traduzione in italiano del testo e note di Cristina Gamba, Torino, Einaudi, 1993.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Wolfram von Eschenbach nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 21 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).

Pagine correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12316649 · ISNI (EN0000 0001 2021 0118 · LCCN (ENn79104201 · GND (DE118634933 · BNF (FRcb11929364h (data) · BNE (ESXX988506 (data) · BAV (EN495/75630 · CERL cnp01318704 · NDL (ENJA00461341 · WorldCat Identities (ENlccn-n79104201