Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno
Abbreviazione UAMI
Tipo Agenzia dell'Unione europea
Fondazione 1994
Scopo gestione dei marchi e del design industriale
Sede centrale Spagna Alicante
Direttore Portogallo António Campinos
Sito web

L'Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (UAMI) è l'ufficio preposto alla gestione dei marchi e del design industriale per il mercato interno dell'Unione europea.

L'ufficio ha sede ad Alicante, in Spagna, ed il presidente è il portoghese Antonio Campinos.

Denominazione[modifica | modifica sorgente]

In Europa, l'UAMI è noto come:

  • Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno (UAMI) in italiano;
  • Oficina de Armonizacion del Mercado Interior (OAMI) in spagnolo;
  • Office for Harmonization in the Internal Market (OHIM) in inglese;
  • Harmonisierungsamt für den Binnenmarkt (HABM) in tedesco;
  • Office de l'Harmonisation dans le Marché Intérieur (OHMI) in francese.

Incarichi dell'Ufficio[modifica | modifica sorgente]

Il compito dell'UAMI è quello di promuovere, nonché gestire, i cosiddetti Community Trade Marks (CTM) ed i Registered Community Designs (RCD) all'interno dell'area europea. Tale ufficio adempie le procedure di registrazione per i documenti, secondo i canoni dettati dalla legge sulla proprietà intellettuale Comunitaria, mantenendo al contempo pubblici registri di consultazione. Assieme ai tribunali competenti degli stati membri dell'Unione europea, condivide l'obbligo di pronunciarsi in merito alle richieste di invalidamento dei documenti e titoli ivi depositati.

L'ufficio è, a livello legale, un'impresa pubblica che gode di indipendenza amministrativa e finanziaria. Le sue attività ricadono sotto la legge comunitaria ed i tribunali comunitari, quali il Tribunale di primo grado dell'Unione europea e la Corte di giustizia dell'Unione europea sono responsabili del controllo della legalità degli atti dell'ufficio.

Attività e sviluppo[modifica | modifica sorgente]

In una relazione rilasciata nel marzo 2008 l'UAMI ha annunciato di aver accumulato, grazie al continuo ed inesorabile flusso di richieste di marchi comunitari, un surplus nel budget di quasi 300 milioni di euro, nonostante i costi per la registrazione siano recentemente diminuiti del 25%. Infatti, a fronte di un costo "normale" di registrazione a livello locale di 1600 €, Wubbo de Boer ha pubblicamente dichiarato di averlo ridotto a 1000 €.[1]

Conferenza dei giudici europei[modifica | modifica sorgente]

Ogni due anni l'UAMI organizza una conferenza sul tema dei marchi e del design industriale. Queste conferenze hanno la funzione di accentuare, nonché incentivare, l'armonizzazione delle pratiche di deposito e registrazione dei marchi nei territori nazionali, in applicazione dei concetti giuridici comunitari del Community Trade Mark e del Registered Community Design.

La prima conferenza fu tenuta in Lussemburgo nel 1999; dal 2001 la sede è stata spostata, in via definitiva, in Spagna, presso Alicante.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Economist. A money mountain. 8-14 marzo 2008. pag. 73

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea