Tour Down Under 2011

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Australia Tour Down Under 2011
Edizione 13ª
Data 18 gennaio - 23 gennaio
Partenza Mawson Lakes
Arrivo Adelaide
Percorso 758 km, 6 tappe
Tempo 17h54'27"
Valida per UCI World Tour 2011
Classifica finale
Primo Australia Cameron Meyer
Secondo Australia Matthew Goss
Terzo Regno Unito Ben Swift
Classifiche minori
Montagna Australia Luke Roberts
Giovani Australia Cameron Meyer
Squadre Spagna Movistar Team
Sprint Australia Matthew Goss
Cronologia
Edizione precedente
Tour Down Under 2010
Edizione successiva
Tour Down Under 2012

Il Tour Down Under 2011, tredicesima edizione della corsa e valevole come prima gara dell'UCI World Tour 2011, si è svolto in sei tappe dal 18 al 23 gennaio 2011[1], per un percorso totale di 758 km attorno ad Adelaide, Australia, presentato il 2 luglio 2010[2]. È stato vinto dall'australiano Cameron Meyer.

La Down Under Classic 2011 ha fatto da apertura ufficiale della corsa.[1]

Tappe[modifica | modifica wikitesto]

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
18 gennaio Mawson Lakes > Angaston 138 Australia Matthew Goss Australia Matthew Goss
19 gennaio Tailem Bend > Mannum 146 Regno Unito Ben Swift Australia Robbie McEwen
20 gennaio Unley > Stirling 128 Australia Michael Matthews Australia Matthew Goss
21 gennaio Norwood > Goolwa 124 Australia Cameron Meyer Australia Cameron Meyer
22 gennaio McLaren Vale > Willunga 131 Spagna Francisco Ventoso Australia Cameron Meyer
23 gennaio Adelaide 90 Regno Unito Ben Swift Australia Cameron Meyer
Totale 758

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti al Tour Down Under 2011.

Essendo inserito tra le gare dell'UCI World Tour, tutte le squadre con licenza "UCI ProTeam" devono automaticamente parteciparvi. È stata la prima partecipazione ufficiale del neo-nata Team Leopard-Trek. Completa il quadro delle partecipanti la UniSA-Australia, squadra nazionale australiana composta da giovani corridori. Fra i favoriti per la vittoria della corsa figuravano il plurivincitore André Greipel, Mark Cavendish, Matthew Goss che aveva dimostrato un'ottima forma nelle settimane precedenti, e Tyler Farrar.[3] Partecipano inoltre Stuart O'Grady, Michael Rogers, Simon Gerrans e Allan Davis già vincitori della corsa nelle passate edizioni.

N. Cod. Squadra
1-7 OLO Belgio Omega Pharma-Lotto
11-17 RSH Stati Uniti Team RadioShack
21-27 THR Stati Uniti HTC-Highroad
31-37 GRM Stati Uniti Team Garmin-Cervélo
41-47 RAB Paesi Bassi Rabobank Cycling Team
51-57 SKY Regno Unito Sky Procycling
61-67 AST Kazakistan Pro Team Astana
71-77 LEO Lussemburgo Team Leopard-Trek
81-87 QST Belgio Quickstep Cycling Team
91-97 KAT Russia Katusha Team
N. Cod. Squadra
101-107 ALM Francia AG2R La Mondiale
111-117 LAM Italia Lampre-ISD
121-127 LIQ Italia Liquigas-Cannondale
131-137 BMC Stati Uniti BMC Racing Team
141-147 SAX Danimarca Saxo Bank-Sungard
151-157 EUS Spagna Euskaltel-Euskadi
161-167 MOV Spagna Movistar Team
171-177 VAC Paesi Bassi Vacansoleil-DCM
181-187 UNI Australia UniSA-Australia

Dettagli delle tappa[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa[modifica | modifica wikitesto]

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Matthew Goss HTC-Highroad 3h17'08"
2 Germania André Greipel Omega Pharma s.t.
3 Australia Robbie McEwen RadioShack s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Matthew Goss HTC-Highroad 3h16'58"
2 Germania André Greipel Omega Pharma a 4"
3 Australia Robbie McEwen RadioShack a 6"
Descrizione e riassunto

Il percorso vedeva 138 da Mawson Lake ad Angaston su strada abbastanza larghe e lunghe. La tappa, adatta ai velocisti presentava dopo 10 km una salita di 3 km. Nella prima tappa si assegnavano abbuoni per gli scatti intermedi e punti per la Black Top Road dove la pendenza raggiungeva, seppur minimamente il 9%. Il resto della tappa presentava un percorso da ripetere due volte ed il finale era in leggera salita.[4]

La tappa vede scollinare per primo sul Black Top Road, Luke Roberts, corridore svincolato che corre per la Uni-SA Australia. Successivamente 5 ciclisti si lanciano all'inseguimento: Simon Clarke, Mathieu Perget, Mitchell Docker, Miguel Minguez e Jon Izagirre. La fuga viene ripresa ad una decina di km dal traguardo e si incominciano a preparare i treni dei velocisti: Matthew Goss batte il favorito André Greipel e Robbie McEwen in volata.[5]

2ª tappa[modifica | modifica wikitesto]

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling 3h27'44"
2 Australia Robbie McEwen RadioShack s.t.
3 Australia Graeme Brown Rabobank s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Robbie McEwen RadioShack 6h44'42"
2 Australia Matthew Goss HTC-Highroad s.t.
3 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling s.t.
Descrizione e riassunto

L'altimetria della frazione favorisce i velocisti anche nella seconda tappa della corsa. Nonostante buona parte della tappa presenti delle salite negli ultimi 40 km la tappa sarà quasi completamente pianeggiante favorendo il rientro dei corridori rimasti nelle retrovie. Un solo GPM il l'Old Princes Highway Dawesley Hill piazzato al 64º km; saranno due gli sprint intermedi. La differenza sostanziale con la prima tappa è la presenza di strade strette e sinuose soprattutto nel finale che potrebbe creare più di qualche problema hai velocisti che potrebbero essere rimasti troppo defilati trovandosi così impossibilitati a risalire nelle posizioni giuste.[6]

La tappa viene animata da una lunga fuga portata avanti da Yuriy Krivtsov, David Tanner e Docker a cui si erano successivamente aggregati anche Timothy Roe, Simon Zahner e Roberts a caccia di punti per la vittoria della classifica scalatori. Roberts riesce nel suo intento conquistando punti preziosi nella classifica scalatori che rafforza il suo primato. I fuggitivi verranno ripresi solo a 3 chilometri dalla fine ma è proprio nel finale che cominciano i primi problemi: negli ultimi 3 km cadono Mark Cavendish, Matthew Goss, André Greipel che perdono la possibilità di fare la volata. A poche centinaia di metri dal traguardo altra caduta che coinvolge il treno della Garmin-Cervélo con Julian Dean, Cameron e Travis Meyer che finiscono sull'asfalto.[7] Alla fine è Ben Swift a regolare Robbie McEwen, che diviene leader della corsa ai danni di Goss, e Graeme Brown.[8] Tra i coinvolti nelle cadute solo Bernard Sulzberger è costretto al ritiro.[9]

3ª tappa[modifica | modifica wikitesto]

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Michael Matthews Rabobank 3h11'47"
2 Germania André Greipel Omega Pharma s.t.
2 Australia Matthew Goss HTC-Highroad s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Matthew Goss HTC-Highroad 9h56'25"
2 Germania André Greipel Omega Pharma a 2"
3 Australia Robbie McEwen RadioShack a 4"
Descrizione e riassunto

La terza tappa si presenta con un percorso interessante: dopo i primi km in pianura incomincia il percorso più duro che potrebbe regalare il successo a un finisseur. Una volta superato l'unico Gran Premio della Montagna, a Bridgewater intorno all'80° chilometro, i corridori entreranno infatti nel circuito finale e potranno dunque studiare con attenzione, in occasione dei primi due passaggi, i tratti a loro più congeniali e soprattutto gli ultimi chilometri, dove la strada scende leggermente prima di risalire verso il traguardo negli ultimi 700-800 metri con pendenze fino al 7%.[10]

Nonostante il percorso vallonato, la tappa aveva rispettato il disegno dei giorni precedenti, con una lunga fuga portata avanti da Aljaksandr Kuschynski, Luis Pasamontes, Luke Durbridge e Thomas De Gendt, ripresa dal gruppo a pochi km dal traguardo. Nel finale poi non ci sono stati allunghi degni di nota, e la tappa si è dunque decisa in volata. È stato Michael Matthews ad ottenere un grande successo davanti ai velocisti Greipel e Goss tornati a disputare sprint sui buoni livelli dopo la caduta del giorno precedente.[11]

4ª tappa[modifica | modifica wikitesto]

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Cameron Meyer Garmin-Cervélo 2h57'55"
2 Belgio Thomas De Gendt Vacansoleil s.t.
3 Paesi Bassi Laurens ten Dam Rabobank a 3"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Cameron Meyer Garmin-Cervélo 12h54'30"
2 Paesi Bassi Laurens ten Dam Rabobank a 10"
3 Australia Matthew Goss HTC-Highroad a 12"
Descrizione e riassunto

La tappa che precede quella decisiva di Willung, 124 chilometri da Nordwood a Strathalbyn, mostra infatti un finale perfetto per le ruote veloci. Se ancora una volta la parte iniziale presenta qualche asperità, utile soprattutto ai fuggitivi, ancora una volta la seconda parte si caratterizza per un costante ritorno verso altitudini inferiori, così come fu per la seconda frazione. Schema che si ripete anche per la presenza di un solo GPM, posto dopo soli 27 chilometri, mentre ci saranno due sprint intermedi, dopo 33 e 66 chilometri, probabile preda dei fuggitivi. Pericolo per le squadre dei velocisti, come fu proprio in occasione della seconda frazione, saranno le strade, sinuose e non troppo larghe che, se mal negoziate, potrebbero nuovamente creare problemi negli ultimi chilometri dove la velocità sarà resa ancora più alta dalla strada in leggera pendenza. Completamente dritti invece gli ultimi 600 metri, posti in Dawson Street, che vedranno i velocisti fare gli ultimi posizionamenti e lanciare la propria volata.[12]

In una delle tante tappe di questo Tour Down Under che sembrava riservata ai velocisti, arriva Cameron Meyer che beffa tutti, vincendo la tappa e portandosi al comando della classifica generale. Il campione australiano a cronometro, era andato in fuga dopo 40 km di corsa con Laurens ten Dam, Matthew Wilson, Blel Kadri e Thomas De Gendt insieme a Rob Ruijgh. Il copione sembrava già scritto, con il gruppo, guidato dagli uomini HTC-Highroad del leader Matthew Goss che avrebbe chiuso sul tentativo nel finale. E invece i fuggitivi, rimasti nel finale solo in quattro in seguito al cedimento di Kadri e Ruijgh, sono riusciti a mantenere un buon vantaggio sugli inseguitori e a giocarsi la tappa. Aiutato dal bravissimo Wilson, Meyer è riuscito a vincere battendo in volata De Gendt. Il gruppo, regolato dall'ormai ex-leader Goss, è giunto dopo 24 secondi.[13]

5ª tappa[modifica | modifica wikitesto]

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Francisco Ventoso Movistar Team 3h06'10"
2 Australia Michael Matthews Rabobank s.t.
3 Australia Matthew Goss HTC-Highroad s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Cameron Meyer Garmin-Cervélo 16h00'40"
2 Australia Matthew Goss HTC-Highroad a 8"
3 Paesi Bassi Laurens ten Dam Rabobank a 10"
Descrizione e riassunto

Come ormai da tradizione la tappa regina del Tour Down Under sarà dunque quella con l'arrivo nella cittadina di Willunga, dopo una doppia ascensione all'omonima collina. Il percorso si presenta pianeggante nella prima parte e duro nella seconda. Il primo circuito infatti, che farà passare per tre volte i corridori sotto il traguardo mostrando loro le ben poche insidie degli ultimi cinque chilometri, è praticamente senza asperità e porterà i corridori sino a 45 km dalla conclusione, quando inizierà il secondo circuito, quello duro, che prevede il doppio GPM in cima alla Willunga Hill, 3 chilometri al 7% di pendenza media. Spazio dunque agli attaccanti che troveranno pane per i loro denti con le danze che dovrebbero probabilmente iniziare con la seconda scalata mentre nella prima si cercherà di tenere un ritmo alto per sfiancare i velocisti e le loro squadre che invece daranno presumibilmente tutto negli ultimi 20 chilometri, una volta superato il secondo GPM.[14]

La tappa regina di Willunga è iniziata con una fuga composta da otto uomini: John Murphy, Davide Viganò, Lucas Sebastian Haedo, Eduard Vorganov, Joan Horrach, Joost Van Leijen, Michael Hepburn e Tanel Kangert. Il gruppo però, per evitare l'errore del giorno prima, si è messo subito a lavorare, tenendo i fuggitivi sempre con un vantaggio intorno ai due minuti. Giunti ai piedi del primo passaggio del Willunga Hill, il plotone si è ricompattato e, dopo aver transitato al GPM, vinto da Luke Roberts, sempre più leader degli scalatori, c'è stato l'attacco in discesa di Lance Armstrong, l'ultimo della sua lunga carriera. L'azione del texano, cui avevano partecipato anche José Iván Gutiérrez, Luis Pasamontes, Sergej Ivanov, Inaki Isasi, Stefan Denifl e Jurgen Van de Walle, è però stata annullata ai 30 km dal traguardo, prima dell'inizio della seconda ascesa della WIllunga Hill. Qui c'è stato un importante attacco di Richie Porte, Ben Hermans e Jack Bobridge, che ha costretto il gruppo ad un forte inseguimento che ha lasciato davanti solamente 20 unità. Dopo un attacco a vuoto di Jon Izagirre, c'è stata la volata, con Francisco Ventoso che ha sfruttato la sua esperienza per gestire al meglio la volata in leggera salita e battere il giovane Matthews e Goss.[15]

6ª tappa[modifica | modifica wikitesto]

  • 23 gennaio: Circuito di Adelaide – 90 km
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling 1h53'47"
2 Nuova Zelanda Greg Henderson Sky Procycling s.t.
3 Australia Matthew Goss HTC-Highroad s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Cameron Meyer Garmin-Cervélo 17h54'27"
2 Australia Matthew Goss HTC-Highroad a 2"
3 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling a 8"
Descrizione e riassunto

Il percorso interamente pianeggiante che vedrà i corridori affrontare 20 volte il percorso di 4,5 chilometri intorno all'Elder Park per un totale di 90 km nelle strade di Adelaide. In questa passerella finale si decideranno dunque tutte le maglie, da quella di scalatore - con i due GPM posti al decimo e quindicesimo da conquistare su di una salita poco più impegnativa di un cavalcavia - a quella di leader, visti gli abbuoni al traguardo che potrebbero permettere a Matthew Goss e Michael Matthews di scalzare il leader attuale, il connazionale Cameron Meyer. Le lunghe e larghe strade piane della città australiana dovrebbero permettere alle formazioni di scongiurare qualsiasi pericolo proveniente dagli attaccanti di giornata permettendo ai velocisti di giocarsi, come previsto, la tappa e la corsa.[16]

La tappa, con arrivo per velocisti, è stata vinta dal giovane inglese Ben Swift che ha preceduto in volata il suo compagno di squadra Greg Henderson. Nulla da fare per Goss che è arrivato terzo, anche a causa dell'incertezza nel pilotare il capitano da parte del treno HTC-Highroad, vedendo così sfumare il sogno di vincere il Tour Down Under per due soli secondi di ritardo mentre il vincitore odierno è salito sul gradino più basso del podio.[17]

Evoluzione delle classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Tappa Vincitore Classifica generale
Maglia ocra
Classifica scalatori
Maglia King of the Mountain
Classifica sprint
Maglia Sprint
Classifica giovani
Maglia Young rider's
Classifica squadre
Maglia Winning team
Corridore più aggressivo
Maglia Most aggressive rider's
Matthew Goss Matthew Goss Luke Roberts Matthew Goss Matthew Goss Sky Procycling Simon Clarke
Ben Swift Robbie McEwen Mitchell Docker Jurij Krivcov
Michael Matthews Matthew Goss Matthew Goss Luke Durbridge
Cameron Meyer Cameron Meyer Thomas De Gendt Cameron Meyer Team Garmin-Cervélo Thomas De Gendt
Francisco Ventoso Matthew Goss Movistar Team Richie Porte
Ben Swift Stuart O'Grady
Classifiche finali Cameron Meyer Luke Roberts Matthew Goss Cameron Meyer Movistar Team

Classifiche finali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica generale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Cameron Meyer Garmin-Cervélo 17h54'27"
2 Australia Matthew Goss HTC-Highroad a 2"
3 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling a 8"
4 Australia Michael Matthews Rabobank a 9"
5 Paesi Bassi Laurens ten Dam Rabobank a 10"
6 Spagna Francisco Ventoso Movistar Team a 17"
7 Germania André Greipel Omega Pharma a 26"
8 Francia Blel Kadri AG2R La Mond. s.t.
9 Australia Allan Davis Astana a 27"
10 Australia Luke Roberts UniSA-Australia a 28"

Classifica sprint[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Australia Matthew Goss HTC-Highroad 28
2 Australia Michael Matthews Rabobank 20
3 Belgio Thomas De Gendt Vacansoleil 20
4 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling 16
5 Australia Robbie McEwen RadioShack 16

Classifica scalatori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Australia Luke Roberts UniSA-Australia 60
2 Belgio Ben Hermans RadioShack 36
3 Australia Mitchell Docker UniSA-Australia 32
4 Australia David Tanner Saxo Bank 22
5 Australia Richie Porte Saxo Bank 18

Classifica miglior giovane[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Cameron Meyer Garmin-Cervélo 17h54'27"
2 Australia Matthew Goss HTC-Highroad a 2"
3 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling a 8"
4 Australia Michael Matthews Rabobank a 9"
5 Francia Blel Kadri AG2R La Mond. a 26"

Classifica squadre[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Tempo
1 Spagna Movistar Team 53h44'56"
2 Paesi Bassi Vacansoleil-DCM a 8"
3 Francia AG2R La Mondiale a 25"
4 Stati Uniti Team Garmin-Cervélo a 27"
5 Belgio Quickstep Cycling Team a 56"

Punteggi UCI[modifica | modifica wikitesto]

Classifica individuale
Pos. Corridore Squadra Punti
1 Australia Cameron Meyer Garmin-Cervélo 106
2 Australia Matthew Goss HTC-Highroad 93
3 Regno Unito Ben Swift Sky Procycling 82
4 Australia Michael Matthews Rabobank 70
5 Paesi Bassi Laurens ten Dam Rabobank 52
6 Spagna Francisco Ventoso Movistar Team 46
7 Germania André Greipel Omega Pharma 38
8 Francia Blel Kadri AG2R La Mond. 20
9 Australia Allan Davis Astana 10
10 Australia Robbie McEwen Katusha Team 7
11 Belgio Thomas De Gendt Vacansoleil 4
12 Nuova Zelanda Greg Henderson Sky Procycling 4
13 Australia Graeme Brown Rabobank 2
14 Spagna José Joaquín Rojas Movistar Team 1
15 Francia Romain Feillu Vacansoleil 1
16 Belgio Jürgen Roelandts Omega Pharma 1
17 Italia Elia Viviani Liquigas 1
18 Australia Matthew Wilson Garmin-Cervélo 1
19 Argentina Juan José Haedo Saxo Bank 1
20 Australia Chris Sutton Sky Procycling 1
21 Australia Simon Gerrans Sky Procycling 1
Classifica a squadre
Pos. Squadra Punti
1 Paesi Bassi Rabobank Cycling Team 124
2 Stati Uniti Team Garmin-Cervélo 107
3 Stati Uniti HTC-Highroad 93
4 Regno Unito Sky Procycling 88
5 Spagna Movistar Team 47
6 Belgio Omega Pharma-Lotto 39
7 Francia AG2R La Mondiale 20
8 Kazakistan Pro Team Astana 10
9 Stati Uniti Team RadioShack 7
10 Paesi Bassi Vacansoleil-DCM 5
11 Italia Liquigas-Cannondale 1
12 Danimarca Saxo Bank-Sungard 1
Classifica per nazione
Pos. Squadra Punti
1 Australia Australia 286
2 Regno Unito Regno Unito 82
3 Paesi Bassi Paesi Bassi 52
4 Spagna Spagna 47
5 Germania Germania 38
6 Francia Francia 21
7 Belgio Belgio 5
8 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 4
9 Italia Italia 1
10 Argentina Argentina 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Luca Pellegrini, Tour Down Under, stabilita la data di partenza in spaziociclismo.it, 14 maggio 2010. URL consultato il 24-12-2010.
  2. ^ Mattia De Pasquale, Tour Down Under, presentato il percorso 2011 in spaziociclismo.it, 2 luglio 2010. URL consultato il 24-12-2010.
  3. ^ Luca Pellegrini, Tour Down Under, i favoriti in spaziociclismo.it, 17 gennaio 2011. URL consultato il 19-1-2011.
  4. ^ Simon Mari, Percorso Tour Down Under, prima tappa: Mawson Lakes - Angaston in spaziociclismo.it, 17 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  5. ^ Francesco Glendi, Tour Down Under, Goss vince la prima tappa in spaziociclismo.it, 18 gennaio 2011. URL consultato il 18-1-2011.
  6. ^ Simon Mari, Percorso Tour Down Under, seconda tappa: Tailem Bend - Mannum in spaziociclismo.it, 18 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  7. ^ Luca Pellegrini, Tour Down Under, tutti giù per terra in spaziociclismo.it, 19 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  8. ^ Luca Pellegrini, Tour Down Under, sorpresa Swift in spaziociclismo.it, 19 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  9. ^ Redazione Spaziociclismo, Tour Down Under, il bollettino medico (aggiornato) in spaziociclismo.it, 19 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  10. ^ Redazione Spaziociclismo, Percorso Tour Down Under, terza tappa (Unley - Stirling): spazio ai finisseur in spaziociclismo.it, 19 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  11. ^ Luca Pellegrini, Tour Down Under, Matthews beffa i grandi in spaziociclismo.it, 20 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  12. ^ Simon Mari, Percorso Tour Down Under, quarta tappa: Nordwood-Strathalbyn in spaziociclismo.it, 20 gennaio 2011. URL consultato il 20-1-2011.
  13. ^ Luca Pellegrini, Tour Down Under, C.Meyer beffa i velocisti in spaziociclismo.it, 21 gennaio 2011. URL consultato il 24-1-2011.
  14. ^ Simon Mari, Percorso Tour Down Under, quinta tappa (McLaren Vale - Willunga): il giorno decisivo in spaziociclismo.it, 21 gennaio 2011. URL consultato il 24-1-2011.
  15. ^ Luca Pellegrini, Tour Down Under, Ventoso vince e Meyer resiste in spaziociclismo.it, 22 gennaio 2011. URL consultato il 24-1-2011.
  16. ^ Redazione Spaziociclismo, Percorso Tour Down Under, sesta tappa (Adelaide): il gran finale in spaziociclismo.it, 22 gennaio 2011. URL consultato il 24-1-2011.
  17. ^ Tanino Lugarà, Tour Down Under, a Swift la tappa e a Meyer la generale in spaziociclismo.it, 23 gennaio 2011. URL consultato il 24-1-2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]