Tiopental sodico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Pentothal" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Pentothal (disambigua).
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tiopental sodico
Sodium thiopental.svg
Sodium-thiopental-3D-vdW-2.png
Nome IUPAC
(RS)-5-etil-5-(pent-2-il)-4,6-diosso-1,4,5,6-tetraidropirimidina-2-tiolato di sodio
Nomi alternativi
Tiopentone, tiopentale, Pentothal, Sodio Pentothal
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC11H17N2NaO2S
Massa molecolare (u)264,321 g/mol
Numero CAS71-73-8
Numero EINECS200-763-1
Codice ATCN05AF03
PubChem3000714
SMILES
CCCC(C)C1(C(=O)NC(=S)NC1=O)CC e CCCC(C)C1(C(=O)NC(=NC1=O)[S-])CC.[Na+]
Dati farmacocinetici
Emivita20 minuti
Escrezione?
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H302
Consigli P---[1]

Il tiopental sodico (nome commerciale Pentothal Sodium) è barbiturico ad azione ipnotica utilizzato nell'induzione dell'anestesia generale. Appartiene alla sottoclasse dei tiobarbiturici, dove l'atomo di ossigeno viene sostituito con un atomo di zolfo.

Ha un'emivita molto breve, di circa 20 minuti, però il periodo di latenza è brevissimo, poiché il soggetto si addormenta già durante l'iniezione.

Il sodio tiopentale era riportato nella lista dei farmaci essenziali dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, ma è stato soppiantato dal propofol (Diprivan), meglio tollerato.[2][3] Nonostante questo tiopental è ancora elencato come alternativa accettabile al propofol, a seconda della disponibilità locale e del costo dei farmaci.[3]

Viene utilizzato anche nell'induzione del coma artificiale e in medicina veterinaria.

Negli Stati Uniti è stato utilizzato, assieme al pancuronio e al cloruro di potassio, per praticare l'iniezione letale ai condannati a morte, ma il produttore americano Hospira ha smesso di fabbricare il farmaco e l'UE ha vietato l'esportazione del farmaco a tale scopo.[4] Questa miscela di farmaci è utilizzata anche, in alcuni Paesi, nell'eutanasia umana.

Il tiopental sodico è noto al grande pubblico con il nome di Pentothal, soprattutto grazie al cinema e alla televisione, per essere stato usato, a dosaggi subanestetici, come siero della verità: ad esempio, ne fanno grande uso nelle loro avventure immaginarie Diabolik e Agente 47 e viene adoperato anche da Hannibal Lecter nel film Hannibal Lecter: le origini del male e nella serie Human Target.

È stato scoperto da Ernest H. Volwiler (22 agosto 1893 - 3 ottobre 1992) nel 1936.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Anestesia[modifica | modifica wikitesto]

Il sodio tiopental è un barbiturico ad azione ultra breve che è stato usato in anestesia generale. Il suo uso è stato sostituito con quello del propofol. Dopo l'iniezione endovenosa, il farmaco raggiunge rapidamente il cervello e provoca perdita di coscienza entro 30-45 secondi.

Il tiopental sodico non viene utilizzato per mantenere l'anestesia nelle procedure chirurgiche perché, in infusione, mostra una farmacocinetica di eliminazione di ordine zero, quindi richiede un lungo periodo prima di riacquisire coscienza. Si preferiscono anestetici sotto forma di gas, che vengono eliminati rapidamente, in modo tale da consentire un rapido ritorno della coscienza.[5]

Il tiopental sodico viene usato in medicina veterinaria per indurre anestesia negli animali.

Coma farmacologico[modifica | modifica wikitesto]

Il tiopental sodico veniva usato per indurre coma farmacologico.[6] Oggi è stato sostituito da droghe come il propofol, perché i loro effetti si attenuano più rapidamente. Può essere usato in pazienti con aumento della pressione intracranica, dovuta a un trauma o un intervento chirurgico. I barbiturici riducono l'attività neuronale, riducendo il metabolismo cerebrale e il consumo di ossigeno, diminuiscono la risposta vascolare intracranica al biossido di carbonio (CO2), che a sua volta diminuisce la pressione intracranica. I pazienti con elevata pressione intracranica causata da trauma cranico possono trarre benefici dall'uso di barbiturici.[7][8][9]

Eutanasia[modifica | modifica wikitesto]

Il tiopental viene somministrato per via endovenosa nell'eutanasia. Sia in Belgio che nei Paesi Bassi, dove l'eutanasia attiva è consentita dalla legge, il protocollo standard raccomanda il sodio tiofentale come agente ideale per indurre il coma, seguito dal bromuro di pancuronio per paralizzare i muscoli e interrompere la respirazione.[10]

La somministrazione endovenosa è il modo più rapido e affidabile per realizzare l'eutanasia, perché la morte sopraggiunge più rapidamente. Il coma viene indotto dalla somministrazione endovenosa di 20 mg / kg di tiopental (Nesdonal) in un piccolo volume di soluzione fisiologica. Quindi, viene somministrata una tripla dose di un farmaco bloccante neuromuscolare non depolarizzante, come il pancuronio bromuro (Pavulon) o il vecuronio bromuro (Norcuron). Il miorilassante deve essere somministrato per via endovenosa per garantire una biodisponibilità ottimale.[10]

Iniezione letale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Iniezione letale.

Il tiopentale viene utilizzato, insieme al bromuro di pancuronio e al cloruro di potassio, per eseguire l'iniezione letale negli Stati Uniti. Viene somministrata una dose elevata per garantire una rapida perdita di coscienza. L'uso del sodio tiopental nelle esecuzioni è stato contestato dopo la pubblicazione di uno studio sulla rivista medica The Lancet dove si riportava che le autopsie dei detenuti giustiziati avevano mostrato un livello di tiopental nel flusso sanguigno non sufficiente a causare incoscienza.

Washington è diventato il secondo stato negli Stati Uniti a utilizzare le iniezioni monodose di tiopental sodico per le esecuzioni. Il 10 settembre 2010, l'esecuzione di Cal Coburn Brown è stata la prima nello stato a utilizzare un'iniezione monodose. La sua morte fu pronunciata all'incirca un minuto e mezzo dopo la somministrazione endovenosa di cinque grammi di farmaco.

L'8 dicembre 2009, l'Ohio è diventato il primo stato a utilizzare una singola dose di sodio tiopental per le esecuzioni capitali, a seguito del fallimento nell'uso del cocktail a tre farmaci durante una esecuzione.[11] Washington è diventato il secondo stato degli Stati Uniti a utilizzare le iniezioni monodose di sodio tiopental per le esecuzioni.

Nel dicembre 2010 il Regno Unito ha introdotto un divieto di esportazione di tiopental.[12][13] Le restrizioni si basavano sul "regolamento sulla tortura dell'Unione europea (compresa la concessione di licenze per i farmaci utilizzati nelle iniezioni letali)".[14] Dal 21 dicembre 2011 l'Unione europea ha esteso le restrizioni commerciali per impedire l'esportazione di determinati medicinali, affermando che "l'Unione non approva la pena capitale e lavora per la sua abolizione universale".[15]

Siero della verità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Siero della verità.

Il tiopental è usato in alcuni paesi come un siero della verità, perché provoca la perdita di inibizione tipica dei barbiturici.[16] La droga tende a rendere i soggetti loquaci e cooperativi negli interrogatori; tuttavia, l'affidabilità delle confessioni fatte sotto thiopental è molto discutibile.[17]

Psichiatria[modifica | modifica wikitesto]

Il tiopental è stato usato per desensibilizzare pazienti con fobie.[18] Uno psichiatra che ha lavorato con thiopental è il professore olandese Jan Bastiaans, che ha usato questo farmaco per aiutare ad alleviare il trauma nelle vittime sopravvissute dell'Olocausto.[19]

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Barbiturici.

Il tiopental sodico appartiene alla classe di farmaci barbiturici, che sono composti non selettivi che si legano a una superfamiglia di canali ionici, fra cui il canale del GABAA, il recettore nAChR, il canale 5HT3R, il canale GlyR e altri. Il recettore del GABAA è un canale inibitorio che diminuisce l'attività neuronale; i barbiturici favoriscono l'azione inibitoria del recettore del GABAA. Mentre alcuni barbiturici favoriscono l'apertura dei recettori del GABAA, questi composti bloccano i canali ionici. I canali neuronali di nAChR sono bloccati sia del sodio tiopentale che del pentobarbital.[20]

Metabolismo[modifica | modifica wikitesto]

Il tiiopental attraversa rapidamente e facilmente la barriera ematoencefalica perché è una molecola lipofila. Come tutti i farmaci anestetici liposolubili, la sua breve durata d'azione è dovuta alla ridistribuzione dalla circolazione centrale verso i muscoli e il tessuto adiposo. Il suo coefficiente di ripartizione (circa 10), lo porta a depositarsi nel tessuto adiposo. Una volta ridistribuita, la frazione libera nel sangue viene metabolizzata nel fegato. Il tiopental è metabolizzato in acido pentobarbitale,[21] 5-etil-5- (1'-metil-3'-idrossibutil) -2-tiobarbiturico e 5-etil-5- (1'-metil-3'- acido carbossipropil) -2-tiobarbiturico.[22]

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Come con quasi tutti i farmaci anestetici, il tiopental provoca depressione cardiovascolare e respiratoria con conseguente ipotensione, apnea e ostruzione delle vie aeree. Per questi motivi, il farmaco viene somministrato sotto controllo medico. Gli effetti collaterali includono mal di testa, agitazione, sonnolenza e nausea. I postumi dovuti dagli effetti collaterali possono durare fino a 36 ore.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tiopental sodico deve essere usato con cautela in caso di patologie epatiche, morbo di Addison, mixedema, malattie cardiache gravi, ipotensione grave, disturbi respiratori gravi o porfiria.[23][24]

La somministrazione di pentossifillina e tiopental provoca morte per edema polmonare acuto nei ratti,dovuto all'aumentata permeabilità vascolare polmonare.[25]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il sodio tiopental fu scoperto nei primi anni '30 da Ernest H. Volwiler e Donalee L. Tabern, che lavoravano per i laboratori Abbott . Fu usato per la prima volta negli esseri umani l'8 marzo 1934, dal Dr. Ralph M. Waters. Tre mesi dopo, Dr. John S. Lundy iniziò una sperimentazione clinica presso la Mayo Clinic su richiesta di Abbott.[26]

Abbott ha continuato a produrre il farmaco fino al 2004.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 05.11.2012, riferita all'acido libero
  2. ^ World Health Organization., The selection and use of essential medicines : report of the WHO Expert Committee, 2011 (including the 17th WHO Model List of Essential Medicines and the 3rd WHO Model List of Essential Medicines for Children)., World Health Organization, 2012, ISBN 978-92-4-120965-6, OCLC 802639525. URL consultato l'11 aprile 2020.
  3. ^ a b (EN) World Health Organization, World Health Organization model list of essential medicines: 21st list 2019, 2019. URL consultato l'11 aprile 2020.
  4. ^ (EN) DER SPIEGEL, Death Penalty Opposition: EU Set to Ban Export of Drug Used in US Executions - DER SPIEGEL - International, su www.spiegel.de. URL consultato l'11 aprile 2020.
  5. ^ (EN) Denis J. Morgan, Graeme L. Blackman e John D. Paull, Pharmacokinetics and Plasma Binding of Thiopental. IIStudies at Cesarean Section, in Anesthesiology: The Journal of the American Society of Anesthesiologists, vol. 54, n. 6, 1º giugno 1981, pp. 474–480, DOI:10.1097/00000542-198106000-00006. URL consultato l'11 aprile 2020.
  6. ^ TRAUMA.ORG: Critical Care: Barbiturate Coma, su web.archive.org, 19 agosto 2016. URL consultato l'11 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2016).
  7. ^ R. Almaas, O. D. Saugstad e D. Pleasure, Effect of barbiturates on hydroxyl radicals, lipid peroxidation, and hypoxic cell death in human NT2-N neurons, in Anesthesiology, vol. 92, n. 3, 2000-03, pp. 764–774, DOI:10.1097/00000542-200003000-00020. URL consultato l'11 aprile 2020.
  8. ^ D. J. Cole, L. M. Cross e J. C. Drummond, Thiopentone and methohexital, but not pentobarbitone, reduce early focal cerebral ischemic injury in rats, in Canadian Journal of Anaesthesia = Journal Canadien D'anesthesie, vol. 48, n. 8, 2001-09, pp. 807–814, DOI:10.1007/BF03016699. URL consultato l'11 aprile 2020.
  9. ^ E. Solcia, C. Capella e R. Fiocca, The gastroenteropancreatic endocrine system and related tumors, in Gastroenterology Clinics of North America, vol. 18, n. 4, 1989-12, pp. 671–693. URL consultato l'11 aprile 2020.
  10. ^ a b euthanasics, su web.archive.org, 21 agosto 2008. URL consultato l'11 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2008).
  11. ^ (EN) Kenneth Biros Execution: Ohio Man First to Die Under 1-Drug Thiopental Sodium Method, su www.cbsnews.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  12. ^ (EN) Dominic Casciani, Lethal injection drug move by UK, in BBC News, 29 novembre 2010. URL consultato l'11 aprile 2020.
  13. ^ (EN) Execution due with drugs from UK, in BBC News, 24 gennaio 2011. URL consultato l'11 aprile 2020.
  14. ^ (EN) Export controls: torture goods, su GOV.UK. URL consultato l'11 aprile 2020.
  15. ^ Regolamento (UE) n. 1352/2011 del Consiglio dell'UE
  16. ^ (EN) Truth serum used on 'serial child killers', su The Sydney Morning Herald, 12 gennaio 2007. URL consultato l'11 aprile 2020.
  17. ^ Stevens, Serita, 1949-, Book of poisons : a guide for writers, 1st ed, Writer's Digest Books, 2007, ISBN 1-58297-456-X, OCLC 71552372. URL consultato l'11 aprile 2020.
  18. ^ T. Pearlman, Behavioral desensitization of phobic anxiety using thiopental sodium, in The American Journal of Psychiatry, vol. 137, n. 12, 1980-12, pp. 1580–1582, DOI:10.1176/ajp.137.12.1580. URL consultato l'11 aprile 2020.
  19. ^ MAPS - Volume 8 Number 1 - Spring 1998 - The LSD Therapy Career of Jan Bastiaans, M.D., su maps.org. URL consultato l'11 aprile 2020.
  20. ^ Martin Weber, Leonid Motin e Simon Gaul, Intravenous anaesthetics inhibit nicotinic acetylcholine receptor-mediated currents and Ca2+ transients in rat intracardiac ganglion neurons, in British Journal of Pharmacology, vol. 144, n. 1, 2005-01, pp. 98–107, DOI:10.1038/sj.bjp.0705942. URL consultato l'11 aprile 2020.
  21. ^ W. D. Winters, E. Spector e D. P. Wallach, Metabolism of thiopental-S35 and thiopental-2-C14 by a rat liver mince and identification of pentobarbital as a major metabolite, in The Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, vol. 114, n. 3, 1955-07, pp. 343–357. URL consultato l'11 aprile 2020.
  22. ^ C. Bory, C. Chantin e R. Boulieu, [Use of thiopental in man. Determination of this drug and its metabolites in plasma and urine by liquid phase chromatography and mass spectrometry], in Comptes rendus de l'Academie des sciences. Serie III, Sciences de la vie, vol. 303, n. 1, 1986, pp. 7–12. URL consultato l'11 aprile 2020.
  23. ^ (EN) Learn About Medications and Drugs on eMedicineHealth, su eMedicineHealth. URL consultato l'11 aprile 2020.
  24. ^ M. F. James e R. J. Hift, Porphyrias, in British Journal of Anaesthesia, vol. 85, n. 1, 2000-07, pp. 143–153, DOI:10.1093/bja/85.1.143. URL consultato l'11 aprile 2020.
  25. ^ J. Pereda, L. Gómez-Cambronero e A. Alberola, Co-administration of pentoxifylline and thiopental causes death by acute pulmonary oedema in rats, in British Journal of Pharmacology, vol. 149, n. 4, 2006-10, pp. 450–455, DOI:10.1038/sj.bjp.0706871. URL consultato l'11 aprile 2020.
  26. ^ Thatcher, Virginia S. (Virginia Sarah), 1917-2004., History of anesthesia : with emphasis on the nurse specialist, Garland, 1984, [©1953], ISBN 0-8240-6525-5, OCLC 10998547. URL consultato l'11 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]