T2 Trainspotting

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da T2: Trainspotting)
T2 Trainspotting
T2 Trainspotting.jpg
I quattro protagonisti in una scena del trailer
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito
Anno 2017
Durata 117 min
Rapporto 1,85 : 1
Genere drammatico
Regia Danny Boyle
Soggetto Irvine Welsh (romanzi)
Sceneggiatura John Hodge
Produttore Bernard Bellew, Danny Boyle, Christian Colson, Andrew Macdonald
Casa di produzione Cloud Eight Films, DNA Films, Decibel Films, TriStar Pictures
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Fotografia Anthony Dod Mantle
Montaggio Jon Harris
Scenografia Mark Tildesley
Costumi Steven Noble
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

T2 Trainspotting, noto semplicemente anche come Trainspotting 2, è un film del 2017 diretto da Danny Boyle.

La pellicola è il sequel del film cult Trainspotting (1996)[1][2] e adattamento cinematografico dei romanzi Trainspotting e Porno. Per questo film sono tornati, oltre al regista Boyle e allo sceneggiatore John Hodge, anche i quattro protagonisti del film originale, Ewan McGregor, Robert Carlyle, Jonny Lee Miller e Ewen Bremner.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Vent'anni dopo le vicende narrate nel primo film, Mark Renton torna da Amsterdam, dove vive con la moglie, ad Edimburgo: sua madre è ormai morta, mentre suo padre vive da solo nella casa di famiglia. Daniel "Spud" Murphy lotta ancora con la dipendenza da eroina, che gli impedisce di portare avanti il rapporto con la partner di lunga data, Gail, e il figlio di lei, Fergus. Simon "Sick Boy" Williamson continua a vivere una vita di crimine e dodgy-dealing: a Leith gestisce con scarso profitto un pub chiamato Port Sunshine, lasciatogli in eredità da sua zia; al contempo, non esita ad occuparsi di svariate attività illecite: estorsione, ricatto, coltivazione di piante di cannabis nel proprio seminterrato. Francis "Franco" Begbie sta scontando una pena detentiva di 25 anni e gli è appena stato negato l'appello a causa del suo temperamento violento.

Dopo aver visitato il padre e la sua vecchia camera da letto, Mark va a trovare Spud nel suo appartamento, trovandolo in condizioni disperate: Spud sta cercando di suicidarsi con del nastro adesivo ed un sacchetto di plastica che si è avvolto intorno alla testa nel tentativo di soffocarsi. Mark butta giù la porta e salva Spud, che inizialmente non accoglie l'intervento; Mark, però, vuole aiutarlo ad uscire dalla sua dipendenza da eroina e conciliare con Simon, che è ancora arrabbiato con Mark per averli traditi (anche se secondo Mark, Simon avrebbe fatto lo stesso).

Mark visita Simon a Port Sunshine. Anche se inizialmente Simon saluta in maniera amichevole Mark, interrogandolo sulla sua vita ad Amsterdam, l'incontro si sviluppa ben presto in una violenta rissa: i due non si risparmiano nessun colpo, e si picchiano utilizzando stecche da biliardo, boccali, e qualsiasi altro oggetto insito nel locale, che viene devastato senza alcun indugio. Mark, svenuto, ha una visione nella quale una ragazza gli regge la testa mentre, privo di sensi, giace sul tavolo da biliardo: quando si sveglia, rivolge il proprio sguardo verso Simon, il quale sta assumendo della cocaina. Mark, a quel punto, decide di abbandonare il locale, ma prima lancia a Simon una busta contenente quattromila sterline: la quota derivante dall'affare relativo all'eroina che sarebbe spettata a Simon, ma che Mark vent'anni prima rubò.

Begbie finisce all'ospedale volutamente e successivamente fugge, approfittando della bassa sicurezza. Si riunisce brevemente con la moglie e il figlio, e quindi visita Simon, il quale gli spiega che intende fingere un'amicizia con Mark per poi tradirlo, simulando così una collaborazione con Begbie, che è ancora in cerca di vendetta contro Mark.

Mark prende Spud e vanno a correre su Seat, e mentre guardano dall'alto Edimburgo spiega a Spud che lui è un tossicodipendente, ma che ha solo bisogno di scambiare la sua tossicodipendenza con qualcos'altro, come l'esercizio fisico.

Mark decide di rimanere ad Edimburgo e, recatosi a Leith, fa visita a Simon per spiegargli che il suo matrimonio sta finendo e che sarebbe tornato ad Amsterdam solamente per spostare la sua roba fuori dall'appartamento di proprietà della moglie. Mark, inoltre, spiega che tre mesi prima ha subito un colpo al cuore che lo ha costretto ad un intervento con il quale gli è stato inserito uno stent, e che rischia di perdere il proprio posto di lavoro perché l'azienda presso la quale è impiegato sta riducendo il relativo personale. Simon, allora, propone a Mark un affare: ristrutturare il piano superiore dell'edificio nel quale si trova il suo pub, e renderlo un "centro ricreativo" gestito da Veronika, la "partner" di Simon comparsa nella visione che Mark ha avuto dopo la rissa con lo stesso Simon - donna che, peraltro, ha partecipato alle attività criminali svolte dal compagno. I tre, quindi, si dirigono a Glasgow ed entrano in un Orange Lodge, dove si riempiono le tasche rubando le carte di credito della clientela lì riunita. Tuttavia, mentre stanno per abbandonare il locale, il padrone di casa, insospettito, si rifiuta di lasciarli andare senza che cantino una canzone, e Mark e Simon (cantando e suonando il pianoforte, rispettivamente) improvvisano una canzone sulla battaglia del Boyne del 1690, le cui strofe terminano sempre con il grido "Non c'erano più cattolici!". I tre, tornati ad Edimburgo e immaginando che l'anno della battaglia sia il PIN di ciascuna delle carte bancarie, riescono effettivamente a rubare un gran quantitativo di denaro da ogni account a cui possono accedere. Simon e Mark, a quel punto, tengono una presentazione presso la sede del Parlamento scozzese, nel tentativo di ottenere fondi per lo sviluppo europeo con i quali avviare il proprio progetto, che in tale occasione è spacciato diversamente - ossia come un locale volto alla conservazione di alcune tradizioni locali.

Mentre è in fuga, Begbie inizia a rapinare case, portando con sé il figlio Frank Jr, sebbene l'aspirazione di quest'ultimo sia frequentare il college. Begbie vende i beni rubati al suo vecchio amico Mikey Forrester, che ora è un "uomo d'affari" di successo. Mentre è nel magazzino di Forrester, Begbie apre un frigorifero e vi trova sacchi e scatole contenenti migliaia di compresse di Viagra. Prende alcune delle compresse e va in una discoteca. Mentre si trovano nei bagni, Begbie e Renton si incontrano per caso, ma Renton, dopo un rocambolesco inseguimento, sfugge a Begbie saltando sul tetto di una macchina che esce da un garage e finendo in strada, dove cade e scappa.

Begbie poi visita Spud per scoprire dove Mark si nasconde, e scopre che Spud (che sta lavorando per Simon ristrutturando il piano superiore del Port Sunshine, il quale deve essere utilizzato come "centro ricreativo" di Veronika) sta scrivendo delle pagine che raccolgono le avventure che anni prima visse insieme allo stesso Begbie, a Mark, a Simon e agli altri. Veronika visita per coincidenza Spud nello stesso momento. Per mezzo del telefono di Veronika, Begbie inganna sia Simon sia Mark, inviando autonomamente dei messaggi con i quali chiede a Renton e a Sick Boy di incontrarsi al pub di Simon. Veronika e Spud, utilizzando le abilità di falsificazione di Spud scoperte durante la permanenza in carcere di lui, spostano il denaro costituito dai fondi ottenuti sul conto bancario di Veronika. Veronika chiede a Spud di andare via con lei. Spud rifiuta. Veronika, allora, offre la metà del denaro a Spud, ma Spud rifiuta ancora una volta, dicendo che è un drogato e che li scialacquerebbe soltanto per soddisfare la propria dipendenza, così li lascia in eredità a Gail e a Fergus. Simon e Mark si incontrano al pub, seguiti da Spud che arriva per avvertirli della trappola di Begbie. Prima che possano sfuggire, Begbie arriva e fa scoppiare una rissa, battendo Simon e rendendolo inconscio, per poi inseguire Mark al piano superiore. Qui gli rivela di aver ucciso un uomo pensando a lui e al suo tradimento di vent'anni prima, chiarendo dunque le ragioni della pena detentiva di 20 anni. Mark fugge verso il tetto, Begbie lo segue e lo spinge facendolo precipitare dalle travi. Mentre cade, Marck rimane impigliato tra dei cavi che penzolano dal soffitto, i quali divengono un cappio stretto attorno al suo collo; Begbie, allora, comincia a soffocarlo a morte tenendolo per le gambe e trascinandolo verso il basso. Simon interviene tempestivamente scagliandosi contro Begbie, quindi si appresta a salvare Mark. Begbie, intanto, si rialza e tenta di caricare il suo fucile da caccia, ma sopraggiunge Spud, che lo colpisce violentemente alla testa con un water, rendendolo così incosciente. Mark, Spud e Simon, stufi di Begbie, lo rinchiudono nel bagagliaio di un'automobile, lasciando questa alle porte della prigione. Veronika mantiene il denaro che ha rubato a Simon e a Mark, tornando in Bulgaria per riunirsi con suo figlio. Spud inizia una nuova carriera da scrittore, e i suoi ricordi costituiscono la base di un libro. Mark riconcilia la sua amicizia con Simon e ritorna nella casa dei suoi genitori. Abbraccia suo padre, raggiunge la sua camera e lì, con il suo giradischi, ascolta "Lust for Life".

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 10 marzo 2016 a Edimburgo, in Scozia.[3][4]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[5][modifica | modifica wikitesto]

  1. Lust for Life – remix dei The Prodigy
  2. Shotgun MouthwashHigh Contrast
  3. SilkWolf Alice
  4. Get UpYoung Fathers
  5. RelaxFrankie Goes to Hollywood
  6. Eventually But (Spud’s Letter to Gail)Underworld feat. Ewen Bremner
  7. Only God KnowsYoung Fathers
  8. Dad’s Best FriendThe Rubberbandits
  9. DreamingBlondie
  10. Radio Ga GaQueen
  11. It's Like ThatRun DMC e Jason Nevins
  12. (White Man) in Hammersmith PalaisThe Clash
  13. Rain or ShineYoung Fathers
  14. Whitest Boy on the BeachFat White Family
  15. Slow SlippyUnderworld

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Parte del cast e il regista all'anteprima del film alla Berlinale 2017

Il primo teaser trailer del film viene diffuso il 25 luglio 2016,[6] mentre il trailer esteso è stato diffuso il 3 novembre seguente.[7]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche britanniche a partire dal 27 gennaio 2017, in quelle statunitensi dal 3 febbraio seguente[8] ed in Italia dal 23 febbraio.[9]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film è stato vietato ai minori di 17 anni non accompagnati da un adulto per la presenza di "nudità, violenza, contenuti sessuali e uso di droghe".[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giulia Echites, "Trainspotting", vent'anni di un culto. E per il secondo niente droga, in la Repubblica, 23 febbraio 2016. URL consultato il 17 febbraio 2017.
    «Trainspotting usciva in Inghilterra il 23 febbraio 1996 [...] e oggi tutto di quel film è un culto: i dialoghi, la colonna sonora, i personaggi.».
  2. ^ (EN) Barry Nicolson, ‘Trainspotting’: an oral history of the cult film and its sequel, in New Musical Express, 27 gennaio 2017. URL consultato il 17 febbraio 2017.
    «...the book, film and soundtrack that defined a generation...».
  3. ^ (EN) Scarlett Russell, Trainspotting 2 is on! Danny Boyle starts shooting the sequel in Edinburgh, digitalspy.com, 11 marzo 2016. URL consultato il 25 luglio 2016.
  4. ^ (EN) Alistair Munro, Shooting of Trainspotting 2 movie begins, edinburghnews.scotsman.com, 10 marzo 2016. URL consultato il 25 luglio 2016.
  5. ^ Andrea Bedeschi, T2 – Trainspotting 2, ecco la tracklist della colonna sonora, badtaste.it, 12 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  6. ^ Filmato audio Sony Pictures Entertainment, T2: TRAINSPOTTING - Teaser Trailer (HD), su YouTube, 25 luglio 2016. URL consultato il 25 luglio 2016.
  7. ^ Filmato audio Sony Pictures, T2 Trainspotting Official Trailer – At Cinemas January 27, su YouTube, 3 novembre 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  8. ^ (EN) Dave McNary, ‘Trainspotting 2’ to Hit U.S. Theaters in February, Variety, 17 maggio 2016. URL consultato il 25 luglio 2016.
  9. ^ T2: TRAINSPOTTING, ANTICIPATA L'USCITA ITALIANA, Paramount Channel, 19 gennaio 2017. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  10. ^ (EN) Parents Guide for T2 Trainspotting, Internet Movie Database. URL consultato il 5 febbraio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema