Swat (stato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stato di Swat
Stato di Swat – Bandiera
Dati amministrativi
Nome completo د سوات يوسفزۍ واکمني
Nome ufficiale State of Swat
Lingue parlate indiano, inglese
Capitale Saidu Sharif
Dipendente da Regno Unito dal 1849 al 1949
Politica
Forma di governo regno
Nascita 1849 con Sayyid Akbar Shah
Fine 1949 con Miangul Golshahzada Abdul-Wadud Badshah Sahib
Territorio e popolazione
Massima estensione 8.250 km2 nel {{{periodo massima espansione}}}
Economia
Valuta rupia di Swat
Commerci con India britannica
Religione e società
Religioni preminenti induismo
Religione di Stato induismo
Religioni minoritarie anglicanesimo, cattolicesimo
Classi sociali patrizi, clero, popolo
Stato di Swat - Mappa
Evoluzione storica
Succeduto da Pakistan

Lo Stato di Swat fu uno stato principesco del subcontinente indiano, avente per capitale la città di Saidu Sharif.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La regione dello Swat era già abitata migliaia di anni prima della costituzione dello Stato dal popolo Udyana che prosperò per la posizione strategica in cui era posto lo Stato, al crocevia di importanti aree di commercio sin dall'antichità e che conobbe il passaggio di Alessandro il Grande e del sultano Mahmud di Ghazni.

Swat divenne già nei primi secoli dopo Cristo uno dei principali centri del buddismo nell'area, con lo sviluppo della scuola Mahayana e la presenza del pellegrino cinese Fa-Hsien, che menzionò nel V secolo la presenza di circa 500 monasteri in tutta la valle. Dopo di lui, Sun Yun (519 d.C.), Hsuan-tsang (630 d.C.) e Wu-kung (752 d.C.) fecero visita a Swat e la definirono come una regione molto ricca con un clima favorevole, ampie foreste ed alberi da frutto.

La dinastia Kushan governò il paese per secoli sino a quando non venne spodestata dagli Hefalitinel V secolo e la gloria dei Gandhara terminò col declino del buddismo col consequenziale abbandono di oltre 1400 monasteri.

Dall'VIII secolo in poi, gli arabi iniziarono ad esercitare una certa pressione sull'area da ovest e gran parte delle terre passarono sotto dinastie di religione islamica. Diverse tribù pashtun e turche avanzarono verso Laghmanat, Ningarhar e Dir per invadere lo Swat, sconfiggendo buddisti e indù ed ottenendo il controllo dell'area. Tra il 1519 ed il 1520 queste tribù vennero sottomesse all'Impero moghul.

Dopo aver ottenuto nel XVIII secolo l'indipendenza dai moghul ed il governo dei capi relgiosi, nel 1849 venne ufficialmente istituito lo Stato islamico di Swat sotto Sayyid Akbar Shah, anche se dopo la morte di questa e sino al 1915 la reggenza dello Stato fu sempre più complessa dai tumulti interni. Nel 1917 venne nominato regnante Miangul Abdul Wadud. Gli inglesi, che nel frattempo avevano ottenuto anche il protettorato sull'area, riconobbero questo nuovo Stato sovrano nel 1926. A seguito della dichiarazione d'indipendenza pakistana nel 1947, lo Stato venne annesso al Pakistan.

Governanti[modifica | modifica wikitesto]

I regnanti dello Swat mantennero il titolo di Amir-e Shariyat e dal 1918 furono noti col nome di Padishah; il titolo venne cambiato con quello di Wali nel 1926 quando lo Stato divenne a tutti gli effetti parte del British Raj.

Regno Nome[1]
1849 - 11 maggio 1857 Sayyid Akbar Shah
11 maggio 1857 - 1878 Abdul Ghauffur Khan, detto anche 'Akhund di Swat'
1878–1915 Senza un regnante fisso al trono
1915 - settembre 1917 Said Abdul-Jabbar Khan
settembre 1917 - 1947 Miangul Golshahzada Abdul-Wadud Badshah Sahib

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ben Cahoon, WorldStatesmen.org, Pakistan Princely States, su worldstatesmen.org. URL consultato il 3 ottobre 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hunter, William Wilson, Sir, et al. (1908). Imperial Gazetteer of India, 1908-1931; Clarendon Press, Oxford.
  • Markovits, Claude (ed.) (2004). A History of Modern India: 1480-1950. Anthem Press, London.
India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India