Jaisalmer (stato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stato di Jaisalmer
Stato di Jaisalmer – Bandiera Stato di Jaisalmer - Stemma
Dati amministrativi
Nome completo जैसलमेर
Nome ufficiale State of Jaisalmer
Lingue parlate indiano, inglese
Capitale Jaisalmer
Dipendente da Regno Unito dal 1818 al 1949
Politica
Forma di governo regno
Nascita 1156
Fine 1947 con Jawahir Singh
Territorio e popolazione
Massima estensione 41.600 km2 nel {{{periodo massima espansione}}}
Popolazione 76.255 nel 1931
Economia
Valuta rupia di Jaisalmer
Commerci con India britannica
Religione e società
Religioni preminenti induismo
Religione di Stato induismo
Religioni minoritarie anglicanesimo, cattolicesimo
Classi sociali patrizi, clero, popolo
Evoluzione storica
Succeduto da India

Lo Stato di Jaisalmer fu uno stato principesco del subcontinente indiano, avente per capitale la città di Jaisalmer.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il maharawal Jaisal Singh in un dipinto conservato al Forte di Jaisalmer.

Lo Stato di Jaisalmer fa risalire la sua fondazione come partizione del regno di Devgarh. La capitale, Jaisalmer, venne fondata nel 1156 e rimase poi sotto l'impero moghul prima e maratha poi sino all'arrivo del protettorato britannico ad inizio ottocento.[1]

Sin dalla sua fondazione, il regno era tradizionalmente legato al commercio di carovane ed al passaggio di viaggiatori, ma l'economia ne risentì molto quando Bomay emerse come il principale porto indiano a sostituzione dei collegamenti terrestri sul subcontinente. I maharawal Ranjit Singh e Bairi Sal Singh tentò di ridurre l'impoverimento del regno ma un'improvvisa carestia dal 1895 al 1900 piagò ulteriormente la popolazione, durante il regno del maharawal Salivahan Singh.

Il maharawal Jawahir Singh (1914–49) tentò una modernizzazione dello Stato, ma questo fatto fallì facendo rimanere lo Stato arretrato e senza un'economia stabile se comparato ad altri stati nell'area del Rajasthan.

Governanti[modifica | modifica wikitesto]

Maharawal[modifica | modifica wikitesto]

  • 1661 - 1702 Amar Singh (n. 16. - m. 1702)
  • 1702 - 1708 Jaswant Singh (n. dopo il 1722)
  • 1708 - 1722 Budh Singh (n. 1722)
  • 1722 - 1762 Akhi Singh
  • 1762 - 1820 Mulraj II (n. .. - m. 1820)
  • 1820 - 1846 Guj Singh (n. .. - m. 1846)
  • 1846 - giugno 1864 Ranjit Singh
  • 1864 - 1891 Bairi Sal (n. .. - m. 1891)
  • 12 aprile 1891 - 11 aprile 1914 Shyam Singh (n. 1887 - m. 19..)
  • 9 luglio 1914 - 15 agosto 1947 Jawahir Singh (n. 1882 - m. 1949)

Dewan (primi ministri)[modifica | modifica wikitesto]

  • c.1885 - 1891 Mohata Nathmal
  • c.1890 - 1903 Mehta Jagjiwan
  • 189. - 1900 Thakur Kushal Singh (de facto)
  • 1900 Rawatmal (de facto)
  • c.1909 Lakshmi Das Sapat
  • 1911 - Jun 1912 Mohammed Niyaz Ali Kazi Hapiri (m. 1866 - n. 19.)
  • Jun 1912 - 21 Mar 1930 Murarji Rooji (Moraji Rao) Sapat
  • 19. - 19. M.L. Khosala
  • 19. - 19. Pandit Jamana Lal
  • 19. - 19. Munshi Nand Kishore
  • 19. - 19. Lala Rakhpat Raj
  • 19. - 19. P.K. Shurugula
  • 19. - 19. Brij Mohan Nath Zutshi
  • 19. - 19. Anand Swaroop
  • 19. - 19. Onkar Singh
  • c.1940 - c.1942 Lakhpat Rai Sikund

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hunter, William Wilson, Sir, et al. (1908). Imperial Gazetteer of India, 1908-1931; Clarendon Press, Oxford.
  • Markovits, Claude (ed.) (2004). A History of Modern India: 1480-1950. Anthem Press, London.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN146703297 · GND: (DE4573868-3
India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India