Srilankesi in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Srilankesi in Italia
Luogo d'origineSri Lanka Sri Lanka
Popolazione111 056 (2019)
LinguaCingalese, tamil, inglese, italiano
ReligioneBuddhismo, Induismo, Cattolicesimo romano

Gli srilankesi in Italia sono una comunità migrante rilevante, che supera le 100 000 persone. La presenza srilankese (o cingalese) in Italia è attestata sin dagli anni '70.

Storia migratoria e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Cittadini srilankesi residenti in Italia
Dati ISTAT anni 2001-2012[1]
2001 (Censimento) 26 474 [2]
2002 34 177 [3]
2003 39 231 [4]
2004 45 572 [5]
2005 50 528 [6]
2006 56 745 [7]
2007 61 064 [8]
2008 68 738 [9]
2009 75 343 [10]
2010 81 094 [11]
2011 (Censimento) 71 203 [12]
2012 79 530 [13]

I primi fenomeni migratori di rilievo dallo Sri Lanka verso l'Italia ebbero luogo nella seconda metà degli anni settanta. Si trattava prevalentemente di donne cattoliche assunte come lavoratrici domestiche; seguirono a partire dai primi anni ottanta ingressi di persone in precedenza dipendenti di imprese italiane nello Sri Lanka. Le ragioni di questo flusso consistevano principalmente nelle maggiori possibilità di ingresso in Italia rispetto ad altri Stati occidentali, tanto che l'Italia era spesso una meta di ripiego dopo che gli emigranti vedevano rigettate le loro domande di entrata in altri Paesi[14].

A partire dalla metà degli anni ottanta e per tutti gli anni novanta avvenne un notevole incremento del flusso, causato dai disordini civili scoppiati nel 1983[15] e da alcuni provvedimenti legislativi italiani (fra cui la legge n. 617 del 9 dicembre 1996 sul ricongiungimento familiare) che ebbero anche la conseguenza di bilanciare le componenti maschile e femminile[16].

Accanto all'immigrazione regolare prese consistenza quella clandestina, gestita da organizzazioni criminali che gestiscono gli arrivi tramite l'Austria o i Balcani[17].

All'inizio del nuovo millennio gli srilankesi in Italia erano ragionevolmente circa quaranta o cinquantamila, ma dati più precisi erano discordanti: l'ISTAT ne contava circa ventiseimila al 2001[2], l'Ambasciata srilankese a Roma circa ottantamila al 2004, mentre la Caritas parlava di circa trentaseimila persone[17]. La comunità srilankese in Italia ha oltrepassato le ottantamila presenze nel 2010; nel 2014 erano regolarmente residenti in Italia circa centomila srilankesi, costituendo la sedicesima comunità etnica in Italia per presenze e una delle maggiori del continente asiatico[15][18][19].

Si stima che i tamil dello Sri Lanka costituiscano almeno un terzo degli immigrati dello Sri Lanka in Italia. La diaspora tamil è concentrata in varie parti del Paese e prevalentemente a Palermo, Catania, Milano, Reggio Emilia, Napoli, Bologna e Lecce dove sono presenti numerose organizzazioni culturali e linguistiche.[20]

La comunità srilankese in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Gli srilankesi residenti in Italia sono per la maggior parte di etnia singalese, mentre nettamente minoritaria è la componente tamil. Dati precisi non sono disponibili, ma si stima che questi ultimi costituiscano circa un terzo del totale[16].

Al 2010 la comunità srilankese era maggiormente concentrata in Lombardia, Veneto e Sicilia, mentre la città maggiormente scelte come meta di trasferimento era Milano (che nel 2014 oltrepassava le ventiduemila presenze[15]), seguita da Verona, Roma e Napoli[21].

Le statistiche evidenziano che la maggior parte degli immigrati srilankesi in Italia è di giovane età; inoltre, a differenza di quanto avveniva nei decenni passati, prevale negli ultimi anni la componente maschile su quella femminile. Il tasso di scolarizzazione è piuttosto basso. Più della metà dei residenti in Italia è occupata, prevalentemente come lavoratori subordinati nel settore dei servizi alla persona, alberghieri e della ristorazione, ma il livello di reddito è decisamente basso[19][22]. Notevoli sono tuttavia le rimesse di denaro dall'Italia allo Sri Lanka[18].

Da un punto di vista religioso gli srilankesi in Italia si dividono fra cattolici e buddhisti[15].

Fra gli italo-srilankesi più noti si ricordano i giocatori di cricket Hemantha Jayasena, Samantha de Mel e Samantha Ketipe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A parte i dati relativi ai censimenti nazionali del 2001 e del 2011, gli altri dati sono rilevati al 31 dicembre dell'anno indicato, calcolati dall'ISTAT in base al bilancio demografico nazionale.
  2. ^ a b 14º Censimento della popolazione: dati definitivi. Stranieri residenti in famiglia e in convivenza (PDF), su http://dawinci.istat.it/, 16 giugno 2004. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  3. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2002 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  4. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2003 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  5. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2004 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  6. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2005 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  7. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2006 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 19 ottobre 2014.
  8. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2007 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  9. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2008 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  10. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2009 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  11. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2010 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  12. ^ Gli stranieri al 15º Censimento della popolazione (PDF), su http://www.istat.it/, 23 dicembre 2013. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  13. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2012 Italia - Tutti i Paesi, su http://demo.istat.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  14. ^ Henayaka-Lochbihler, Lambusta, p. 3.
  15. ^ a b c d Alessandra Lanza, Lo Sri Lanka visto da Milano, su http://www.vocidimilano.it/, 24 marzo 2014. URL consultato il 30 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2014).
  16. ^ a b Henayaka-Lochbihler, Lambusta, p. 3-4.
  17. ^ a b Henayaka-Lochbihler, Lambusta, p. 4.
  18. ^ a b In Italia circa 100.000 srilankesi, la metà è occupata, su http://www.adnkronos.com/, 20 febbraio 2014. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  19. ^ a b Danilo Patrocinio e Antonio Schindler (a cura di), I disturbi della comunicazione nella popolazione multilingue e multiculture, Franco Angeli, 2014, pp. 64-65, ISBN 978-88-917-0748-2.
  20. ^ Sri Lankan Diaspora in Italy (PDF), su berghof-peacesupport.org. URL consultato il 17 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2013).
  21. ^ Cingalesi in Italia, su http://www.comuni-italiani.it/. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  22. ^ Henayaka-Lochbihler, Lambusta, p. 6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]