Bengalesi in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bengalesi in Italia
Luogo d'origineBangladesh Bangladesh
Popolazione139 953 (2019)
Linguabengalese, inglese, italiano
ReligioneIslam, Buddhismo, Induismo, Cattolicesimo romano
Gruppi correlatiBengalesi

La presenza dei bengalesi in Italia è attestata a partire dagli anni '80.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

I bengalesi formano una delle più grandi popolazioni di immigranti in Italia. Nel 2013 ne sono stati censiti oltre 80 000[1]. La maggior parte risiedono nel Lazio, in Lombardia e Veneto con grandi concentrazioni nelle città di Roma, Milano Venezia. Inoltre, quella bengalese è la più numerosa fra le comunità di cittadini stranieri presenti a Palermo.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi bengalesi arrivarono in Italia negli anni '80 del XX secolo. Tra il 1989 e la metà degli anni '90 il numero dei bengalesi che viveva a Roma è incrementato 200-300 volte diventando la seconda grande comunità bengalese dell'Europa continentale. In seguito la popolazione è raddoppiata, principalmente attraverso una immigrazione irregolare, fino a raggiungere le 82 000 unità[3].

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei bengalesi in Italia provengono dai distretti di Dhaka Faridpur, Comilla e Noakhali[3].

Il 70,4% sono maschi. Il 58,9% della popolazione bengalese (da 15 anni in su) è impiegata - l'1,3 % sopra la media dei migranti non-UE del paese.

La classe d'età prevalente presso la comunità bengalese è tra i 30 e i 39 anni, il 38% della comunità residente in Italia. Il 24,3% è composta da minori.

Il tasso di disoccupazione è leggermente più basso della totalità dei migranti non-UE (12.9% contro il 14,5%).

Di per sé, il settore terziario assorbe quasi il 70% dei lavoratori della comunità: il 20,2% lavoro nel settore ospedaliero, il 16,6% in altri servizi pubblici e sociali, e il 26,9% nel commercio.

La percentuale di bengalesi impiegata nell'industria è il 28,3%. Circa il 57% dei bengalesi impiegati guadagna un'entrata mensile in eccesso di 1 000 - più del 15% dei lavoratori che provengono da paesi non-UE in Italia.

La maggior parte dei lavoratori bengalesi, il 37,6%, guadagna tra i 1 001 e i 1 250 al mese[1].

Al 31 Dicembre 2017 i cittadini Bengalesi in Italia sono 131 967, e le naturalizzazioni tra 2006-2017 sono state 37 000.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b The Bangladeshi Community in Italy - Annual report on the presence of immigrants - 2013 (PDF), Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. URL consultato il 29 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  2. ^ Cittadini Stranieri 2018 - Palermo, su Tuttitalia.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  3. ^ a b Melanie Knights, Bangladeshi Immigrants in Italy: From Geopolitics to Micropolitics, in Transactions of the Institute of British Geographers, vol. 21, nº 1, 11 settembre 1995, pp. 105-123.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]