SimCopter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SimCopter
Sviluppo Maxis
Pubblicazione Maxis
Data di pubblicazione 1996
Genere Simulatore di volo
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Microsoft Windows

SimCopter è un videogioco strategico pubblicato dalla Maxis nel 1996. Questo è un videogioco 3D che mette il giocatore a comando di una città tridimensionale . Come Streets of SimCity, SimCopter permette l'importazione di utente di una mappa di SimCity 2000 nel videogioco.

Descrizione generale[modifica | modifica wikitesto]

Come propone il nome, SimCopter mette il giocatore nel ruolo di un pilota di elicottero. Ci sono due modalità di gioco: modalità libera e modalità di carriera. La modalità carriera ci vede impegnati nel pilotare un elicottero (inizialmente ne avremo a disposizione uno solo) per svolgere vari incarichi che ci verranno assegnati di volta in volta: ingorghi stradali, incendi, trasporto di persone da un luogo all'altro, trasporto di feriti all'ospedale, salvataggio di cittadini da tetti, imbarcazioni rovesciate o treni in movimento, rapinatori e sommosse. Completando con successo le varie missioni verremo ricompensati con punti (che segnano il passaggio da una città ad un'altra di livello di difficoltà più alto) e soprattutto soldi, con cui acquistare nuovo equipaggiamento per l'elicottero (oltre la tazza d'acqua e il megafono potremo acquistare il cannone ad acqua, l'imbracatura di soccorso e il gas lacrimogeno), riparare eventuali danni e rifornirci di carburante, fino ad acquistare nuovi elicotteri più veloci e capienti con cui, nei livelli più avanzati, meglio riusciremo a tenere testa alle molte missioni che ci verranno assegnate contemporaneamente. La modalità libera ci permette di importare e volare attraverso città personalizzate create con SimCity2000 o una qualsiasi delle 30 città fornite dal gioco, potendo liberamente decidere la difficoltà e la tipologia di emergenze che vorremo affrontare, senza limite di punteggio da raggiungere.

Easter Egg[modifica | modifica wikitesto]

Jacques Servin inserì nel gioco una easter egg che gli costò il lavoro. In giorni particolari i maschi andavano in giro per la città vestiti con calzoncini da bagno, baciando chiunque incontrassero. Si scoprì di questa easter egg quando erano già state vendute circa 78.000 copie del gioco e Servin fu licenziato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi