Roberto Biffi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Biffi
Roberto Biffi 1988.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186[1] cm
Peso 83[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2006 - giocatore
Carriera
Giovanili
1975-1983 Milan
Squadre di club1
1982-1983 Milan 4 (0)
1983-1984 Foggia 26 (0)
1984-1985 Modena 21 (1)
1985-1986 Prato 23 (3)
1986-1987 Parma 0 (0)
1986 ott.→Mantova 29(5)
1987-1988 Prato 25 (2)
1988-1999 Palermo 319 (18)[2]
1999-2000 Fidelis Andria 29 (2)
2000-2003 Savona 79 (2)
2003-2005 Sanremese 39 (1)
2005-2006 Ventimiglia 27 (3)
Nazionale
1981-1982Italia Italia U-163 (0)
1982-1983Italia Italia U-172 (0)
1983-1984Italia Italia U-183 (0)
Carriera da allenatore
2006-2007600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Sanremo Boys
2007-2008Sanremese
2008-2009Savona
2009-2010Botev PlovdivVice
2010-2011Montevarchi
2011-2012Imperia
2012-2013Loanesi
2013-2015Sestrese
2015-2016Loanesi
2016-2018600px Arancione e Nero (Strisce).svg Ospedaletti
2018-2019600px bisection vertical Black HEX-F7C602.svg Alassio
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Biffi (Milano, 21 agosto 1965) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Biffi ha giocato da libero[1][3] ed era in grado sia di impostare l'azione d'attacco[3] che di concluderla.[3] Possedeva un tiro molto forte[3] ed era abile nell'esecuzione dei calci di punizione, riuscendo a realizzare parecchie reti nel corso della sua carriera.[3][4] Giocatore dal temperamento importante, cosa che lo ha indotto ad incappare in qualche espulsione di troppo nel corso della sua lunga attività agonistica.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a giocare nelle giovanili del Milan nell'anno 1975, partendo dai pulcini e percorrendo tutta la trafila delle categorie giovanili; nella stagione 1981-1982 è riuscito a conquistare il campionato Italiano Dante Berretti, battendo nella doppia finale il Bari, con Fabio Capello allenatore. Debutta invece in prima squadra, con la maglia rossonera, in Serie B, nella stagione 1982-1983, giocando quattro partite e ottenendo alla fine la promozione in Serie A.

Negli anni successivi ha militato nel Foggia, nel Modena, nel Prato, nel Parma (dove non scende mai in campo con Arrigo Sacchi in panchina) e nel Mantova, fino a quando non è approdato al Palermo nella stagione 1988-1989, dove ha giocato per undici anni. Qui ha sfiorato per le sue prime due annate la promozione dalla Serie C1 alla Serie B e poi l'impresa della promozione in Serie A nella stagione 1995-1996 da capitano. Dopo l'annata 1998-1999, a 34 anni, ha lasciato i rosanero dopo la sconfitta ai play-off di Serie C1 contro il Savoia: detiene tuttora il record di presenze totali con la maglia del Palermo. Ha giocato anche due gare della finale di Coppa Italia Serie C 1992-1993: quest'ultima competizione è riuscita a conquistarla nella medesima stagione dopo due finali perse consecutivamente, negli anni 1989-1990 e 1990-1991, rispettivamente contro Lucchese e Monza.

In seguito ha giocato nella Fidelis Andria, nel Savona per tre stagioni e nella Sanremese per altre due, riuscendo a centrare la promozione in Serie C con entrambe le squadre. Ha chiuso infine la carriera da calciatore nel Ventimiglia.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato nelle Nazionali giovanili, percorrendo tutta la trafila delle categorie, partecipando alla fase finale del campionato europeo Under 18 svoltosi in Russia nell'anno 1984.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera da allenatore ha avuto inizio nella Sanremese che ha allenato nella stagione 2007-2008. Il 15 luglio 2008 è stato presentato come il nuovo allenatore del Savona, peraltro, in entrambe le squadre ne è stato capitano oltre che giocatore.

Nella stagione 2009-2010 ha rivestito quindi il ruolo di vice allenatore del Botev Plovdiv, nella massima serie del campionato bulgaro.[5][6]

Il 16 febbraio 2011 viene ufficializzato il suo ingaggio da parte del Montevarchi, squadra di Serie D,[7][8] subentrando a Tommaso Volpi. Il 10 febbraio 2012 diventa l'allenatore dell'Imperia nel campionato di Eccellenza, subentrando al dimissionario Alfredo Bencardino.[9]

Il 9 ottobre 2012 approda quindi alla Loanesi,[10] esordendo cinque giorni dopo contro la Rivarolese[11] e conquistando i play-off a fine stagione. Il 4 marzo 2014 diventa l'allenatore della Sestrese, in Eccellenza raggiungendo a fine campionato una salvezza che sembrava impossibile al momento del suo arrivo. Riconfermato l'anno seguente, porta a termine la stagione con buoni risultati.[12]. Nel novembre 2015 è stato richiamato alla guida della Loanesi in sostituzione del dimissionario Enrico Sardo. Nel novembre del 2016 viene chiamato alla guida dell'Ospedaletti Calcio, centrando a fine stagione la promozione nella categoria superiore. Dal 21 Novembre 2018 è il nuovo allenatore dell'Alassio FC che milita in Eccellenza subentrando al dimissionario Marco Mambrin.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1981-1982

Competizioni Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1982-1983
Palermo: 1990-1991
Palermo: 1992-1993
Palermo: 1992-1993
Savona: 2001-2002
Sanremese: 2003-2004

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ospedaletti: 2016-2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 8 (1991-1992), Panini, 25 giugno 2012, p. 82.
  2. ^ 321 (18) se si considerano le 2 presenze nei play-off della stagione 1998-1999
  3. ^ a b c d e Roberto Biffi, il fedelissimo Ballor.net
  4. ^ Luigi Tripisciano, Album rosanero, Palermo, Flaccovio Editore, giugno 2004, p. 153, ISBN 88-7804-260-9.
  5. ^ Botev Plovdiv, in Bulgaria un pezzo della Samb di Piccioni Archiviato il 14 ottobre 2009 in Internet Archive. Sambenedettoggi.it
  6. ^ Curiosa la storia del Botev Plovdid, club bulgaro formato quasi esclusivamente da tecnici e giocatori italiani esclusi dai nostri campionati sport.repubblica.it
  7. ^ Roberto Biffi è il nuovo allenatore Archiviato il 18 febbraio 2011 in Internet Archive. Montevarchicalcio.eu
  8. ^ UFFICIALE: Montevarchi, il nuovo tecnico è l'ex rosanero Biffi Tuttomercatoweb.com
  9. ^ Roberto Biffi nuovo allenatore dell'Imperia Calcio Archiviato l'8 agosto 2014 in Internet Archive. Puntoimperia.it
  10. ^ Roberto Biffi è il nuovo allenatore della Loanesi Svsport.it
  11. ^ Calcio, Loanesi. Buona la prima per Roberto Biffi: "Partita non bella, salvo solo il risultato" Svsport.it
  12. ^ Sestrese, cambio della guardia in panchina Dilettantissimo.tv

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]