Riccardo Fraccaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riccardo Fraccaro
Riccardo Fraccaro Ufficio Ministro.jpg

Ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta
In carica
Inizio mandato 1º giugno 2018
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Anna Finocchiaro
Sito istituzionale

Questore della Camera dei deputati
Durata mandato 29 marzo 2018 –
1º giugno 2018
Presidente Roberto Fico
Successore Federico D'Incà

Segretario della Camera dei deputati
Durata mandato 21 marzo 2013 –
22 marzo 2018
Presidente Laura Boldrini

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione Trentino-Alto Adige
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Trento
Professione Dipendente di una società di servizi energetici

Riccardo Fraccaro (Montebelluna, 13 gennaio 1981) è un politico italiano, già segretario dell'ufficio di presidenza della Camera dei deputati nella XVII legislatura, nella XVIII il 29 marzo 2018 è stato eletto questore della Camera dei deputati. Dal 1º giugno 2018 è ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta nel Governo Conte.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha trascorso la sua gioventù a Riese Pio X, un paese della provincia di Treviso, di cui è originaria la famiglia. Dopo il diploma, si è iscritto all'Università di Trento, dove nel 2011 si è laureato in Giurisprudenza con una tesi in Diritto internazionale dell'ambiente. Prima di essere eletto alla Camera nel 2013 ha lavorato come dipendente di una società energetica. Ha una compagna e due figlie.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 ha fondato il meetup di Trento.[1]

Alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 è stato candidato dal Movimento 5 Stelle come capolista alla Camera ed è stato l'unico deputato pentastellato eletto nella regione. Nel corso della XVII legislatura è stato eletto segretario dell'ufficio di presidenza. Per due anni, sino al 31 marzo 2015, è stato componente della I commissione permanente Affari Costituzionali. In seguito è passato alla XIV commissione permanente Politiche dell'Unione Europea. Dal 7 marzo 2016 è stato componente della commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale.

Ha presentato due disegni di legge come primo firmatario: uno di questi, in materia di conflitti di interessi, è confluito in un testo unificato ed è stato in seguito approvato alla Camera, ma non al Senato[2]. L’altro riguarda l’introduzione e il potenziamento degli strumenti di democrazia diretta.

Luigi Di Maio lo aveva indicato come ministro dei rapporti con il Parlamento, in caso di vittoria elettorale e formazione di un governo pentastellato.

Alle politiche del 2018, dove è stato candidato alla Camera nel collegio uninominale di Pergine Valsugana,[3] ma con il 23% è stato superato sia dal candidato del centrodestra Maurizio Fugatti sia da quello del centrosinistra Lorenzo Dellai. È stato comunque rieletto per effetto della candidatura anche come capolista del Movimento 5 Stelle nel collegio plurinominale del Trentino-Alto Adige.

Ricopre la carica di ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta nel governo Conte. Il ministro interpella l'Agenzia delle entrate in merito all'ambigua interpretazione da parte delle amministrazioni locali della legge in materia di Tassa sull'occupazione di suolo pubblico, formulando esplicita richiesta di esentare da imposta di bollo l’esercizio degli strumenti di democrazia diretta. L'ente ha emesso una risoluzione azzerando i costi a carico dei cittadini per presentare referendum, leggi di iniziativa popolare, istanze e petizioni.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.ildolomiti.it/blog/riccardo-fraccaro
  2. ^ on. Riccardo Fraccaro, su Openpolis. URL consultato il 24 marzo 2018.
  3. ^ CAMERA – COLLEGI UNINOMINALI*
  4. ^ Redazione Politica, Fraccaro: il mio primo atto? Abolita tassa sulla raccolta firme, in Corriere della Sera. URL consultato l'8 agosto 2018.
  5. ^ Fraccaro, via tassa per raccolta firme - Ultima Ora, in ANSA.it, 20 luglio 2018. URL consultato l'8 agosto 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]