Renato Copparoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renato Copparoni
Gavinocopparoni.gif
Copparoni in azione al Torino negli anni 1980
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1988 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Cagliari
Squadre di club1
1972-1978Cagliari72 (-94)
1978-1987Torino32 (-25)
1987-1988Verona1 (-3)
Carriera da allenatore
1992-1997LazioPortieri (Giov.)
1997-1998FoggiaPortieri
1998-2000ChievoPortieri
2004LazioPortieri
2005-2007NuoresePortieri
2007NuoresePortieri e Vice
2008600px Bianco e Rosso Strisce.svg MonrealePortieri
2008-2009600px Bianco e Rosso Strisce.svg Monreale
2009-2010non conosciuta Nuova Italpiombo
2010-non conosciuta Italpiombo Santa Teresa
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Renato Copparoni (San Gavino Monreale, 27 ottobre 1952) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto del vivaio del Cagliari, ebbe davanti a sé Enrico Albertosi e Adriano Reginato. Fece il suo esordio in Serie A il 13 maggio 1973 in Cagliari-Torino (1-0). Ritiratosi il secondo e approdato l'azzurro Albertosi al Milan, al termine della stagione 1973-1974 la società sarda scelse William Vecchi.

L'anno dopo, causa un infortunio di Vecchi,[senza fonte] cambiarono le gerarchie tra i pali e Copparoni si ritrovò ultimo baluardo della squadra, finendo per rimanere coinvolto in un campionato conclusosi con la retrocessione della squadra sarda in Serie B. Confermato per la stagione successiva, contribuì a portare il Cagliari agli spareggi promozione con Pescara e Atalanta.

Copparoni al Cagliari nel corso degli anni 1970

Nel 1978-1979 la scelta di tornare nella massima serie per fare il portiere di riserva nel Torino, dedicandosi con più continuità agli studi universitari per conseguire la laurea in scienze politiche. Fece tanti anni di panchina come secondo di Giuliano Terraneo prima e Silvano Martina poi, e in seguito giocò 4 partite in sette campionati. Durante la stagione 1985-1986 un infortunio a Martina[senza fonte] gli diede la possibilità di tornare a giocare con più continuità: totalizzò 21 presenze con la soddisfazione personale, il 2 marzo 1986 a Napoli, di essere il primo portiere italiano a parare un calcio di rigore a Diego Armando Maradona.[1]

Ceduto Martina alla Lazio, la società preferì acquistare dall'Inter Fabrizio Lorieri; Copparoni, che gli fece da secondo, esordì da titolare a 35 anni in Coppa UEFA: la squadra raggiunse i quarti di finale, e nella partita di ritorno contro il Tirol Innsbruck subì un gol olimpico da Hansi Muller che spianò la strada agli austriaci, che estromisero il Torino dalla competizione.

L'anno dopo si trasferì al Verona per fare da secondo a Giuliano Giuliani, collezionando una sola presenza in campionato (Sampdoria-Verona 3-1) prima dell'addio all'attività agonistica nel 1988.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi, nel 1992 entrò nel settore giovanile della Lazio assieme al tecnico Domenico Caso, occupandosi della preparazione dei portieri della Primavera. L'esperienza alla Lazio si concluse dopo 5 anni, nel corso dei quali ci fu la vittoria del campionato Primavera nel 1995.[2]

Nella stagione 1997/98 seguì Caso al Foggia, in Serie B, sempre col ruolo di preparatore dei portieri.[3] La stagione seguente passò, sempre assieme a Caso, al Chievo, in Serie B, dove restò per due campionati, nonostante l'esonero del tecnico.[3] Nel 2004 collaborò nuovamente con Domenico Caso, allora neo tecnico della Lazio, in Serie A.[2]

Nel 2005, dopo l'esonero alla Lazio, divenne il preparatore dei portieri della Nuorese. Col club sardo ottenne la doppia promozione in Serie D e in Serie C2, rispettivamente nelle stagioni 2004/05 e 2005/06.[4] Nella stagione 2007/08 gli fu affidato anche il ruolo di vice allenatore, tuttavia lasciò il club prima dell'inizio del campionato.[5]

Nel dicembre del 2008 divenne l'allenatore della Monreale, squadra di San Gavino Monreale militante in Eccellenza.[6] La stagione si chiuse con la retrocessione in Promozione.[7]

Nel 2009 fu tra i fondatori della Nuova Italpiombo, società calcistica di San Gavino Monreale, di cui diventò l'allenatore.[8] L'anno seguente la società si fuse con il Santa Teresa, diventando l'Italpiombo Santa Teresa.[9] Nella stagione 2010/11 vinse il campionato di Terza Categoria.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fabrizio Salvio, Reina vice Gigio? Ma chi ci crede, in SportWeek, nº 12 (877), La Gazzetta dello Sport, 24 marzo 2018, pp. 83-86.
  2. ^ a b RENATO COPPARONI: IL PORTIERE ROMANTICO, in storiedicalcio.altervista.org. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  3. ^ a b COPPARONI:“QUANDO FECI INFURIARE MARADONA”, in pianeta-calcio.it, 22 novembre 2011. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  4. ^ Copparoni Renato, in nuoresecalcio.eu. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  5. ^ Presentazione 07-08, in nuoresecalcio.eu. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  6. ^ MERCATO DILETTANTI, in gelocal.it, 12 dicembre 2008. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  7. ^ La retrocessa Monreale ripartirà da Copparoni, in gelocal.it, 27 marzo 2009. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  8. ^ Nuova Italpiombo, rinasce la squadra di calcio degli anni d’oro, in sangavinomonreale.net, 8 febbraio 2010. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  9. ^ Si fondono due società sportive: nasce l’Asd Italpiombo Santa Teresa, in sangavinomonreale.net, 5 luglio 2010. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  10. ^ La Nuova Italpiombo San Gavino approda in Seconda Categoria, in lanuovasardegna.it, 10 maggio 2011. URL consultato il 25 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]