Raggruppamento unità addestrative

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raggruppamento unità addestrative
Descrizione generale
Attiva 8 ottobre 2004-oggi
Nazione Italia Italia
Alleanza Flag of NATO.svg NATO
Servizio Coat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo Reparto formativo
Ruolo Coordinamento
Dimensione Raggruppamento (divisione)
Caserma "Oreste Salomone" Via Brezza, 8
81043 Capua[1]
Anniversari 8 ottobre
Parte di

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Raggruppamento unità addestrative (RUA) è una struttura operativa dell'Esercito Italiano, dipendente direttamente dal comando per la formazione e Scuola di applicazione.[2]

Ha sede in Campania, nella città di Capua in una caserma intitolata a Oreste Salomone, ed il suo compito è di coordinare l'addestramento di base dei volontari di truppa dell'Esercito Italiano; ad esso fanno capo i vari reggimenti addestramento volontari (RAV).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La struttura venne dismessa dall'Aeronautica Militare il 20 luglio del 2000. Il 4 settembre successivo venne costituito dall'esercito italiano un "comando alla sede" con il compito di ripristinare l'efficienza dell'infrastruttura, i cui lavori iniziarono nel dicembre 2001 con la trasformazione del comando alla sede in "comando comprensorio". [senza fonte]

Grazie a varie opere di ammodernamento la caserma poté ospitare dal 18 dicembre il 47º Reggimento addestramento volontari "Ferrara", trasferitosi da Barletta, e, dal 1º aprile 2004, il 17º Reggimento addestramento volontari "Acqui" proveniente da Sora. L'8 ottobre 2004 il Raggruppamento unità addestrative, in precedenza ubicato, limitatamente al solo vertice di comando, nella sede di Viterbo e con i reggimenti 17º RAV "Acqui", 47º RAV "Ferrara", 80° RAV "Roma", 85° RAV "Verona", 235° RAV "Piceno", si costituì in Capua per soppressione del comando comprensorio. Inizialmente fu messo agli ordini di un generale di brigata.[3]

Conseguentemente alla sospensione del servizio militare di leva in Italia il RUA nel 2005 prese il comando anche del 1º Reggimento fanteria "San Giusto", del 78º Reggimento fanteria "Lupi di Toscana" e del 123º Reggimento fanteria "Chieti", a cui si aggiunsero, dal 18 settembre 2006, il 57º Battaglione "Abruzzi" e il 91º Battaglione "Lucania". Sempre il 18 settembre il RUA venne posto alla guida di un generale di divisione e venne creato un centro di comando composto da comandante alla sede, stato maggiore e vice comandante.[3]

Articolazione territoriale e sedi[modifica | modifica wikitesto]

L'insediamento ha una estensione di circa 120 ettari e una capacità di oltre 2.000 unità. Il complesso ha un perimetro di circa nove chilometri e dispone di cinema, poligono di tiro, strutture ricreative e sportive.[4]

Dal RUA dipendono i reggimenti addestramento volontari (RAV). Attualmente essi sono:[2]

Competenze[modifica | modifica wikitesto]

Provvedono all'addestramento iniziale del personale VFP1. Il 235° RAV in particolare del personale femminile[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raggruppamento Unita' Addestrative, su difesa.it. URL consultato il 1º giugno 2013.
  2. ^ a b Rapporto Esercito 2012, p. 41.
  3. ^ a b Storia del RUA sul sito ufficiale dell'Esercito Italiano, spazioweb.esercito.difesa.it. URL consultato il 31 maggio 2013.
  4. ^ Caserma Oreste Salomone di Capua, su cittadicapua.it. URL consultato il 1º giugno 2013.
  5. ^ Esercito.difesa difesa

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Rapporto Esercito 2012 (supplemento), in Rivista Militare, nº 2, Roma, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]