Prionailurus rubiginosus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gatto rugginoso[1]
Rostkatze Zoo Berlin.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Felidae
Genere Prionailurus
Specie P. rubiginosus
Nomenclatura binomiale
Prionailurus rubiginosus
(I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831)
Areale

Rustyspottedmap.jpg

Il gatto rugginoso, Prionailurus rubiginosus (I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831), è un felino selvatico molto piccolo diffuso in India meridionale e Sri Lanka. Misura 35 - 48 cm di lunghezza, ha una coda di 15 - 25 cm e pesa solamente 1,5 kg. Dal momento che le femmine adulte possono pesare meno di 1 kg, questa specie contende al gatto dai piedi neri (Felis nigripes) il titolo di felino selvatico più piccolo del mondo. Il colore del mantello è grigio, con macchie color ruggine estese su tutto il dorso e i fianchi, mentre il ventre è bianco con grandi macchie scure. La coda, folta e lunga circa la metà del corpo, è di colore più scuro del corpo ed ha macchie meno visibili.

Habitat e comportamento[modifica | modifica sorgente]

In India, il gatto rugginoso vive soprattutto nelle foreste secche tropicali e nelle praterie aride, ma nello Sri Lanka il suo habitat preferito è la foresta pluviale. La ragione di questa differenza potrebbe essere la competizione con il gatto leopardo (Prionailurus bengalensis), che vive nelle foreste pluviali del continente, ma non nello Sri Lanka.

Questo gatto è un animale notturno e parzialmente arboricolo che si nutre di roditori, uccelli e lucertole. In alcune aree viene cacciato per la carne e la pelliccia dai locali.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Il gatto rugginoso è molto minacciato e sulla Lista Rossa della IUCN compare tra le specie vulnerabili[2]. Più precisamente, la Convenzione sul Commercio Internazionale delle Specie Minacciate di Flora e Fauna Selvatiche (CITES) classifica la popolazione indiana nell'Appendice I (ogni commercio è proibito; l'uso può essere concesso solo in circostanze eccezionali) e l'altra nell'Appendice II (il commercio deve essere compatibile con la loro sopravvivenza, ed è soggetto ad autorizzazione tramite certificato CITES).

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Un esemplare della sottospecie nominale P. r. rubiginosus nel suo habitat naturale in India meridionale.

Se ne riconoscono due sottospecie[1]:

  • Prionailurus rubiginosus rubiginosus, diffusa in India.
  • Prionailurus rubiginosus phillipsi, diffusa nello Sri Lanka.

Nello Sri Lanka, il gatto rugginoso è conosciuto come Handun Diviya o Kola Diviya[3]. I termini «Handun Diviya» e «Kola Diviya» vengono utilizzati dai locali anche per indicare il gatto pescatore (Prionailurus viverrinus), un altro piccolo Felide poco conosciuto diffuso nelle zone sub-urbane dello Sri Lanka. Entrambi gli animali sono notturni e sfuggenti e quindi è difficile stabilire quale gatto sia espressamente menzionato come «Handun Diviya»[4]. Alcuni autori ritengono certa l'esistenza di due distinte popolazioni nello Sri Lanka, una nelle zone asciutte e l'altra in quelle umide[5].

Addomesticamento[modifica | modifica sorgente]

Il gatto rugginoso è facilmente addomesticabile ed è stato descritto come espressivo, giocoso ed affettuoso[6].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Prionailurus rubiginosus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b (EN) Nowell, K., Breitenmoser-Wursten, C., Breitenmoser, U. (Cat Red List Authority) & Schipper, J. (Global Mammal Assessment Team) 2008, Prionailurus rubiginosus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  3. ^ http://www.animalinfo.org
  4. ^ http://nationalzoo.si.edu
  5. ^ Deraniyagala, P. E. P., 1956. A new subspecies of rusty spotted cat from Ceylon. Spolia Zeylanica, 28:113–114
  6. ^ ADW

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mammiferi