Bufonidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bufonidae
Bufo bufo small.jpg
Bufo bufo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Bufonidae
Gray, 1825
Generi

vedi testo

Areale
Bufonidae distrib.PNG

I Bufonidi (volgarmente detti rospi) (Bufonidae Gray, 1825) sono una famiglia di anfibi anuri che comprende oltre 500 specie, distribuite in tutti i continenti con l'eccezione di Oceania e Antartide.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli anfibi appartenenti a questa famiglia hanno diverse caratteristiche che li distinguono dalle altre famiglie di anuri, tra le quali: una corporatura tozza, zampe relativamente corte, pelle rugosa. Tra le caratteristiche più evidenti vi sono le pupille disposte orizzontalmente e la completa assenza di denti.

I maschi sono provvisti di un ovario rudimentale, chiamato organo di Bidder, che diventa funzionale nel caso in cui i testicoli dovessero essere danneggiati, rendendo quindi l'animale capace di produrre uova.[senza fonte]

Quasi tutte le specie hanno delle grosse ghiandole dietro gli occhi, le ghiandole parotidi. Queste secernono sostanze tossiche quando l'animale viene disturbato. Il veleno è composto da un miscuglio di sostanze raggruppate sotto il nome di bufotossine. Sia la composizione che la pericolosità del veleno variano da specie a specie ed esso può in alcuni casi risultare allucinogeno o addirittura mortale per l'uomo.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

I bufonidi hanno una distribuzione subcosmopolita essendo presenti in quasi tutto il mondo, con l'eccezione dell'Oceania, dell'Antartide e del Madagascar.[2]

In Australia è stato introdotto dall'uomo, con intenti di lotta biologica, il rospo delle canne, animale originario del Nuovo mondo.[senza fonte]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende 628 specie divise in 52 generi, con 1 specie a collocazione incerta:[1]

  • Adenomus Cope, 1861 (2 sp.)
  • Altiphrynoides Dubois, 1987 (2 sp.)
  • Amazophrynella Fouquet, Recoder, Teixeira, Cassimiro, Amaro, Camacho, Damasceno, Carnaval, Moritz, and Rodrigues, 2012 (13 sp.)
  • Anaxyrus Tschudi, 1845 (25 sp.)
  • Ansonia Stoliczka, 1870 (36 sp.)
  • Atelopus Duméril and Bibron, 1841 (97 sp.)
  • Barbarophryne Beukema, de Pous, Donaire-Barroso, Bogaerts, Garcia-Porta, Escoriza, Arribas, El Mouden, and Carranza, 2013 (1 sp.)
  • Blythophryne Chandramouli, Vasudevan, Harikrishnan, Dutta, Janani, Sharma, Das, and Aggarwal, 2016 (1 sp.)
  • Bufo Garsault, 1764 (17 sp.)
  • Bufoides Pillai and Yazdani, 1973 (2 sp.)
  • Bufotes Rafinesque, 1814 (15 sp.)
  • Capensibufo Grandison, 1980 (5 sp.)
  • Churamiti Channing and Stanley, 2002 (1 sp.)
  • Dendrophryniscus Jiménez de la Espada, 1870 (16 sp.)
  • Didynamipus Andersson, 1903 (1 sp.)
  • Duttaphrynus Frost, Grant, Faivovich, Bain, Haas, Haddad, de Sá, Channing, Wilkinson, Donnellan, Raxworthy, Campbell, Blotto, Moler, Drewes, Nussbaum, Lynch, Green, and Wheeler, 2006 (27 sp.)
  • Epidalea Cope, 1864 (1 sp.)
  • Frostius Cannatella, 1986 (2 sp.)
  • Ghatophryne Biju, Van Bocxlaer, Giri, Loader, and Bossuyt, 2009 (2 sp.)
  • Incilius Cope, 1863 (39 sp.)
  • Ingerophrynus Frost, Grant, Faivovich, Bain, Haas, Haddad, de Sá, Channing, Wilkinson, Donnellan, Raxworthy, Campbell, Blotto, Moler, Drewes, Nussbaum, Lynch, Green, and Wheeler, 2006 (12 sp.)
  • Laurentophryne Tihen, 1960 (1 sp.)
  • Leptophryne Fitzinger, 1843 (3 sp.)
  • Melanophryniscus Gallardo, 1961 (29 sp.)
  • Mertensophryne Tihen, 1960 (14 sp.)
  • Metaphryniscus Señaris, Ayarzagüena, and Gorzula, 1994 (1 sp.)
  • Nannophryne Günther, 1870 (4 sp.)
  • Nectophryne Buchholz and Peters, 1875 (2 sp.)
  • Nectophrynoides Noble, 1926 (13 sp.)
  • Nimbaphrynoides Dubois, 1987 (1 sp.)
  • Oreophrynella Boulenger, 1895 (8 sp.)
  • Osornophryne Ruiz-Carranza and Hernández-Camacho, 1976 (11 sp.)
  • Parapelophryne Fei, Ye, and Jiang, 2003 (1 sp.)
  • Pedostibes Günther, 1876 (1 sp.)
  • Pelophryne Barbour, 1938 (13 sp.)
  • Peltophryne Fitzinger, 1843 (14 sp.)
  • Phrynoidis Fitzinger in Treitschke, 1842 (2 sp.)
  • Poyntonophrynus Frost, Grant, Faivovich, Bain, Haas, Haddad, de Sá, Channing, Wilkinson, Donnellan, Raxworthy, Campbell, Blotto, Moler, Drewes, Nussbaum, Lynch, Green, and Wheeler, 2006 (11 sp.)
  • Pseudobufo Tschudi, 1838 (1 sp.)
  • Rentapia Chan, Grismer, Zachariah, Brown, and Abraham, 2016 (3 sp.)
  • Rhaebo Cope, 1862 (13 sp.)
  • Rhinella Fitzinger, 1826 (92 sp.)
  • Sabahphrynus Matsui, Yambun, and Sudin, 2007 (1 sp.)
  • Schismaderma Smith, 1849 (1 sp.)
  • Sclerophrys Tschudi, 1838 (45 sp.)
  • Sigalegalephrynus Smart, Sarker, Arifin, Harvey, Sidik, Hamidy, Kurniawan, and Smith, 2017 (5 sp.)
  • Strauchbufo Fei, Ye, and Jiang, 2012 (1 sp.)
  • Truebella Graybeal and Cannatella, 1995 (2 sp.)
  • Vandijkophrynus Frost, Grant, Faivovich, Bain, Haas, Haddad, de Sá, Channing, Wilkinson, Donnellan, Raxworthy, Campbell, Blotto, Moler, Drewes, Nussbaum, Lynch, Green, and Wheeler, 2006 (6 sp.)
  • Werneria Poche, 1903 (6 sp.)
  • Wolterstorffina Mertens, 1939 (3 sp.)
  • Xanthophryne Biju, Van Bocxlaer, Giri, Loader, and Bossuyt, 2009 (2 sp.)
  • Incertae sedis

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Frost D.R. et al., Bufonidae Gray, 1825, in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 6.0, New York, American Museum of Natural History, 2014. URL consultato il 18 agosto 2020.
  2. ^ a b (EN) Pramuk, J.B., Robertson, T., Sites Jr, J.W. & Noonan, B.P., Around the world in 10 million years: biogeography of the nearly cosmopolitan true toads (Anura: Bufonidae) (PDF) [collegamento interrotto], in Global Ecology and Biogeography, vol. 17, 2008, pp. 72–83.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4165797-4 · NDL (ENJA01134541