Pipidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pipidi
Pipidi DSCN0068.JPG
Xenopus laevis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Pipidae
Gray, 1825
Generi
Xenopus laevis

I Pipidi (Pipidae Gray, 1825) sono una famiglia di anfibi dell'ordine degli Anuri. Sono gli unici anuri aglossi (cioè sprovvisti di lingua).

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Comprende 41 specie raggruppate in 4 generi[1]:

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

In generale, essi hanno un corpo liscio, particolarmente viscoso e tozzo, possiedono una gola larga e dita con appendici a stella che servono per aiutarsi a ingerire il cibo. Le dimensioni variano da meno di 4 cm fino ai 15-20 cm del genere Pipa.

Gli occhi sono rivolti verso l'alto, dato la loro vita acquatica.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

I Pipidi sono anfibi che per svilupparsi subiscono una serie di metamorfosi: le uova vengono deposte in ammassi dentro l'acqua, in numero variabile; l'embrione prende forma all'interno dell'uovo e poi esce la larva dall'uovo; dopo una settimana circa la larva si trasforma in girino, sviluppando coda, occhi e narici. Alla fine della metamorfosi il girino si trasforma in rana che in questa famiglia manterrà la particolarità di avere una piccola coda.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Le loro abitudini sono prevalentemente acquatiche e in genere vivono sui fondi fangosi o su corsi d'acqua tranquilli nutrendosi di pesci o insetti vari.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Areale

Sono diffusi nelle regioni tropicali dell'Africa e dell'America meridionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Frost D.R. et al., Pipidae Gray, 1825, in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 6.0, New York, American Museum of Natural History, 2014. URL consultato il 4 agosto 2017.
  2. ^ a b Synonym: Silurana Gray, 1864, su research.amnh.org. URL consultato il 30 maggio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàNDL (ENJA00567949
Anfibi Portale Anfibi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anfibi