Leopardus braccatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pantanal
Immagine di Leopardus braccatus mancante
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Felidae
Genere Leopardus
Specie L. braccatus
Nomenclatura binomiale
Leopardus braccatus
Cope, 1889
Sottospecie
  • L. b. braccatus
  • L. b. munoai

Il pantanal (Leopardus braccatus) è un piccolo felino del Brasile sudorientale e centrale, Paraguay, Uruguay e dell'Argentina settentrionale.[1] Il suo nome deriva dalle Pantanal, terre aride situate al centro del continente sudamericano, ma vive più propriamente nelle foreste decidue, savane e praterie.[2] Fino a tempi recenti veniva considerato una sottospecie del colocolo, ma veniva separato originalmente basandosi sulle differenze di colore e struttura del pelo e sulle misurazioni del cranio.[2] La separazione non è supportata da un'indagine genetica,[3][4] portando alcuni autori a classificarlo ancora come una sottospecie del colocolo.[5][6] Casi di ibridazione sono riferiti tra il pantanal e l'oncilla in Brasile.[3]

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Nel momento in cui è stato distinto dal colocolo, sono state classificate 2 differenti sottospecie del Pantanal:[1]

  • Leopardus braccatus braccatus (Cope, 1889) – Brasile centrale,Paraguay,Argentina settentrionale.[5]
  • Leopardus braccatus munoai (Ximenez, 1961) – Brasile meridionale e Uruguay.[5]

L. b. braccatus è quasi completamente color ruggine-castano con macchie scure appena visibili sui fianchi,una gola biancastra,due linee scure su ciascuna guancia,fasce nere sulle zampe e sul petto,e con la punta della coda e i piedi neri.L. b. munoai è abbastanza simile,ma più chiaro,giallognolo,con macchie laterali castane più visibili,i piedi di color nero unicamente sui palmi,e la parte centrale della coda ha alcuni anelli discontinui con solo una piccola punta nera.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Wozencraft, W. C. in (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Leopardus braccatus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, pp. pp.537-538. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b c Garcia-Perea, R. (1994). The pampas cat group (Genus Lynchailurus Severertzov 1858) (Carnivora: Felidae), A systematic and biogeographic review. American Museum Novitates 3096: 1-35.
  3. ^ a b Johnson, Slattery, Erizirik, Kim, Raymond, Bonacic, Cambre, Crawshaw, Nunes, Seuánez, Moreira, Seymour, Simon, Swanson, & O'Brien (1999). Disparate phylogeographic patterns of molecular genetic variation in four closely related South American small cat species. Molecular Ecology 8: S79–94
  4. ^ Macdonald, D., & Loveridge, A., eds. (2010). The Biology and Conservation of Wild Felids. Oxford University Press. ISBN 978-0-19-923445-5
  5. ^ a b c Sunquist, M. E., & Sunquist, F. C. (2009). Colocolo (Leopardus colocolo). Pp. 146 in: Wildons, D. E., & Mittermeier, R. A. eds. (2009). Handbook of the Mammals of the World. Vol. 1. Lynx Edicions, Barcelona. ISBN 978-84-96553-49-1
  6. ^ (EN) Pereira, J., Lucherini, M., de Oliveira, T., Eizirik, E., Acosta, G., Leite-Pitman, R. 2008, Leopardus colocolo in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi