Phil Bennett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Guardate cos'hanno fatto al Galles questi bastardi. Hanno preso il nostro carbone, la nostra acqua, il nostro acciaio. Comprano le nostre case per passarci due settimane all'anno. Cosa ci hanno dato in cambio? Assolutamente nulla. Siamo stati sfruttati, umiliati, controllati e puniti dagli inglesi. E noi oggi giochiamo contro di loro»

(Phil Bennett, prima di un Galles-Inghilterra al Cinque Nazioni 1977[1])
Phil Bennett
Dati biografici
Paese Regno Unito Regno Unito
Altezza 171 cm
Peso 74 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Galles Galles
Ruolo Mediano d'apertura
Ritirato 1981
Carriera
Attività di club¹
1966-81 Llanelli
Attività da giocatore internazionale
1969-78
1974-77
Galles Galles
British Lions
29 (166)
8 (44)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 26 aprile 2012

Phil Bennett (Llanelli, 24 ottobre 1948) è un rugbista a 15 britannico, tra i più famosi e acclamati giocatori del Regno Unito; fu 29 volte internazionale per il Galles e rappresentò i British Lions in due tour, nel 1974 e nel 1977.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gallese di Llanelli, spese l'intera carriera rugbystica nel club della sua città, il Llanelli RFC come mediano d'apertura: il suo stile di gioco, fatto di corsa, cambi di passo, finte e controfinte, gli procurò un'immediata popolarità tra il pubblico.

Esordì in Nazionale nel 1969 a Parigi, contro la Francia: a tal proposito, vanta il singolare primato di essere il primo giocatore subentrato in un match internazionale (precedentemente non erano previste sostituzioni). Inizialmente schierato come terza linea, evolse rapidamente verso il ruolo di mediano d'apertura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Robert Philip, Actions speaks louder than words for White, in Daily Telegraph, 9 marzo 2006. URL consultato il 26 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN41029886 · ISNI (EN0000 0000 9072 9911 · LCCN (ENnb2005012447