Patriarchi di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Patriarca di Gerusalemme)
Jump to navigation Jump to search

La presente voce contiene l'elenco in ordine cronologico dei patriarchi di Gerusalemme.

Vescovi giudeo-cristiani di Gerusalemme (fino al 135)[modifica | modifica wikitesto]

  • San Giacomo il Giusto † (? - 62 deceduto)
  • San Simeone I † (62 - 107 deceduto)
  • Giusto I † (107 - 113 deceduto)
  • San Zaccheo † (113 - attorno al 116 deceduto)
  • Tobia †
  • Beniamino †
  • Giovanni I †
  • San Mattia † (? - attorno al 120 deceduto)
  • Filippo † (? - attorno al 124 deceduto)
  • Seneca †
  • Giusto II †
  • Levi †
  • Sant'Efrem I †
  • Giuseppe I †
  • Giuda † (? - attorno al 135 deceduto)

Vescovi di Aelia Capitolina (135 - 325)[modifica | modifica wikitesto]

  • San Marco I † (135 - ?)
  • Cassiano †
  • Poplio †
  • Massimo I †
  • Giuliano I †
  • Gaio I †
  • Simmaco †
  • Gaio II † (? - 162)
  • Giuliano II † (162 - ?)
  • Capione †
  • Massimo II †
  • Antonino †
  • Valente †
  • Dolichiano † (? - 185)
  • San Narciso † (185 - ? dimesso)
  • Dius †
  • Germanione †
  • Gordio † (? - 211)
  • San Narciso † (211 - 231 deceduto) (per la seconda volta)
  • Sant’Alessandro † (231 succeduto - 249 deceduto)
  • Mazabanis † (249 - 260 deceduto)
  • Imeneo † (260 - 276 deceduto)
  • San Zamudas o Zambda † (276 - 283 deceduto)
  • Ermone † (283 - 314 deceduto)
  • San Macario I † (314 - 325 vescovo di Gerusalemme)

Vescovi di Gerusalemme (325 - 451)[modifica | modifica wikitesto]

Patriarchi di Gerusalemme (451 - 1099)[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovenale † (451 - 458 deceduto)
  • Anastasio I † (458 - 478 deceduto)
  • Martirio † (478 - 486 deceduto)
  • Sallustio † (486 - 494 deceduto)
  • Sant’Elia I † (494 - 516 deposto)
  • Giovanni III † (516 - 524 deceduto)
  • Pietro † (524 - 552 deceduto)
  • Macario II † (552 deposto)
  • Eustochio † (552 - 564 deposto)
  • Macario II † (564 - 575 deceduto) (per la seconda volta)
  • Giovanni IV † (575 - 594)
  • Amos † (594 - 601)
  • Isacco † (601 - 609 deceduto)
  • Zaccaria † (609 - 630 deceduto)
  • San Modesto † (630 - 634 deceduto)
  • San Sofronio I † (634 - 638 deceduto)
    • Sede vacante (638-692 ca.)
  • Anastasio II † (intorno al 692 - 706 deceduto)
  • Giovanni V † (706 - 735 deceduto)
  • Teodoro † (745 - 770 deceduto)
    • Eusebio † (770 deceduto) (patriarca eletto)
  • Elia II † (770 - 797 deceduto)
  • Giorgio † (797 - 807 deceduto)
  • Tommaso I † (807 - 820 deceduto)
  • Basilio † (820 - 838 deceduto)
  • Giovanni VI † (838 - 842 deceduto)
  • Sergio I † (842 - 844 deceduto)
    • Sede vacante (844-855)
  • Salomone † (855 - 860 deceduto)
    • Sede vacante (860-862)
  • Teodosio † (862 - 878 deceduto)
  • Elia III † (878 - 907 deceduto)
  • Sergio II † (908 - 911 deceduto)
  • Leonzio I † (912 - 929)
  • Atanasio I † (929 - 937)
  • Cristodulo I † (937 - 950)
  • Agatone † (950 - 964 deceduto)
  • Giovanni VII † (964 - 966 deceduto)
  • Christodulo II † (966 - 969 deceduto)
  • Tommaso II † (969 - 978 deceduto)
    • Sede vacante (978-980)
  • Giuseppe II † (980 - 983 deceduto)
  • Oreste † (983 - 1005 deceduto)
    • Sede vacante (1005-1012)
  • Teofilo I † (1012 - 1020 deceduto)
  • Niceforo I † (1020 - dopo il 1048)
Giovannichio ?[1]

Patriarchi greco-ortodossi di Gerusalemme (dal 1099)[modifica | modifica wikitesto]

In esilio a Costantinopoli (1099 - 1187)[modifica | modifica wikitesto]

  • Saba † (1106 - ?)
  • Giovanni VIII †
  • Nicola † (? - prima del 1156)
  • Giovanni IX † (1156 - 1166 deceduto)
  • Niceforo II † (1166 - 1170)
  • San Leonzio II † (1176 - 13 o 14 maggio 1185 deceduto)[2]

Dopo la restaurazione (1187 - oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Taddeo ?[3][4]
  • Sofronio III † (? - prima del 1303 deceduto)[3]
  • Atanasio III † (1313 - 1314)
    • Sede vacante (1314-1322)
  • Gregorio II † (1322)
    • Sede vacante (1322-1334)
  • Lazzaro † (1334 - 1368)
    • Sede vacante (1368-1376)
  • Doroteo I † (1376 - 1417)
  • Teofilo II † (1417 - 1424)
  • Teofane I † (1424 - 1431)
  • Gioacchino † (1431 - ?)
    • Sede vacante (fino al 1450)
  • Teofane II † (1450)
    • Sede vacante (1450-1452)
  • Atanasio IV † (1452 - ?)
    • Sede vacante (fino al 1460)
  • Giacomo II † (1460)
    • Sede vacante (1460-1468)
  • Abramo I † (1468)
  • Gregorio III † (1468 - 1493)
    • Sede vacante (1493-1503)
  • Marco III † (1503)
    • Sede vacante (1503-1505)
  • Doroteo II † (1505 - 1537 deceduto)
  • Germano † (1537 - 1579 deceduto)
  • Sofronio IV † (1579 - 1608 deceduto)
  • Teofane III † (1608 - 1644 deceduto)
  • Paisios † (1645 - 1660 deceduto)
  • Nettario † (1660 - 1669 dimesso)
  • Dositeo II † (1669 - 1707 deceduto)
  • Crisanto † (1707 - 1731 deceduto)
  • Melezio † (1731 - 1737 deceduto)
  • Partenio † (1737 - 1766 dimesso)
  • Efrem II † (1766 - 1771 deceduto)
  • Sofronio V † (1771 - 1775 nominato patriarca di Costantinopoli)
  • Abramo II † (1775 - 1787 deceduto)
  • Procopio I † (1787 - 1788 deceduto)
  • Antimio † (4 novembre 1788 - 22 novembre 1808 deceduto)
  • Policarpo † (22 novembre 1808 - 15 gennaio 1827 deceduto)
  • Atanasio V † (27 gennaio 1827 - 28 dicembre 1844 deceduto)
  • Cirillo II † (28 marzo 1845 - 18 novembre 1872 deposto)
  • Procopio II † (28 dicembre 1872 - 10 marzo 1875 deposto)
  • Ieroteo † (11 luglio 1875 - 23 giugno 1882 deceduto)
  • Nicodemo † (16 agosto 1883 - 11 agosto 1890 dimesso)
  • Gerasimo † (11 marzo 1891 - 21 febbraio 1897 deceduto)
  • Damiano † (22 luglio 1897 - 14 agosto 1931 deceduto)
  • Timoteo † (22 luglio 1935 - 31 dicembre 1955 deceduto)
  • Benedetto † (29 gennaio 1957 - 11 dicembre 1980 deceduto)
  • Diodoro † (16 febbraio 1981 - 19 dicembre 2000 deceduto)
  • Ireneo (13 agosto 2001 - 6 maggio 2005 deposto)
  • Teofilo III, dal 22 agosto 2005

Patriarchi latini di Gerusalemme (dal 1099)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Patriarcato di Gerusalemme dei Latini § Cronotassi dei patriarchi.

Patriarchi armeni di Gerusalemme[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Patriarcato armeno di Gerusalemme § Cronotassi dei vescovi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ci sono dubbi sull'esistenza di questo patriarca, che non viene ricordato da tutte le fonti a disposizione: alcuni storici ritengono che si tratti di un benefattore della Chiesa gerosolimitana, entrato nell'elenco dei patriarchi per un errore dei copisti; così ad es. Ph. Grierson, The Dates of Patriarch Sophronius of Jerusalem, in Revue des études byzantines, vol. XLIII, 1985, pp. 231-235.
  2. ^ Bernard Flusin, recensione a: Dimitris Tsougarakis, The Life of Leontios Patriarch of Jerusalem, 1993 - in Revue des études byzantines, vol. LII, 1994, pp. 351-352.
  3. ^ a b c d e f Venance Grumel, La chronologie des patriarches grecs de Jérusalem au XIIIe siècle, in Revue des études byzantines, vol. XX, 1962, pp. 197-201.
  4. ^ L'esistenza di questo patriarca è incerta; secondo V. Grumel, il suo nome è da eliminare dalla lista dei patriarchi gerosolimitani.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) AA.VV., L'art de vérifier les dates, tomo IV, Parigi 1818, pp. 33-53 (elenco e note biografiche dei vescovi e patriarchi dalla fondazione al 1099)
  • (FR) Venance Grumel, Traité d'études byzantines, vol. I La Chronologie, Presses universitaires de France, 1958, cap. VI «Patriarches de Jérusalem» (fino al 1505), p. 451-452
  • (FR) Simon Claude Mimouni, La tradition des évêques chrétiens d'origine juive de Jérusalem, in Studia patristica, vol. XL, a cura di Frances Margaret Young, Mark J. Edwards, Paul M. Parvis, ed. Peeters, Louvain, 2006, pp. 447-466
  • (LA) Michel Lequien, Oriens christianus in quatuor Patriarchatus digestus, Parigi 1740, Tomo III, coll. 137-528
  • Alessio Varisco, Custodes Sancti Sepulchri (con prefazione di Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Pierbattista Pizzaballa e presentazione di Sua Paternità Reverendissima fra' Francesco Patton), Arcidosso, Edizioni Effigi, 2017. ISBN 978-88-6433-785-2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cristianesimo