Teofilo III di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teofilo III
Patriarch Theophilos III of Jerusalem Senate of Poland 01.JPG
Sua Santità e Beatitudine Teofilo III
Patriarca ortodosso di Gerusalemme
Elezione 22 agosto 2005
Intronizzazione 22 novembre 2005
Predecessore Ireneo
Tonsura 28 giugno 1970
Consacrazione episcopale 14 febbraio 2005
da Ireneo
Nome Ilias Giannopoulos
Nascita Messenia, Regno di Grecia, 4 aprile 1952

Teofilo III (in greco: Theofilos III (Θεόφιλος Γ΄), nato Ilias Giannopoulos (Ηλίας Γιαννόπουλος); Messenia, 4 aprile 1952) è l'attuale primate della Chiesa ortodossa di Gerusalemme. In carica dal 2005, possiede i titoli di Patriarca della Città Santa di Gerusalemme e di tutta la Palestina, la Siria, l'Arabia, l'oltre Giordano, Cana di Galilea e la Santa Sion.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il futuro patriarca nacque nel villaggio di Gargaliani, nell'unità periferica greca di Messenia, il 4 aprile 1952. Nel 1964, all'età di 12 anni, entrò a far parte della Fraternità del Santo Sepolcro e andò a Gerusalemme, dove proseguì gli studi. Il 28 giugno 1970 prese i voti, scegliendo il nome di Teofilo, alla presenza del patriarca Benedetto. Poco dopo fu ordinato ierodiacono, per poi divenire arcidiacono. Nel 1975 fu consacrato ieromonaco.

Dal 1975 al 1978 studiò teologia presso l'Università di Atene. Successivamente fu elevato al rango di archimandrita. Dal 1981 al 1986 studiò all'Università di Durham nel Regno Unito, dove conseguì una laurea magistrale. Successivamente seguì dei corsi presso l'Università Ebraica di Gerusalemme. Oltre al greco, sua lingua natia, Teofilo parla anche l'inglese, l'arabo e l'ebraico. Dal 1986 al 1988 ricoprì l'incarico di segretario per le relazioni esterne del patriarcato ortodosso di Gerusalemme.

Dal 1991 al 1996 servì come sacerdote a Cana, in Galilea, dove la comunità cristiana è composta prevalentemente da arabi israeliani. Qui diede vita all'associazione "Nour al Masih" ("Luce di Cristo") ai fini dell'evangelizzazione. Dal 2000 al 2003 fu rappresentante del proprio patriarcato presso la Chiesa ortodossa russa, ma si recò a Mosca solo raramente. Il 14 febbraio 2005 fu consacrato vescovo di Tabor. Nel maggio dello stesso anno il patriarca Ireneo fu deposto dal Sinodo locale, poiché coinvolto in una serie di controverse operazioni immobiliari.

Il 22 agosto 2005 il Santo Sinodo elesse all'unanimità Teofilo III come 141° primate della Chiesa ortodossa di Gerusalemme. La decisione fu successivamente confermata dal sinodo pan-ortodosso di Costantinopoli. La cerimonia di intronizzazione ebbe luogo il 22 novembre. La sua elezione al soglio patriarcale è stata riconosciuta ufficialmente dal governo di Israele solo nel dicembre 2007.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze greche[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore
— 2016

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina)
«Per le attività della Chiesa finalizzate ad aumentare l'autorità dell'Ortodossia nel mondo e in occasione del 1025º anniversario dell'arrivo del cristianesimo nella Rus' di Kiev»
— 27 luglio 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Tabor Successore Phi Tau logo.jpg
 ? 2005 - 22 agosto 2005 Methodios Liveris
Predecessore Patriarca ortodosso di Gerusalemme Successore Phi Tau logo.jpg
Ireneo dal 22 agosto 2005 in carica