Natal'ja Zasul'skaja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natal'ja Zasul'skaja
Nazionalità URSS URSS
Russia Russia
Altezza 189 cm
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande
Ritirata 2004
Hall of fame FIBA Hall of Fame (2007)
Carriera
Squadre di club
1985-1991600px vertical White Red HEX-F6002F.svg Sptk. Leningrado
1991-1996P.B. Godella
1996-1998Pool Getafe Madrid
1998-2004Dinamo Mosca
Nazionale
1987-1991URSS URSS
1992Squadra Unificata Squadra Unificata
Palmarès
EuroLeague Women 2 vittorie
Campionato spagnolo 7 vittorie
Campionato russo 3 vittorie
Campionato sovietico 1 vittoria
Per maggiori dettagli vedi qui
URSS URSS
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Seul 1988
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Spagna 1987
Oro Bulgaria 1989
Oro Israele 1991
Squadra Unificata Squadra Unificata
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Barcellona 1992
Russia Russia
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Germania 1998
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Polonia 1999
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Natal'ja Borisovna Zasul'skaja, in russo: Наталья Борисовна Засульская? (Kaunas, 28 maggio 1969[1]), è un'ex cestista russa con cittadinanza spagnola, fino al 1991 sovietica.

È una delle giocatrici di pallacanestro più titolate di sempre; dal 2010 è stata ammessa nel FIBA Hall of Fame e nel 2006 è stata inserita dalla Federazione russa nel miglior quintetto russo dell'ultimo secolo[2][3].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Squadre di club[modifica | modifica wikitesto]

Natalia Zassoulskaya ha giocato nel campionato russo (dapprima sovietico) ed in quello spagnolo. Dal 1985 al 1991 ha militato nello Spartak Leningrado, squadra con la quale vinse il primo titolo.

Nel 1991 si è trasferita in Spagna al C.B. Godella; con la squadra valenciana ha vinto 2 EuroLeague Women, 5 campionati nazionali e 2 Coppe di Spagna. Dal 1996 al 1998 ha disputato gli ultimi due anni in Spagna nel Pool Getafe Madrid, con cui ha vinto altri 2 campionati e 2 Coppe di Spagna.

Nel 1998 è tornata in Russia alla Dinamo Mosca, chiudendo la carriera nel 2004. Con la squadra di Mosca ha vinto 3 edizioni del campionato russo.

Dopo essersi ritirata ha ricoperto dapprima l'incarico di delegata del Ciudad Ros Casares Valencia, e successivamente quello di assistente del tecnico della stessa società[2].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

A causa dell'instabile situazione politica nell'ex Unione Sovietica a cavallo tra gli anni ottanta e novanta, la Zassoulskaya ha militato in tre differenti nazionali: quella sovietica, quella della Squadra Unificata ed infine in quella della Russia.

Nel suo palmarès figurano un oro olimpico a Barcellona 1992 con la Squadra Unificata, ed un bronzo a Seoul 1988 con l'Unione Sovietica.

Ai Mondiali ha conquistato l'argento nel 1998 con la Russia. Agli Europei ha vinto tre medaglie d'oro consecutivamente dal 1987 al 1991 con la nazionale sovietica.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La Zasul'skaja ha un figlio nato a Valencia, avuto con l'ex marito spagnolo[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

C.B. Godella: 1992, 1993
C.B. Godella: 1992, 1993, 1994, 1995, 1996
Pool Getafe Madrid: 1997, 1998
ŽBK Dinamo Mosca: 1999, 2000, 2001
  • Campionato sovietico: 1
Spartak Leningrado: 1990

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici

  • Oro Oro: 1
Squadra Unificata: 1992
  • Bronzo Bronzo: 1
Unione Sovietica: 1988

Mondiali

  • Argento Argento: 1
Russia: 1998

Europei

  • Oro Oro: 3
Unione Sovietica: 1987, 1989, 1991
  • Bronzo Bronzo: 1
Russia: 1999

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il sito della FIBA Europe e quello della FEB riportano 1969 come anno di nascita. Sul sito Archiviato il 17 ottobre 2010 in Internet Archive. del FIBA Hall of Fame è invece riportato il 1964.
  2. ^ a b c (ES) La eterna maestra rusa, Las Provincias. URL consultato il 21 luglio 2011.
  3. ^ a b Tornikidou y Zassoulskaya, elegidas en mejor cinco ruso del siglo, Liga ACB. URL consultato il 21 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]