Museo delle civiltà asiatiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo delle civiltà asiatiche
Asian Civilisations Museum
Asian Civilisations Museum, Empress Place 2.JPG
Ubicazione
StatoSingapore Singapore
LocalitàSingapore
Indirizzo1 Empress Place
Coordinate1°17′15″N 103°51′04″E / 1.2875°N 103.851111°E1.2875; 103.851111
Caratteristiche
TipoArte
Istituzione1997
Apertura22 aprile 1997
Sito web

Il Museo delle civiltà asiatiche (ACM) è un'istituzione che fa parte dei quattro musei di Singapore; gli altri tre sono il Museo Peranakan della Old Tao Nan School, il Museo Nazionale di Singapore e il Singapore Art Museum.

È uno dei musei pionieristici della regione specializzato in culture e civiltà panasiatiche. Il museo è specializzato nella storia materiale della Cina, del sud-est asiatico, dell'Asia del sud e dell'Asia occidentale, da cui discendono i diversi gruppi etnici di Singapore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è stato aperto per la prima volta nell'edificio della Vecchia Tao Nan School il 22 aprile 1997[1] in Armenian Street, con mostre in gran parte incentrate sulla civiltà cinese. Con il restauro dell'Empress Place Building, il museo ha istituito la sua nuova sede principale, il 2 marzo 2003, espandendo rapidamente la collezione in altre aree dell'Asia. La filiale di Armenian Street è stata chiusa, per lavori di ristrutturazione, il 1º gennaio 2006 e riaperta il 25 aprile 2008 come Museo Peranakan, specializzato nella cultura Peranakan.

Il 16 settembre 2006, il Museo ha lanciato ufficialmente il suo nuovo logo con un nuovo slogan Asian Civilisations Museum – Where Asian Cultures Come Alive!. Il logo mostra la posizione del museo sul fiume Singapore. L'immagine riflessa evidenzia il Museo come luogo di riflessione mentre l'arancia rappresenta attività ed energia.[2]

Alla fine del 2013, dopo aver subito una ristrutturazione del nome, il Museo ha lanciato il suo nuovo logo con un nuovo slogan Singapore's Museum of Asia.[3]

Il 16 settembre 2014, il Museo è stato nominato il miglior museo di Singapore e classificato nono in Asia dai premi Travellers Choice di TripAdvisor. Il museo è stato l'unico museo di Singapore classificato tra i primi 10 musei asiatici.[4]

Il 15 novembre 2015, il Museo ha inaugurato i suoi nuovi spazi dopo aver iniziato il rinnovamento nel 2014. Il rinnovamento è stato effettuato in più fasi: la fase 1 è stata inaugurata il 14 novembre 2015, mentre la fase 2 è stata completata nell'aprile 2016, con ulteriori miglioramenti.[5]

Museo delle civiltà asiatiche, piazza dell'Imperatrice

Punti salienti della collezione[modifica | modifica wikitesto]

Testa di un Bodhisattva, Gandhara, ca. IV secolo

La collezione cinese è rappresentata da raffinate figure in porcellana di Dehua, statue taoiste e buddiste, porcellane di esportazione, calligrafia e altri esempi di arte decorativa.

Le Gallerie dell'Asia meridionale presentano statue di un ampio spettro di periodi, tra cui alcuni pregiati bronzi di Chola. Di particolare nota è la scultura in bronzo di Uma, la consorte di Shiva e quella di Somaskanda.[6] L'antica arte buddista dell'India è rappresentata da opere provenienti dalle scuole di Mathura e Gandhara, tra cui una rara pietra arenaria di Mathura Buddha risalente all'era Kanishka,[7] e la testa di un Bodhisattva gandhariano.[8] Altre aree degne di nota sono la lavorazione del legno dell'India meridionale, bronzi nepalesi-tibetani, tessuti, miniature tardo medioevali e stampe coloniali.

Le collezioni del sud-est asiatico hanno una vasta portata e sono ricche di materiale etnologico. Rappresentano l'arte aristocratica dell'antico sud-est asiatico le sculture Khmer, la scultura del tempio giavanese (alcune in prestito da Leida), l'arte buddista della Birmania/Thailandia e l'arte del tempio sinicizzato del Vietnam. L'oro di Peranakan, i tessuti, l'ornamento tribale e le maschere teatrali sono altri punti di forza della collezione.

La Khoo Teck Puat Gallery è la sede permanente del carico recuperato dal naufragio della Tang, una nave mercantile affondata del IX secolo, quando era diretta verso l'Iran e l'Iraq, scoperta nel 1998 al largo dell'isola di Belitung nel Mar di Giava. Il carico recuperato comprende oltre 60.000 ceramiche ben conservate prodotte in Cina durante la dinastia Tang (618–907), oltre a oggetti d'oro e d'argento.

Alcune sale della galleria sono utilizzate anche per mostre temporanee. Una recente mostra comprendeva l'esposizione delle spettacolari maschere dell'età del bronzo di Sanxingdui, nella provincia del Sichuan, in Cina.

Stele buddista della Dinastia Wei Orientale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Story of our museums, su Asian Civilisations Museum. URL consultato il 25 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  2. ^ asian-civilisations-museum, su singapore-academy.org. URL consultato il 28 giugno 2020.
  3. ^ Story of Our Museums – Asian Civilisations Museum, su acm.org.sg, 19 settembre 2016. URL consultato il 25 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  4. ^ Asian Civilisations Museum ranked top museum in Singapore: TripAdvisor, MediaCorp, 17 settembre 2014. URL consultato il 17 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2014).
  5. ^ New Spaces, su acm.org.sg, Asian Civilisations Museum, 2015. URL consultato il 19 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2016).
  6. ^ Somaskanda, Shiva, Parvati and their son Skanda, su Asian Civilisations Museum (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2015).
  7. ^ Seated Buddha, su Asian Civilisations Museum. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2015).
  8. ^ Head of a bodhisattva, su Asian Civilisations Museum. URL consultato il 24 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Iola Lenzi, Museums of Southeast Asia, Singapore, Archipelago Press, 2004, p. 200 pages, ISBN 981-4068-96-9.
Controllo di autoritàVIAF (EN139221174 · ISNI (EN0000 0004 5374 7984 · LCCN (ENno96013081 · WorldCat Identities (ENlccn-no96013081