Tappeto Hereke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un tappeto Hereke nella sala degli ambasciatori del palazzo Dolmabahçe Palace, ha una grandezza di circa 120 m²

I tappeti Hereke sono tappeti turchi fatti a mano prodotti e venduti a Hereke, una città costiera della Turchia. Per molto tempo sono stati prodotti solo a Hereke, a 60 km da Istanbul. I materiali utilizzati sono la seta, una combinazione di lana e cotone, e talvolta fili d'oro o d'argento.[1]

Il sultano ottomano Abdülmecid I fondò la Manifattura imperiale di Hereke nel 1841 per produrre tutti i tessuti per il suo palazzo Dolmabahçe sul Bosforo. Ha riunito i migliori artisti e tessitori di tappeti dell'Impero Ottomano a Hereke, dove hanno iniziato a produrre tappeti di alta qualità e grandi tappeti con motivi unici.

Tappeto Hereke "seta su seta" 0,6 m², 32 X 32 nodi al cm², 13 anni di lavoro

Dopo aver completato i lavori sul Palazzo Dolmabahçe, i sultani ottomani erano soliti regalare tappeti Hereke a reali, nobili e statisti in visita selezionati. Fu solo nel 1890 che ad alcuni commercianti di Istanbul fu permesso di vendere alcuni dei pezzi realizzati a Hereke. Con la fine dell'Impero Ottomano, la produzione di tappeti Hereke fu limitata fino alla metà del XX secolo, quando alcuni maestri tessitori di Hereke iniziarono ancora una volta a produrre i tappeti in continuazione della tradizione dei tappeti del palazzo ottomano. Nel 1920 Hereke ospitava una scuola di produzione di tappeti gestita dallo stato. Sia le donne che i bambini musulmani e cristiani hanno frequentato le lezioni.[2]

I tappeti Hereke sono tipicamente tappeti molto grandi, delle dimensioni di un palazzo, e sono realizzati con lana su cotone, pelo di cammello su cotone, seta su cotone e seta su seta, che vengono annodati in piccole dimensioni. La precisione dei loro doppi nodi (nodi turchi o nodi ghiordes), che consente la chiara visualizzazione delle fantasie, insieme alle combinazioni di colori e alle armoniose fantasie, li hanno resi altamente collezionabili. Oggi, i tappeti Hereke sono ancora realizzati con i modelli tradizionali del sultano ottomano Abdülmecid I, così come i modelli figurativi tradizionali anatolici e contemporanei.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Kenan Kaya, Yaşar Yılmaz, Sara Boynak, Vahide Gezgör. Hereke Silk Carpets and Fabrics in the National Palaces Collection. TBMM, Istanbul.
  • Oktay Aslanapa, Ayşe Fazlıoğlu. The Last Loop of the Knot; Ottoman Court Carpets. TBMM, Istanbul, 2006.
  • Uğur Ayyıldız. Hereke and Kayseri: Pure silk Turkish carpets. NET Turizm Ticaret ve Sanayi A.S (1983). ASIN B0007B1NHG
  • Önder Küçükerman. The rugs and textiles of Hereke: A documentary account of the history of Hereke : court workshop to model factory. Sümerbank Genel Müdürlüğü (1987). ASIN B0007BYPCQ

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ HEREKE RUGS, su dorisleslieblau.com.
  2. ^ Prothero, G.W., Anatolia, Londra, H.M. Stationery Office, 1920, p. 109.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]