Museo islamico dell'Australia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo islamico dell'Australia
Islamic Museum of Australia 1.jpg
Ubicazione
StatoAustralia Australia
LocalitàThornbury, Melbourne
Indirizzo15A, Anderson Road
Coordinate37°45′16.24″S 144°58′50.84″E / 37.75451°S 144.98079°E-37.75451; 144.98079
Caratteristiche
TipoArte islamica
Istituzione2010
Apertura28 febbraio 2014
Sito web

Il Museo islamico dell'Australia (IMA) è un museo comunitario a Thornbury, Melbourne, nello stato di Victoria in Australia. È nato come fondazione senza fini di lucro,[1] fondata nel maggio 2010, con lo scopo di istituire il primo museo islamico in Australia. Ha lo scopo di mostrare il patrimonio artistico e i contributi storici dei musulmani in Australia e all'estero attraverso l'esposizione di opere d'arte e manufatti storici.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Progettato da Desypher, uno studio di architettura con sede a Melbourne,[3] il museo, costato 10 milioni di dollari, è stato aperto il 28 febbraio 2014 dal tesoriere australiano Joe Hockey.[4] Ha condiviso una sovvenzione di 4 milioni di dollari dal programma di strutture multiculturali del governo di Vittoria.[5] Il museo è stato fondato da Moustafa Fahour, che ne è direttore[6] e Maysaa Fahour, con suo fratello Ahmed Fahour (CEO di Australia Post) e famiglia che hanno contribuito con 4 milioni di dollari.[7]

Lo stile architettonico unico presenta una facciata in acciaio corten arrugginito che rappresenta l'entroterra australiano, avvolta da un cubo bianco coperto di piastrelle geometriche con calligrafia araba.

L'IMA è il primo centro del suo genere in Australia a mostrare una vasta gamma di arti islamiche tra cui architettura, calligrafia, dipinti, vetro, ceramica e tessuti. Il museo mira anche a promuovere artisti islamici, emergenti e affermati, sia locali che internazionali. La Temoporary Gallery ha ospitato mostre come "Mush" dell'artista Khaled Sabsabi, vincitore del Premio Blake Sydney, e "Borderlands": tavole da surf di disegno islamico dipinte dall'artista di Sydney Phillip George.[8] La galleria d'arte permanente contiene molte opere uniche, tra cui un ritratto, Archibald del 2011, di Waleed Aly. Lo sforzo di istituire questo Museo islamico, appositamente costruito, era orientato alla condivisione delle conquiste artistiche e storiche dei musulmani a livello internazionale, e in particolare in Australia. La galleria di storia musulmana australiana si concentra sulla storia di cammellieri afgani, pescatori di perle malesi, agricoltori albanesi e altri. Questo è stato documentato nel libro e documentario "Boundless Plains", prodotto dall'IMA sulla base di una spedizione del 2011 che ha portato alla luce storie musulmane uniche dall'entroterra australiano.[9]

Il sito si trova su Merri Creek, vicino al confine tra Thornbury e Brunswick East, due dei sobborghi multiculturali ben consolidati di Melbourne.[5]

Il "Modern Middle Eastern Cafe" del museo è gestito da Samira El-Khafir, finalista di Masterchef Australia 2013, che è la sorella di Fahour.[7]

La mostra permanente del Museo islamico australiano è stata "altamente raccomandata" nel 2014 ai Premi MAGNA di Museums Australia, descritta come: "Un nuovo importante museo che collega sensibilmente l'eredità musulmana australiana con forti temi interpretativi".[10] Yassir Morsi, del Centro internazionale per la comprensione musulmana e non musulmana presso l'Università dell'Australia meridionale, nella sua recensione elenca una serie di carenze affermando che il museo mostra "quanto siamo europei e quando colonizziamo la nostra storia islamica", sostenendo che l'unica grazia salvifica del museo è il grande dipinto ad olio di Waleed Aly.[11]

Etihad Airways e Habtoor Leighton Group[12], con sede a Dubai, sono partner principali, mentre il marchio del museo è stato realizzato da Design 55, uno studio con sede a Dubai. La Gallery One del Jumeirah Beach Residence Dubai fornisce il negozio di articoli da regalo del museo che ha una grande influenza negli Emirati Arabi Uniti.[13]

Il governo federale ha contribuito con 1,5 milioni di dollari all'IMA nel bilancio 2012-2013.[14] Il Partito laburista australiano aveva promesso di contribuire con ulteriori $ 3 milioni durante la sua campagna elettorale infruttuosa nel 2013.[15]

Nel febbraio 2015 il governo saudita ha contribuito con 1 milione di dollari.[16] Nel marzo dello stesso anno il governo federale ha stanziato $ 500.000 e il governo statale ha promesso $ 450.000[17] per un programma di educazione artistica e culturale che sarà sviluppato dall'IMA.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Australian Charities and Not-for-profits Commission (ACNC), su abr.business.gov.au, 19 May 2010. URL consultato il 28 giugno 2014.
  2. ^ Farah Farouque, Planned museum hopes to shed light on Islam, The Age, 2 May 2011. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  3. ^ Desypher, su desypher.com.au. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  4. ^ Joe Hockey launches Australia's first Islamic Museum in Thornbury, Northcote Leader, 4 marzo 2014.
  5. ^ a b State cash for Thornbury's Islamic Museum, in Melbourne Times Weekly, 29 gennaio 2013. URL consultato il 28 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2013).
  6. ^ Murphy, Jason, Fahour's family spirit for Islamic museum, in Australian Financial Review, 13 ottobre 2012. URL consultato il 28 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2012).
  7. ^ a b Whinnett, Ellen, Australia Post donates boss Ahmed Fahour's $2m bonus to Islamic Museum of Australia, in Herald Sun, 18 giugno 2014. URL consultato il 28 giugno 2014.
  8. ^ Borderlands exhibition fosters cultural understanding at islamic museum of Australia in Thornbury, su Heraldsun.com.au, 12 giugno 2014.
  9. ^ Boundless Plains, su boundlessplains.com.au. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  10. ^ Museums Australia, su museumsaustralia.org.au. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  11. ^ Morsi, Yassir, Visit to The Islamic Museum of Australia, in Australian Muslim Times, 2 aprile 2014. URL consultato il 27 giugno 2014.
  12. ^ Dubai's HLG to sponsor Oz Islamic museum, in Arabian Business, 18 dicembre 2012. URL consultato il 30 giugno 2014.
  13. ^ First Islamic museum in Australia launches in Melbourne with major UAE influence, in The National (Abu Dhabi), 28 febbraio 2014. URL consultato il 2 marzo 2014.
  14. ^ Strickland, Katrina, Islamic museum gets $1.5m in budget, in Australian Financial Review, 10 maggio 2012. URL consultato il 28 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2013).
  15. ^ Australian Labor, Alp.org, su Alp.org.au, 12 agosto 2013. URL consultato il 19 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  16. ^ KSA gives $1m in donation to Islamic Museum in Australia, in Arab News, 2 marzo 2015. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  17. ^ Islamic museum of Australia gets government cash to develop online education program, su Heraldsun.com.au. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  18. ^ Media release, su foreignminister.gov.au, The Hon Julie Bishop MP, Minister for Foreign Affairs and Senator the Hon George Brandis QC, Attorney-General and Minister for the Arts, 2 marzo 2015. URL consultato il 4 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2019).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]