Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Nasta'liq

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un brano in versi del poeta persiano musulmano Hafez in Nastaʿlīq.

Nastaʿlīq (persiano: نستعلیق‎, Nastaʿlīq) è uno dei più importanti e diffusi stili calligrafici usati per scrivere il Farsi.[1] Fu sviluppato in Iran nell'VIII e IX secolo. Viene occasionalmente usato anche per tracciare la lingua araba nella sua variante originaria, nota come Taʿliq, per i titoli e le testatine di un libro o di una pubblicazione a stampa, ma il suo uso è predominante nel Persiano, nel Turco ottomano, nell'Urdu e in altri ambiti linguistici d'influenza perso-indiana. Il Nastaʿlīq è assai diffuso in Iran, Pakistan e Afghanistan per la poesia scritta e come forma d'espressione artistica (arabesco).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. M. Holt, et al., The Cambridge History of Islam, Cambridge University Press, 1977, ISBN 0-521-29138-0, p. 723.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FA) Ḥabīb-ollāh Feżaʾelī, Taʿlīm-e Khaṭṭ (L'insegnamento della calligrafia), Tehran, Sorush, 1977
  • Sheila Blair, Islamic Calligraphy, Edimburgo, Edinburgh University Press, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]