Museica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museica
ArtistaCaparezza
Tipo albumStudio
Pubblicazione22 aprile 2014
Durata70:00
Dischi1
Tracce19
GenereConscious hip hop[1][2]
EtichettaUniversal
ProduttoreCaparezza
Registrazionegennaio–febbraio 2014, Sunny Cola Studio, Molfetta (Italia)
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia[3]
(vendite: 50 000+)
Caparezza - cronologia
Album precedente
(2012)
Album successivo
(2017)
Singoli
  1. Non me lo posso permettere
    Pubblicato: 21 marzo 2014
  2. È tardi
    Pubblicato: 30 maggio 2014
  3. China Town
    Pubblicato: 29 agosto 2014
  4. Avrai ragione tu (ritratto)
    Pubblicato: 14 novembre 2014
  5. Mica Van Gogh
    Pubblicato: 27 febbraio 2015
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 3.5/5 stelle[4]
Il Fatto Quotidiano negativo[5]
La Repubblica XL 7.3/10[6]
Rockol.it 4/5 stelle[7]
SpazioRock 7.5/10 stelle[8]
Storia della musica 7/10 stelle[9]
Melodicamente 3/5 stelle[10]
uRadio positivo[11]
Onstageweb 4.5/5 stelle[12]
Deer Waves misto[13]
Suoni e strumenti positivo[14]
Onion Magazine positivo[15]
Outsiders Musica 8.3/10[16]

Museica è il sesto album in studio del rapper italiano Caparezza, pubblicato il 22 aprile 2014 dalla Universal Music Group.[17]

Pubblicato a distanza di tre anni da Il sogno eretico, è il primo album dell'artista pugliese ad aver raggiunto la prima posizione della classifica degli album più venduti in Italia.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo dell'album è frutto di un incrocio tra le parole "musica" (essendo appunto un album), "museo" (dal momento che ogni brano è ispirato ad un'opera d'arte) e "sei" (è il sesto album dell'artista pugliese). Lo stesso Caparezza ha descritto Museica con le seguenti parole:[18]

«Museica è il mio museo, la mia musica, il mio album numero 6. È stato registrato a Molfetta e mixato a Los Angeles dal pluri-blasonato Chris Lord-Alge. Essendo io sia l'autore che il produttore artistico, lo considero come un nuovo "primo" disco. È un album ispirato al mondo dell'arte, l'audioguida delle mie visioni messe in mostra. Ogni brano di Museica prende spunto da un'opera pittorica che diventa pretesto per sviluppare un concetto. Non esiste dunque una traccia che possa rappresentare l'intero disco, perché non esiste un quadro che possa rappresentare l'intera galleria. In pratica questo album, più che ascoltato, va visitato.»

La copertina dell'album riprende un quadro di Domenico Dell'Osso realizzato proprio per l'artista, dal titolo omonimo all'album.[19]

L'album viaggia fra arte e violenza: secondo Caparezza «la maggior parte delle cose che animano questa Terra sono frutto di violenze. Per sfuggire all'inquietudine di vivere si cerca di costruire una realtà parallela, si crea un mondo ideale; l'arte è salvifica».[20]

Nell'ottobre 2014 l'album viene inserito nella rosa dei finalisti per la Targa Tenco come "album dell'anno", aggiudicandosi il premio.[21]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

Canzone all'entrata[modifica | modifica wikitesto]

Come deducibile dal titolo, si tratta del brano di apertura di Museica, con il quale Caparezza intrattiene la gente in fila in attesa di entrare nel museo.[22]

Avrai ragione tu (ritratto)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Avrai ragione tu (ritratto).
My God, Help Me to Survive This Deadly Love (Mein Gott, hilf mir diese tödliche Liebe zu überleben) di Dmitri Vrubel come appariva nel 1991.

Quarto singolo estratto dall'album,[23] Caparezza, ispirandosi al graffito My God, Help Me to Survive This Deadly Love di Dmitri Vrubel, ritratta le sue posizioni e si scusa con i bersagli delle sue invettive, ma solo perché glielo ordina «il plotone di bolscevichi che alberga nella sua testa».[22]

Mica Van Gogh[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Mica Van Gogh.
Il brano è stato ispirato dal dipinto Natura morta con Bibbia di Vincent van Gogh, 1885, olio su tela, 65x78 cm, Van Gogh Museum, Amsterdam.

Quinto ed ultimo singolo estratto dall'album, questa è la canzone "primogenita" dell'album: l'artista infatti di un viaggio ad Amsterdam ammette che "tra le prostitute e la marjuana ha scelto Van Gogh" e si è appassionato alle sue opere e ai suoi scritti. Da qui l'idea di scrivere un album ispirato a delle opere d'arte.[22] In questo brano traccia un parallelo tra la vita tormentata dell'artista olandese e quella di una persona qualunque, in particolare si rivolge all'odierno adolescente medio e lo paragona continuamente a Van Gogh (ad esempio: "Lui 300 lettere, letteratura fine, tu 160 caratteri, due faccine, fine"); ad uscire vincitore dal confronto è ovviamente l'artista olandese.

Non me lo posso permettere[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Non me lo posso permettere.

È il primo singolo dell'album ed è stato pubblicato il 21 marzo 2014.[24] Secondo le parole dello stesso Caparezza, il brano è ispirato ai Tre studi di Lucian Freud, un trittico del pittore irlandese Francis Bacon realizzato nel 1969 e venduto in un'asta per la cifra di oltre 140 milioni di dollari, offrendo lui «lo spunto per sviscerare la frase più pronunciata di questi ultimi anni».[25]

Figli d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Francisco Goya, Saturno che divora i suoi figli, 1819-1823, olio su intonaco, 146 cm × 83 cm, Museo del Prado, Madrid.

Caparezza si mette nei panni del figlio di un famoso cantante e parla dell'assenza del padre che, essendo sempre impegnato tra palco e fan, non ha mai tempo per lui o lo ignora, quasi come se volesse più bene al suo pubblico che al proprio figlio.

Il brano è stato ispirato dal dipinto di Francisco Goya, Saturno che divora i suoi figli:[22]

«In genere sono invidiati, raccomandati e contesi. Io li ho nobilitati raccontando la spietata parte oscura dei loro celebri genitori. Il dipinto di Francisco Goya ha un titolo eloquente: Saturno che divora i suoi figli

Comunque dada[modifica | modifica wikitesto]

Si parla del rifiuto della violenza e della guerra da parte dei dadaisti che, piuttosto, preferiscono ritrovarsi al Cabaret Voltaire per dissacrare l'arte.[22] A tal proposito, il brano è stato ispirato dal ready-made L.H.O.O.Q. di Marcel Duchamp, in cui viene rappresentata una Gioconda con i baffi.[22]

Giotto beat[modifica | modifica wikitesto]

Denuncia la mancanza di prospettiva in Italia; l'invocazione di Giotto deriva dal doppio significato della parola "prospettiva" (quella riguardante il futuro e quella visiva, che fu il punto di forza dell'arte di Giotto).

Il brano è stato ispirato dal dipinto dello stesso Giotto, Coretti:[22]

«Non siamo più nei sixties, questa nazione non offre più alcuna prospettiva. Il minimo era invocare Giotto, che della prospettiva ha fatto il suo punto di forza. I suoi Coretti, non potevano che ricordarmi gli "ye-ye" anni '60 e il boom economico.»

Cover[modifica | modifica wikitesto]

È stato il primo brano ad essere estratto dall'album. Per esso è stato realizzato un videoclip, girato da Calu nel deserto del Mojave (California),[26] e cita sia nel testo che nel video varie copertine di numerosi album famosi del passato, come Innuendo dei Queen, War degli U2, Fear of the Dark degli Iron Maiden, Nevermind dei Nirvana e The Velvet Underground & Nico dei Velvet Underground con Nico, disegnato da Andy Warhol.[27]

È stato ispirato dalla celebre Banana di Andy Warhol:[22]

«Tanti sono gli artisti che hanno permesso alle loro opere di diventare copertine di dischi. La banana di Warhol sull'album dei Velvet Underground è stata il big bang di questo mio viaggio lisergico attraverso le cover più celebri di tutti i tempi.»

China Town[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: China Town (Caparezza).
Kazimir Severinovič Malevič, Quadrato nero, 1915, olio su tela, Museo russo.

Terzo singolo estratto dall'album,[28] si tratta di un brano dalla melodia quasi malinconica, definita dallo stesso Caparezza come la sua prima ballata.[22] Il testo è una dichiarazione d'amore verso la scrittura e l'inchiostro (appunto la "china").[22] Esso è stato ispirato dal Quadrato nero di Kazimir Severinovič Malevič.

Canzone a metà[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del brano posizionato a metà dell'album. Il brano è anche una critica ironica a tutte le cose lasciate a metà per paura di fallire o per mancanza di coraggio e volontà (ad esempio smettere di fumare).[22] Nel testo vengono citate varie opere incompiute come i Prigioni di Michelangelo Buonarroti, la Turandot di Giacomo Puccini e Il sogno di Dickens di Robert William Buss, da cui il brano trae ispirazione.[22]

Teste di Modì[modifica | modifica wikitesto]

Ispirato dall'opera Ritratto di Jeanne Hébuterne del celebre falsario Elmyr de Hory,[22] il brano parla della famosa beffa delle Teste di Modì: queste teste, secondo la leggenda, sarebbero state gettate nel Fosso mediceo dallo stesso Modigliani, sconfortato dai giudizi negativi al suo lavoro. Quando nel 1984 vennero ritrovate tre sculture proprio nel Fosso mediceo, i critici affermarono con sicurezza che quelle fossero le opere di Modigliani e immediatamente vennero inaugurate mostre e scritti libri sul ritrovamento;[22] ma un mese dopo l'avvenuto, tre studenti livornesi dichiararono di essere loro gli autori della seconda testa e come controprova la rifecero in diretta TV.[22] Anche le altre due teste erano dei falsi, creati dal pittore Angelo Froglia per "verificare fino a che punto la gente, i critici, i mass-media creano dei miti".

Per il brano è stato realizzato un lyric video, diretto da Fernando Luceri e pubblicato il 24 luglio sul canale YouTube di Caparezza, nel quale compaiono Pietro Luridiana, Michele Ghelarducci e Piefrancesco Ferrucci, gli autori della seconda testa.[29]

Argenti vive[modifica | modifica wikitesto]

Gustave Doré, Virgilio respinge Argenti nel fiume Stige..
«Allor distese al legno ambo le mani; / per che 'l maestro accorto lo sospinse, / dicendo: "Via costà con li altri cani!"»

Caparezza dà voce a Filippo Argenti, contemporaneo di Dante Alighieri messo da quest'ultimo all'inferno nella Divina Commedia; adesso Argenti può rispondere a Dante e raccontare la sua versione dei fatti.

Argenti vive è ispirato dall'illustrazione di Gustave Doré Virgil Pushes Filippo Argenti Back into the River Styx:[22]

«Tutti prima o poi ci siamo imbattuti in una illustrazione di Gustave Dorè. Quelle nella Divina Commedia, per esempio, sono le sue ma molti lo ignorano così come ignorano che il vigoroso culturista da lui dipinto nel fiume Stige (Inferno, canto VIII) sia Filippo Argenti, vicino di casa di Dante. Il sommo poeta distrugge il dirimpettaio con un dissing violentissimo. Ora il microfono passa ad Argenti...»

Per questo brano è stato realizzato un videoclip, diretto da Roberto Tafuro e pubblicato il 3 luglio 2015.[30]

Compro horror[modifica | modifica wikitesto]

Ispirato dal dipinto Concetto spaziale, attesa di Lucio Fontana, il brano parla del crescente spazio che TV e giornali riservano alla cronaca nera. In merito a ciò, Caparezza ha spiegato che le opere di Fontana «diventano il pretesto per raccontare l'attenzione morbosa di chiunque verso i fatti di cronaca nera. Il Compro Horror valuta la tua salma e la paga più di tutti».[22]

Per il brano è stato realizzato un videoclip a 360 gradi, diretto da Alex Bufalo e pubblicato il 28 settembre 2015.[31]

Kitaro[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una rivisitazione della sigla del popolare anime giapponese GeGeGe no Kitarō ed è ispirata all'opera Hiratsuka di Shigeru Mizuki.[22]

Troppo politico[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Pellizza da Volpedo, Il Quarto Stato, 1901, olio su tela, 293 cm × 545 cm, Museo del Novecento, Milano.

Con questo brano, ispirato dal celebre dipinto di Giuseppe Pellizza da Volpedo Il quarto stato, Caparezza risponde a tutti coloro che lo criticano di essere troppo politico e di parlare quasi esclusivamente di politica: «È quello che pensano io sia. I miei detrattori, intendo. Non so se prenderla come offesa o complimento, nel frattempo ci scherzo su».[22]

Sfogati[modifica | modifica wikitesto]

«"Questo lo so fare pure io" - oppure - "Io lo so fare meglio". La critica improvvisata ed ostentata è il vero bersaglio di questo pezzo. Introdotto da Vasco ed ispirato ad un Ligabue (Antonio) questo brano è una ricerca della pace (dei sensi).[22]»

Viene presa di mira la critica continua e volgare a tutto ciò che non ci piace, del tipo "Bah, questo lo so fare pure io"; Caparezza invita l'ascoltatore a sfogare tutta la sua rabbia su di lui.

Il brano è stato ispirato dalla Testa di tigre di Antonio Ligabue.

Fai da tela[modifica | modifica wikitesto]

Brano preferito di Caparezza,[22] lo stesso spiega che «ognuno di noi è una tela bianca che viene dipinta dai giudizi altrui; viviamo nell'illusione di essere noi stessi, in realtà siamo come ci dipingono gli altri».[20]

Il brano è ispirato al dipinto The Little Deer di Frida Kahlo.

È tardi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: È tardi.

Secondo singolo estratto dall'album,[32] il brano parla della frenesia della società odierna, così frenetica che è sempre troppo tardi per qualsiasi cosa. È ispirato al dipinto La persistenza della memoria di Salvador Dalí, in cui l'ambiente, fra cui anche tre orologi, appare dilatato e floscio: il tempo dunque è relativo, metafisico, e Caparezza spiega: «forse è tardi, ma non mi fermerò».[22]

Canzone all'uscita[modifica | modifica wikitesto]

Con questo brano Caparezza intrattiene i visitatori verso l'uscita del museo. Secondo le sue stesse parole, il brano svolge «una sorta di riassunto di ciò che hanno visto per inoculare loro la voglia di ritornare in galleria e ricominciare il viaggio».[22]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Michele Salvemini, eccetto dove indicato.

  1. Canzone all'entrata – 2:02
  2. Avrai ragione tu (ritratto) – 4:23
  3. Mica Van Gogh – 3:55
  4. Non me lo posso permettere – 3:46
  5. Figli d'arte – 3:38
  6. Comunque dada – 3:07
  7. Giotto beat – 3:32
  8. Cover – 5:10
  9. China Town – 3:55
  10. Canzone a metà – 3:23
  11. Teste di Modì – 3:46
  12. Argenti vive – 4:39
  13. Compro horror – 4:02
  14. Kitaro – 3:05 (Michele Salvemini, Shigeru Mizuki, Tako Izumi)
  15. Troppo politico – 3:35
  16. Sfogati – 3:35
  17. Fai da tela (feat. Diego Perrone) – 3:59
  18. È tardi (feat. Michael Franti) – 4:34 (Michele Salvemini, Michael Franti)
  19. Canzone all'uscita – 1:54
Traccia bonus nella versione di iTunes[33]
  1. Museica Documentario (Short Version) – 14:28

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Caparezzavoce, arrangiamenti
  • Alfredo Ferrero – chitarra, arrangiamenti
  • Giovanni Astorino – basso, violoncello
  • Gaetano Camporeale – tastiera, arrangiamenti
  • Emanuele Petruzzella – pianoforte
  • Rino Corrieri – batteria
  • Pantaleo Gadaleta – violino
  • Serena Soccoia – violino
  • Francesco Capuano – viola
  • Giuliano Teofrasto – tromba
  • Angelantonio De Pinto – trombone
  • Luigi Tridente – sassofono
  • Giuseppe Smaldino – corno, bassotuba
  • Floriana Casiero – cori
  • Rossella Antonacci – cori
  • Luigi Nardiello – cori
  • Antonio Minervini – cori
  • Simone Martorana – cori
  • Valeria Quarto – cori
  • Nicola Quarto – cori
  • Fabio Losito – violino (traccia 4)
  • Roddy Rock – voce aggiuntiva (traccia 8)
  • Paolo Daniele – armonica (traccia 8)
  • Albina Stella – voce aggiuntiva (traccia 15)
  • Diego Perrone – voce aggiuntiva (traccia 17)
  • Michael Franti – voce aggiuntiva (traccia 18)
  • DJ Walimai – scratch (traccia 18)
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2014) Posizione
massima
Italia[34] 1
Svizzera[34] 78
Classifica (2018) Posizione
massima
Italia (vinili)[35] 15

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2014) Posizione
Italia[36] 17
Classifica (2015) Posizione
Italia[37] 100

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Conscious Hip Hop, TV Tropes Foundation. URL consultato il 25 maggio 2014.
  2. ^ Caparezza presenta il nuovo album "Museica", su outune.net. URL consultato il 25 maggio 2014.
  3. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 31 agosto 2014.
  4. ^ (EN) Mariano Prunes, Museica, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 4 settembre 2015.
  5. ^ Valerio Cesari, Caparezza, 'Museica': c'eravamo tanto amati, Il Fatto Quotidiano, 28 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  6. ^ Michele Chisena, X-Voto: le recensioni di XL, la Repubblica XL, 23 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  7. ^ Fabrizio Zanoni, MUSEICA - Caparezza - Recensione, Rockol, 29 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  8. ^ Nicolò Rizzo, Recensioni: Caparezza - Museica, SpazioRock, 1º maggio 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  9. ^ Davide Vertone, Caparezza - Museica, Storia della musica. URL consultato il 1º giugno 2014.
  10. ^ Angelo Moraca, Caparezza, "Museica". La recensione, Melodicamente, 19 maggio 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  11. ^ Giacomo Piciollo, Caparezza, “Museica” - La recensione, uRadio, 24 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  12. ^ Alvise Losi, Caparezza, la recensione dell'album Museica, Onstageweb. URL consultato il 1º giugno 2014.
  13. ^ Caparezza - Museica, Deer Waves, 30 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  14. ^ Stefano Bonagura, La recensione: Caparezza - “Museica” (CD), Suoni e strumenti, 25 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  15. ^ Davide Merola, Museica (Recensione): Caparezza parla d'arte e non ne sbaglia una, Onion Magazine, 21 maggio 2014. URL consultato il 1º giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2014).
  16. ^ Simone Picchi, Caparezza - Museica, Outsiders Musica, 6 maggio 2014. URL consultato il 15 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2014).
  17. ^ Arianna Galati, Caparezza, nuovo album Museica (cover e tracklist): "Questo disco va visitato, non ascoltato", SoundsBlog, 20 marzo 2014. URL consultato il 30 aprile 2014.
  18. ^ Caparezza si racconta Ecco il nuovo singolo, in La Provincia di Varese (Milano), 22 aprile 2014. URL consultato il 31 maggio 2014.
  19. ^ Arianna Ascione, Caparezza, Museica: la copertina è dell'artista Domenico Dell'Osso, su artsblog.it, 15 aprile 2014. URL consultato il 24 aprile 2014.
  20. ^ a b Silvia Marchetti, Intervista a Caparezza sul nuovo album "Museica", su culturaeculture.it, 15 aprile 2014. URL consultato il 31 maggio 2014.
  21. ^ I FINALISTI DELLE TARGHE TENCO 2014, premiotenco.it
  22. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w Paolo Bianco, Caparezza, Museica: viaggio nei quadri che hanno ispirato il disco, SoundsBlog, 18 aprile 2014. URL consultato il 30 aprile 2014.
  23. ^ Lucio Schirripa, Caparezza - Avrai ragione tu (Ritratto) (Radio Date: 14-11-2014), EarOne, 11 novembre 2014. URL consultato il 13 novembre 2014.
  24. ^ Non Me Lo Posso Permettere, Google Play. URL consultato il 30 maggio 2014.
  25. ^ Arianna Galati, Caparezza, Non Me Lo Posso Permettere: testo e video ufficiale, SoundsBlog, 21 marzo 2014. URL consultato il 30 aprile 2014.
  26. ^ IL RITORNO DI CAPAREZZA Il video del brano "Cover" anticipa MUSEICA il nuovo album in uscita il prossimo 22 aprile, Universal Music Group, 4 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2014.
  27. ^ Terenzio Ciancarelli, Caparezza: Cover, Testo e Interpretazione, su radioliberatutti.it. URL consultato il 31 maggio 2014.
  28. ^ Lucio Schirripa, Caparezza - China Town (Radio Date: 29-08-2014), EarOne, 27 agosto 2014. URL consultato il 27 agosto 2014.
  29. ^ Filmato audio Caparezza, CAPAREZZA - TESTE DI MODI' - Lyric Video, su YouTube, 24 luglio 2014. URL consultato il 20 agosto 2014.
  30. ^ Filmato audio Caparezza, CAPAREZZA - ARGENTI VIVE, su YouTube, 3 luglio 2015. URL consultato il 3 luglio 2015.
  31. ^ Filmato audio Caparezza, CAPAREZZA - COMPRO HORROR - video a 360 gradi, su YouTube, 28 settembre 2015. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  32. ^ Lucio Schirripa, CAPAREZZA - È tardi (feat. Michael Franti) (Radio Date: 30-05-2014), EarOne, 28 maggio 2014. URL consultato il 30 maggio 2014.
  33. ^ Museica, iTunes. URL consultato il 22 aprile 2014.
  34. ^ a b (NL) Caparezza - Museica, Ultratop. URL consultato il 5 maggio 2014.
  35. ^ Classifica settimanale WK 49 (dal 2018-11-30 al 2018-12-06), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  36. ^ Classifiche annuali 2014 "Top of the Music" FIMI-GfK: Un anno di musica italiana, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 19 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2015).
  37. ^ Classifiche "Top of the Music" 2015 FIMI-GfK: La musica italiana in vetta negli album e nei singoli digitali, Federazione Industria Musicale Italiana, 8 gennaio 2016. URL consultato il 10 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]