Goodbye Malinconia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Goodbye Malinconia
singolo discografico
Goodbye Malinconia.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaCaparezza
FeaturingTony Hadley
Pubblicazione28 gennaio 2011
Durata4:48
Album di provenienzaIl sogno eretico
GenereAlternative hip hop
Synth pop
EtichettaUniversal
ProduttoreCarlo U. Rossi, Caparezza
Registrazione2010
Transeuropa Home, Revigliasco (Italia)
International Sound, Conversano (Italia)
FormatiDownload digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia[1]
(vendite: 15 000+)
Caparezza - cronologia
Singolo precedente
(2009)
Tony Hadley - cronologia
Singolo precedente
The Good Life
(2007)
Singolo successivo

Goodbye Malinconia è un singolo del cantautore italiano Caparezza, pubblicato il 28 gennaio 2011 come primo estratto dal quinto album in studio Il sogno eretico.[2]

Il brano ha visto la partecipazione del cantante britannico Tony Hadley, frontman degli Spandau Ballet.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Caparezza ha affermato che «Goodbye Malinconia è nata in Inghilterra, dopo aver parlato con alcuni dei numerosi italiani emigrati a Londra», i quali gli dicevano che «loro malgrado non sarebbero più tornati nella nazione dove non riuscivano a vivere».[2][3]

Il brano utilizza la metafora di una terra chiamata "Malincònia", la quale - giocando sull'omonimia - da una parte è uno stato d'animo e dall'altra è uno Stato, inteso come entità giuridica, ovvero lo Stato italiano. Nel singolo il cantante tratta dunque la realtà sociale, culturale e politica dell'Italia, che viene descritta come il Paese da cui tutti se ne vanno, la cui «situazione è più grave di un basso tuba».[4]

Caparezza spiega la nuova atmosfera di questo suo testo, più malinconica e rassegnata rispetto ai precedenti (tant'è che l'ultima strofa da lui cantata si conclude con «metti nella valigia la collera e scappa da Malinconia»), con la volontà di «cercare in qualche modo di urtare la sensibilità delle persone attraverso delle soluzioni che magari non ti aspetti. Come se ad un certo punto io dicessi: "Ok, basta combattere, andiamocene!"».[4]

La musica del brano, che vede il connubio di rap e synth pop, è un omaggio alle sonorità degli anni ottanta.[4] Tony Hadley, oltre a cantare il ritornello, canta l'ultima delle tre strofe, in lingua inglese.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Durante un'intervista di Klaus Davi all'allora ministro per l'Attuazione del programma Gianfranco Rotondi, per il programma KlausCondicio in onda su YouTube, Rotondi ha criticato il brano di Caparezza ed il relativo video musicale, dicendosi offeso dai giudizi del cantautore «che l'Italia e Milano non meritano». Il ministro ha affermato di non ritenere lecito infangare l'immagine del proprio paese e si è detto rattristato dal fatto che «un italiano si associ ad un'operazione contro il proprio paese». Rotondi ha inoltre fatto riferimento ad una «vocazione anti-italiana nella cultura musicale» italiana, che «la sinistra sposa integralmente», aggiungendo che «nell'opposizione la leadership culturale è in mano ai cantanti, ai comici e a Saviano».[5][6][7]

Caparezza ha risposto in più interviste alle critiche mossegli riguardo al brano, affermando che «l'obiettivo di Goodbye Malinconia è semplicemente fotografare un momento» e che «questo è ciò che fa l'artista». Ha aggiunto: «sono stimolato dalle cose che mi accadono, da ciò che vivo e da ciò che vedo, e questo mi porta poi a scriverle», facendo anche riferimento all'esperienza vissuta a Londra.[8] Inoltre il cantautore ha puntualizzato che nel brano «non c'è una sola parola contro Milano. Ci ho solo girato il video: se l'avessi girato a Pisa avrebbero detto che era un pezzo contro Pisa? È assurda la superficialità con la quale si maneggia l'arte oggi».[9]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video, diretto da Riccardo Struchil[10] e girato a Milano[4] è stato pubblicato il 4 febbraio 2011.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Goodbye Malinconia (feat. Tony Hadley) – 4:48 (Caparezza, Tony Hadley)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2011) Posizione
massima
Italia[11] 15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Goodbye Malinconia (certificazione), su FIMI. URL consultato il 10 settembre 2017.
  2. ^ a b Caparezza "Goodbye Malinconia" (feat. Tony Hadley) Il nuovo singolo, su universalmusic.it, Universal Music Group, 24 gennaio 2011. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  3. ^ Il sogno eretico di Caparezza (2), su videodrome-xl.blogautore.repubblica.it, la Repubblica XL, 5 aprile 2011. URL consultato il 1º giugno 2011.
  4. ^ a b c d Servizio del TG2 di Carola Carulli, 19 gennaio 2011
  5. ^ Musica: Rotondi, in un paese normale Caparezza non venderebbe dischi, su irispress.it, Iris Press, 23 febbraio 2011. URL consultato il 27 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2011).
  6. ^ PD: Rotondi, dopo comici e Saviano ora Sinistra si affida a Caparezza, su irispress.it, Iris Press, 23 febbraio 2011. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2012).
  7. ^ Filmato audio Rotondi: video Caparezza infanga l'Italia, su YouTube.
  8. ^ Filmato audio Caparezza racconta "Il sogno eretico", su YouTube.
  9. ^ Caparezza è tornato, rime eretiche contro i casta-man, su ilfattoquotidiano.it, Il Fatto Quotidiano, 23 febbraio 2011. URL consultato il 27 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2011).
  10. ^ Filmato audio Caparezza ft. Tony Hadley - Goodbye Malinconia (video ufficiale), su YouTube.
  11. ^ Classifica settimanale WK 9 (dal 2011-02-28 al 2011-03-06), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 26 febbraio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]