Matt Patricia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matt Patricia
Matt Patricia 2018.png
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Capo-allenatore
Squadra Detroit Lions
Carriera
Carriera da allenatore
1996 600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg RPI Engineers (ass.)
1999-2000 600px Viola e Bianco 5.png Amherst Mammoths (ass. DL)
1999-2000 Syracuse Orange (ass. att.)
2004-2017 New England Patriots
– Ass. attacco (2004)
– Ass. offensive line (2005)
– Linebacker (2006–2010)
– Safety (2011)
– Coordinatore dif. (2012–2017)
2018- Detroit Lions
Statistiche aggiornate al 24 febbraio 2018

Matt Patricia (Sherrill, 13 settembre 1974) è un ex giocatore di football americano, allenatore di football americano e ingegnere aeronautico statunitense. Dal 2018 è il capo-allenatore dei Detroit Lions della National Football League

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Patricia frequentò il Rensselaer Polytechnic Institute dal 1992 al 1996 dove giocò a football americano come offensive guard e si laureò in Ingegneria aeronautica.[1]

Carriera da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 Patricia entrò nello staff dei New England Patriots dove dal 2012 ricoprì il ruolo di coordinatore della difesa, conquistando il Super Bowl XLIX[2] contro i Seattle Seahawks nel 2014 ed il Super Bowl LI contro gli Atlanta Falcons nel 2016. In precedenza coi Patriots aveva vinto anche il Super Bowl XXXIX.

Il 5 febbraio 2018 Patricia lasciò i Patriots all'indomani della sconfitta contro i Philadelphia Eagles nel Super Bowl LII per diventare capo-allenatore dei Detroit Lions.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mike Reiss, Drawn to X's and O's, in ESPN.com, 27 gennaio 2010. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  2. ^ Matt Patricia - Biography Archiviato il 20 gennaio 2015 in Internet Archive.
  3. ^ (EN) Lions hire Matt Patricia as new head coach, 5 febbraio 2018, Detroit Lions. URL consultato il 24 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2018).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]