Massimo Dedo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Max Dedo
Massimo Dedo.jpg
Massimo Dedo (Max Dedo)
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Indie rock
Periodo di attività musicale2003 – in attività
Album pubblicati6
Sito ufficiale

Massimo Dedo, nome d'arte Max Dedo (Messina, 28 giugno 1972), è un musicista italiano.

Polistrumentista (trombonista), arrangiatore, compositore e cantautore.[1]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 28 giugno del 1972 a Messina Massimo Dedo (nome esteso Massimo De Domenico) iniziò lo studio musicale al conservatorio “A.Corelli” della sua città natale proseguendolo nel 1991 a Milano al conservatorio “G. Verdi”, studiò nel contempo al Teatro alla Scala di Milano con E. Torsten.

In seguito occupò il posto di primo trombone nell'Orchestra Giovanile Italiana e si specializzò a Fiesole, dove studiò 2 anni alla scuola di alto perfezionamento per professori d'orchestra.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha suonato in orchestra diretto dai maestri Riccardo Muti, Carlo Maria Giulini, Giuseppe Sinopoli, G. Rath, S. Argiris.[2]

Ha suonato nei musical delle opere A Chorus Line, Hello, Saranno famosi, La febbre del sabato sera, My Fair Lady, A qualcuno piace caldo, Dance, Sette spose per sette fratelli, Evita e Jesus Christ Superstar.[3]

Ha collaborato alle registrazioni e suonato nei tour di Max Gazzè, Daniele Silvestri[4], Niccolò Fabi, Nicola Piovani, Mario Venuti, Tosca, Elio e le Storie Tese, Nomadi, Bandabardò, WA, Marina Rei, Cristiano De André, Arisa, Biba Band e Kunsertu.[5]

Ha preso parte come musicista in programmi sulle reti Rai accompagnando nelle loro esibizioni George Benson, Michael Bublé, Ami Stewart, Ben Harper, Rod Stewart, Michael Bolton, Riccardo Cocciante, Eros Ramazzotti, Renato Zero, Claudio Baglioni, Andrea Bocelli, Tiziano Ferro, Gianni Morandi e i Pooh.
Dal 2003 al 2015 ha suonato al Festival di Sanremo nell'orchestra della Rai Radio Televisione italiana.[6]

Dal 2003 rilascia pubblicazioni discografiche ed intrattiene concerti musicali quale cantautore.[7]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

- Con la band WA nel 2003 incide l'album “Welcome to Atlantis” e nel 2004 incide l'album intitolato "Atmomy"
Dai quali verranno pubblicati i seguenti video musicali

Titolo della Canzone del Video Etichetta di Pubblicazione
Golden Horses 5.1 Records

- Con la band Bandamariù nel 2009 incide l'album “Miscia Lay” e nel 2011 incide l'album “Bumma”
[8] Dal quale verranno pubblicati i seguenti video musicali

Titolo della Canzone del Video Etichetta di Pubblicazione
Miscia Lay Organic Tones Records
Elettro Poppe CasaMusica

- Col nome di Dedo & the Megaphones nel 2014 incide l'album “Best Master Vol. 1” e nell'autunno dello stesso anno incide il singolo “Taggami il nervo dell'amore”
Dai quali sono stati pubblicati i seguenti video

Titolo della Canzone del Video Etichetta di Pubblicazione
Back in the USSR Otr Live Srl
Hot Stuff Otr Live Srl
Hit The Road Jack Otr Live Srl
La donna Cannone Otr Live Srl
Taggami il nervo dell'amore Vertigo Publishing Sagl

-Col nome di Dedo nel 2016 incide l'album “Cuore Elettroacustico”
Dai quali sono stati pubblicati i seguenti video

Titolo della Canzone del Video Etichetta di Pubblicazione
Resta sul divano Vertigo Publishing Sagl
Inverno Maledetto Vertigo Publishing Sagl

Altri tipi di pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Dedo ha composto musica e arrangiato basi musicali per spot pubblicitari di Denim, Vidal, Albatross e Dietorelle.

Per la Rai italiana ha realizzato diverse musiche e sottofondi musicali utilizzati durante le trasmissioni televisive.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 Massimo Dedo è stato recensito in uno special sulla Bandamariù apparso su Rai 1 al programma televisivo Sette Note.
Nel 2014 Massimo Dedo è stato premiato per il video di "Taggami il nervo dell'amore" alla XII edizione del Premio Roma Videoclip.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]