Peppe Voltarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peppe Voltarelli
Peppe Voltarelli.jpg
Nazionalità Italia Italia
Genere Folk rock
Periodo di attività 1991 – in attività
Album pubblicati 21
Studio 14
Live 7
Raccolte 0
Sito web

Peppe Voltarelli (Cosenza, 26 dicembre 1969) è un cantautore e attore italiano.

Dal 1991 al 2005 è stato il cantante de Il Parto delle Nuvole Pesanti. Dal 2006 conduce carriera solista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Con Il Parto delle Nuvole Pesanti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 fonda insieme a Franco Catalano e Salvatore De Siena Il Parto delle Nuvole Pesanti, band conosciuta in Italia per la sua musica folk-rock sperimentale. Al trio originario si uniscono nel 1992 Marco Rausa (voce, mimo e tromba), Davide Peri (sax), Giorgio Simbola (banjo e trombone), Giovanni Tufano (chitarra classica), Carlo Di Lorenzo (chitarra elettrica), Fabio Bonvicini (organetto e flauti) e Amerigo Sirianni (mandolino). La formazione si riduce a nove elementi per l'album Pristafora e, successivamente, a quattro, nel corso della lavorazione di 4 battute di povertà. Entrano nella band il bassista Mimmo Crudo e il batterista Mimmo Mellace, esperto di world music e già elemento dei Re Niliu. L'album 4 battute di povertà, prodotto dalla Lilium dei fratelli Onorato di Monza[1] e distribuito dalla Sony Epic, diviene apripista di un genere denominato "tarantella punk"[2].

Particolarmente importante nella produzione del gruppo è Sulle ali della mosca (2000), con la collaborazione di Teresa De Sio e Roy Paci. Il Parto ha anche occasione di collaborare con la compagnia teatrale Krypton di Firenze, con Claudio Lolli e con il regista Giuseppe Gagliardi.

Dal 1991 al 2005 Voltarelli registra nove album con la band. Nel 2005 lascia il gruppo per dedicarsi alla carriera da solista.

Carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Il primo lavoro da solista è il film La vera leggenda di Tony Vilar, del regista Giuseppe Gagliardi[3]. Il film è un road movie che racconta l'epopea degli italiani d'America, seguendo le tracce di un cantante italiano famoso in Argentina negli anni sessanta e ormai scomparso. La storia, che si svolge tra Buenos Aires e New York, rappresenta il primo caso di mockumentary (falso documentario) italiano.(2)

Del film La vera leggenda di Tony Vilar Voltarelli è autore delle musiche e interprete. Il film viene presentato alla prima edizione della Festa del cinema di Roma (2006)[4], al Tribeca Film Festival di New York (2007)[5], al Calgary International Film Festival (2007)[6], all'Italian Film Festival di San Diego (2009)[7], al Festival del Cinema Italiano di Belgrado (2008)[8], al Weird Mob di Sydney (2008)[9] e al Buitoni Film Festival di Dublino (2008)[10]

Nel 2007 esce Distratto ma però il primo lavoro discografico da solista prodotto da Alessandro Finazzo (Finaz) della Bandabardò) che vede la partecipazione di Roy Paci, Sergio Cammariere, Pau dei Negrita e Giancarlo Cauteruccio. Il disco entra nella cinquina dei finalisti per la targa Tenco 2007 riservata alle opere prime partecipando alle serate conclusive del Premio Tenco al Teatro Ariston di Sanremo.

Il brano Distratto ma però viene inserito nella colonna sonora del film Fuga dal call center, opera prima di Federico Rizzo che partecipa al Festival Internazionale del cinema di Karlovy Vary nella Repubblica Ceca. Nel film Peppe Voltarelli recita la parte di una curiosa guardia antitaccheggio.[11]

L'album Distratto ma però viene distribuito in Argentina dalla casa discografica Los Años Luz.[12] La tournée di presentazione tocca anche il Canada, gli Stati Uniti e il Messico.

Al Teatro Civico di Alghero riceve il Premio Pino Piras "Canco de Raganal" per l'ironia e il sarcasmo della sua ricerca musicale.[13]

L'opera Angolo somma zero debutta al festival teatrale di Festambiente Sud a Vico del Gargano. Lo spettacolo, scritto e recitato da Alessandro Langiu, vede sulla scena Peppe Voltarelli suonare e recitare la parte di un suonatore per matrimoni nella Puglia delle fabbriche tra Brindisi, Taranto e Manfredonia. Lo spettacolo pone l'attenzione sulle "morti bianche" e sulla situazione drammatica delle famiglie pugliesi che hanno perso i propri cari per malattie contratte sul posto di lavoro.[14]

Il disco Duisburg Nantes Praga il bootleg live è un lavoro di denuncia contro la mafia, registrato dal vivo durante il tour europeo del 2008 con il supporto della sola vendita on line e durante i concerti. Il live vende oltre 3000 copie in meno di un anno[15].

Voltarelli partecipa a tre edizioni consecutive del Concerto del Primo Maggio a Roma (2009, 2010 e 2011). Sul palco con Alfio Antico, i Lautari a la Bandabardò[16]

Compone le musiche per l'opera teatrale Medea e la luna, tratta da Lunga notte di Medea di Corrado Alvaro e messa in scena da Giancarlo Cauteruccio[17]

Ultima notte a Malà Strana viene pubblicato in Francia per l'etichetta Chant du monde e distribuito in Europa da Harmonia Mundi. Il disco viene presentato in anteprima a Parigi con un concerto al teatro Alhambra il 28 settembre 2010.[18]

Ultima notte a Malà Strana vince la Targa Tenco 2010 come miglior album in dialetto, il premio è conferito per la prima volta ad un lavoro in calabrese. Voltarelli dedica la Targa al sindaco ambientalista di Pollica (Salerno) Angelo Vassallo, ucciso in un agguato di tipo mafioso[19]

Nell'ottobre 2010 Voltarelli è in tournée in Messico, con concerti al Festival del Cinema di Morelia ad Aguascalientes e Città del Messico. Nel novembre 2010 esce in Argentina per la casa discografica Los Años Luz l'album Ultima notte a Malà Strana, che viene presentato a Buenos Aires con un concerto alla Trastienda, con ospite la cantante uruguayana Ana Prada. Durante il tour argentino a novembre Voltarelli viene invitato a partecipare al concerto di Adriana Varela, voce storica del tango argentino.

Ultima notte a Malà Strana viene distribuito in Canada dall'etichetta Casa Nostra[20], con distribuzione Dep/Universal: l'uscita viene accompagnata da una tournée in Québec, che tocca anche Montreal, Quebec City e la Val D'Or, insieme al cantante italo-canadese Marco Calliari. Il disco viene recensito su Radio Canada che programma il singolo Scarpe rosse impolverate, con la partecipazione al programma Je l'ai vu à la radio su La Première Chaîne, curato dal giornalista Franco Nuovo.[21]

Il 16 marzo 2011 partecipa alla Notte Tricolore a Torino, rappresentando la Calabria, per celebrare i 150 anni dell'unità d'Italia con il concerto in piazza Vittorio[22]. Sempre a marzo 2011 partecipa in concerto al Festival Barna Sants di Barcellona presso il Luz de Gas.

Firma la colonna sonora originale di Tatanka di Giuseppe Gagliardi (2011), film tratto da un racconto di Roberto Saviano[23]

Sempre nel 2011 partecipa a Luminato, festival di Toronto, e al Francofolies di Montreal, insieme al gruppo fiorentino Bandabardò.[24]

Partecipa alla 36ª edizione del Premio Tenco 2012 con il ruolo del "tappabuchi intrattenitore", durante i cambi palco degli artisti.[25]

La canzone Onda Calabra scritta per il documentario Doichlanda di Giuseppe Gagliardi viene usata in forma di parodia nel film di Giulio Manfredonia Qualunquemente con Antonio Albanese in una lettera aperta ad Albanese uscita in prima pagina su Calabria Ora fa nascere una diatriba sul brano che Voltarelli rivendica come canzone di passione ed emigrazione non in linea con l'utilizzo che ne viene fatto nel film di Manfredonia.[26]

Lo spettacolo Il viaggio i padri l'appartenenza, monologo di teatro canzone debutta alla Galleria Toledo di Napoli a novembre 2011[27][28].

Realizza la colonna sonora di Aspromonte, commedia di Hedy Krissane con Franco Neri[29].

Con lo spettacolo Voci... Italiani da esportazione, insieme alle cantautrici Roberta Carrieri e Gabriella Grasso partecipa al Festival Avignon Off 2012, con una residenza teatrale di ventuno giorni al Theatre des vent[30]

Nel 2012 concerti a Buenos Aires, New York, Portland, Seattle, Los Angeles, Bruxelles, Barcellona, Colonia e Lussemburgo[31].

Ospite del Canzoniere Grecanico Salentino al concerto che si tiene al Joe's Pub di New York nel giugno 2013. Jon Pareles dedica un articolo alla serata sulle pagine del New York Times del 28 giugno

Partecipa al Montreal International Jazz Festival 2013 con due concerti al Savoy du Metropolis[32]

"Voltarelli canta Profazio" Squilibri Editore 2016 vince la Targa Tenco come miglior disco interprete

Vive tra Capo Trionto e Sdrucciolo de Pitti

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con Il Parto delle Nuvole Pesanti[modifica | modifica wikitesto]

Peppe Voltarelli in concerto alla Lomax (Catania, 15 maggio 2010)

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 - Ciani un'epopea banditesca nell'era mediatica, Emir edizioni, Bologna
  • 2000 - Raggia. Versi strisce e canzoni. Poems strips and lyrics, Emir edizioni, Bologna
  • 2000 - Il Parto delle Nuvole Pesanti: quattro racconti al dottor Cacciatutto, Emir edizioni, Bologna
  • 2009 - Non finito calabrese, Del Vecchio Editore, Roma
  • 2011 - Cosa volete sentire, antologia di racconti di cantautori italiani con Patate sotto la cenere, Minimum Fax, Roma
  • 2014 - Il caciocavallo di bronzo. Romanzo cantato e suonato, Stampa Alternativa[37], Roma
  • 2016 - Voltarelli canta Profazio[38] Squilibri Editore[39]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.mbnews.it/cultura/80-cultura/327-lilium-storie-di-musica-indipendente.html
  2. ^ http://www.csdim.unical.it/ospiti/oralocale/parto.htm
  3. ^ Scheda del film su corriere.it.
  4. ^ CINEMA - 1ª Festa Internazionale di Roma - "La Vera legenda di Tony Vilar", di Giuseppe Gagliardi (Extra)
  5. ^ The True Legend of Tony Vilar - Tribeca Film Festival review
  6. ^ The Calgary International Film Festival line-up | Filmfestivals.com
  7. ^ Bianco, rosso e verdicchio | i-ITALY
  8. ^ Festival del Cinema Italiano di Belgrado - CinemaItaliano.info
  9. ^ Italian Cultural Institute in Sydney
  10. ^ Italian Institute of Culture Dublin
  11. ^ "Fuga dal Call Center" evento di chiusura della 2ª edizione di Italiani Brava Gente - CinemaItaliano.info
  12. ^ LALDISCOS - Peppe Voltarelli
  13. ^ Al Civico di Alghero il "Premio Pino Piras"
  14. ^ Teatro Pubblico Pugliese - ANGOLO SOMMA ZERO
  15. ^ Recensione: Peppe Voltarelli - Duisburg Nantes Praga, Il Bootleg Live - storiadellamusica.it
  16. ^ Peppe Voltarelli e Alfio Antico | MelodicaMente
  17. ^ Teatro Studio Krypton - Storia
  18. ^ Le Chant Du Monde - Label Discographique et Editions Musicales
  19. ^ Angelo Vassallo News - Il Fatto Quotidiano
  20. ^ Casa Nostra -Artistes
  21. ^ Peppe Voltarelli, le timbre Èvocateur | Christiane Charette.
  22. ^ http://www.quotidianopiemontese.it/2011/03/14/italia-150-l’afterhour-e-tricolore/#.UXH8kc3kiAY
  23. ^ Note del compositore Peppe Voltarelli sul film "Tatanka" - CinemaItaliano.info.
  24. ^ Music: Bandabardo featuring Peppe Voltarelli Luminato Festival - Introvert Social Friends (Etobicoke , ON) - Meetup
  25. ^ Alla terza serata del 'Premio Tenco' il tutto esaurito al teatro Ariston di Sanremo, 13 novembre 2011, su sanremonews.it.
  26. ^ Cetto-record, polemica in musica Su "Onda Calabra n on c'è da ridere" - Repubblica.it
  27. ^ Scheda su Il viaggio i padri e l'appartenenza, da audiocoop.it.
  28. ^ In viaggio con Voltarelli e i «padri» della canzone, 19 dicembre 2011, da corriere.it.
  29. ^ Scheda del film su mymovies.it.
  30. ^ Avignone incorona il folk rock di Voltarelli - Culture - l'Unità - notizie online lavoro, recensioni, cinema, musica
  31. ^ Peppe Voltarelli, storie di migranti di ieri e di oggi | L'Italo-Americano
  32. ^ Concert: Peppe Voltarelli - Festival International de Jazz de Montréal
  33. ^ Alessandro Sgritta, Peppe Voltarelli presenta il bootleg live Duisburg Nantes Praga, in http://www.musicalnews.com/articolo.php?codice=15514&sz=5, 14 aprile 2009.
  34. ^ Laura Bianchi, Lamentarsi come ipotesi, in http://www.mescalina.it/musica/recensioni/peppe-voltarelli-lamentarsi-come-ipotesi, 11 marzo 2014.
  35. ^ Los Años Luz Discos, su www.laldiscos.com. URL consultato il 09 giugno 2016.
  36. ^ Voltarelli canta Profazio, su Le Palais Du Rire, 12 gennaio 2016. URL consultato il 6 maggio 2016.
  37. ^ Stampa alternativa
  38. ^ Peppe Voltarelli canta Profazio, su XL Repubblica.it. URL consultato il 6 maggio 2016.
  39. ^ Home - Squilibri Editore, su www.squilibri.it. URL consultato il 6 maggio 2016.
  40. ^ Vino Para Robar (2013) | EscribiendoCine
  41. ^ redazione, Las Candidaturas, premiosgoya.academiadecine.com.
  42. ^ redazione, Carlos Benpar, imdb.com.
  43. ^ gigi roccati, Biografia (PDF), gigiroccati.it.
  44. ^ http://komartmusic.com/it/produzioni/2006/08/14/peppe-voltarelli-voleva-fare-lartista-tour-estate-2006 TestoNota
  45. ^ Teatro Metastasio di Prato
  46. ^ Grecia, mia cara Grecia - Mondogreco.net
  47. ^ Teatroteatro.it - Medea e la luna
  48. ^ Peppe Voltarelli canta Strati
  49. ^ PICCHI' MI GUARDI SI TU SI MASCULU? - regia Giancarlo Cauteruccio
  50. ^ Musicalnews.com: Peppe Voltarelli parte in tour nei teatri con Il Viaggio I Padri e L'Appartenenza
  51. ^ Met - Storia Di Un Bene Comune

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN167538401 · BNF: (FRcb16268783z (data)