Leone (astrologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leone
Simbolo del Leone
Elemento Fuoco
Qualità Fisso
Domicilio Sole
Esaltazione Y
Esilio Urano e Saturno
Caduta Nettuno
Leone rappresentato in un libro di astrologia del XV secolo

Secondo l'astrologia occidentale, il leone è un segno zodiacale fisso e di fuoco. È governato dal Sole. Urano e Saturno vi si trovano in esilio.

È opposto al segno dell'Acquario.

Il metallo del segno è l'oro, le pietre l'ambra e il diaspro giallo, le specie vegetali associate al Leone sono il girasole e l'iperico.

Le persone il cui oroscopo contiene una dominante Leone sono solitamente generose e dotate di un forte istinto paterno. I nati sotto questo segno sono dotati di una leadership naturale e considerati leader dai loro rispettivi gruppi sociali. La loro natura egocentrica, frutto del legame con il sole anziché con un pianeta, li porta ad assumere posizioni di guida, o addirittura di comando, nella società e nella famiglia. Non a caso, questo è stato il segno di molti statisti e regnanti (Napoleone Bonaparte, Barack Obama, Hugo Chavez e Francesco Giuseppe d'Austria per fare alcuni esempi). Bisognosi di ammirazione, sono particolarmente portati per il mondo dello spettacolo. Irascibili e sicuri di sé, danno molta importanza all'aspetto. Egocentrici, ma dotati di forte altruismo, sono caratterizzati dal temperamento forte e passionale.

Il Sole si può trovare nel segno del Leone circa nel periodo che va dal 23 luglio al 23 agosto[1]. Il periodo esatto varia di anno in anno e per stabilire la sua posizione nei giorni estremi è necessario consultare le effemeridi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ leone in Treccani.it - Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

astrologia Portale Astrologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astrologia