La mafia uccide solo d'estate (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La mafia uccide solo d'estate
PaeseItalia
Anno2016
Formatoserie TV
Generecommedia drammatica
Stagioni1
Episodi12
Durata50 min (episodio)
Lingua originaleitaliano, siciliano
Rapporto16:9
Crediti
IdeatorePif, Michele Astori, Michele Pellegrini
RegiaLuca Ribuoli
SoggettoPif
SceneggiaturaPif, Stefano Bises, Michele Astori
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
  • Pif: voce narrante di Salvatore Giammarresi da adulto
Casa di produzioneWildside, Rai Fiction
Prima visione
Dal21 novembre 2016
Al20 dicembre 2016
Rete televisivaRai 1
Opere audiovisive correlate
OriginariaLa mafia uccide solo d'estate (film)

La mafia uccide solo d'estate è una serie televisiva italiana diretta da Luca Ribuoli, e trasmessa dal 21 novembre al 20 dicembre 2016 su Rai 1[1], con ottimi risultati in termini di ascolti (in media quasi 5 milioni di spettatori a episodio) e di gradimento.

La serie è tratta dall'omonimo film diretto e interpretato da Pif, qui in veste di solo narratore oltre che autore del soggetto e della sceneggiatura.

La seconda stagione, le cui riprese sono iniziate a luglio 2017, verrà trasmessa a marzo 2018.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La voce fuori campo narrante di tutta la serie è di Salvatore Giammarresi, ma da adulto è di Pif, tra l'altro l'ideatore della serie. La trama narra le vicende di una famiglia comune della Palermo di fine anni settanta, nella quale si susseguono i fatti che l'hanno caratterizzata nel corso del tempo, alternando verità e finzione televisiva.

Pur essendo ambientata nei primi sette mesi del 1979, all'interno della fiction sono presenti alcuni flashback in cui la narrazione si sviluppa in periodi differenti.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 12 2016
Seconda stagione 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La mafia uccide solo d'estate: ecco la nuova data d'inizio della serie tv, su cinematographe.it, 10 novembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione