Itumeleng Khune

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Itumeleng Khune
Khune.JPG
Nome Itumeleng Isaac Khune
Nazionalità Sudafrica Sudafrica
Altezza 181 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Kaizer Chiefs
Carriera
Giovanili
1999-2004 Kaizer Chiefs
Squadre di club1
2004- Kaizer Chiefs 190 (-139)
Nazionale
2008- Sudafrica Sudafrica 74 (-?)
2016 Sudafrica Sudafrica olimpica 0 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 maggio 2016

Itumeleng Khune (Ventersdorp, 20 giugno 1987) è un calciatore sudafricano, portiere del Kaizer Chiefs, di cui è capitano e della Nazionale sudafricana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Sicuro nelle uscite, reattivo tra i pali e abile a leggere l'azione.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto in una famiglia di sei persone, vicino alla miniera di Ventersdorp, come difensore, ma l'allenatore giovanile dei Kaizer Chiefs, Terror Sephoa, dopo averlo notato in un tuffo per recuperare un pallone che stava uscendo, decise di mandarlo in porta. Khune divenne punto fisso delle giovanili del club di Soweto e delle rappresentative sudafricane Under 18 e Under 20. Nell'agosto 2007 esordisce nella Premier League Sudafricana, contro il Jomo Cosmos, e complice la partenza di Rowen Fernandez per l'Arminia Bielefeld e i continui problemi fisici di Emile Baron conquistò la maglia da titolare. Alla fine della stagione arrivò l'Absa Premiership's Players'Player Award, come miglior portiere. Nella stagione 2009 Khune ha trovato il campo con meno regolarità, complice l'infortunio alla dito della mano destra dell'agosto 2008, rimediato nella semifinale di MTN8 contro l'Ajax. Al suo ritorno, dopo tre mesi di assenza, ha dovuto lottare con Arthur Batman per una maglia titolare.[1]

Nel 2010 si è costruito la fama di portiere para-rigori dopo averne parati 3 in una sola partita durante il trofeo Vodacom Challenge contro gli Orlando Pirates.[2]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il portiere del Kaizer Chiefs ben figura in Confederations Cup 2009, dove mette in mostra le sue qualità, parando anche un calcio di rigore a David Villa. Il Sud Africa esce dalla competizione in semifinale contro il Brasile, perdendo 1-0 con gol all'87' minuto di Daniel Alves su punizione dal limite dell'area di rigore, con Khune protagonista nel neutralizzare conclusioni insidiose di campioni come Luís Fabiano, Ramires e Kaká.

Il giocatore del Kaizer Chiefs è stato il protagonista del match d'apertura dei Mondiali[3] (Sudafrica-Messico 1-1) subendo un solo gol da Rafael Márquez.[4] Ma la prestazione non si ripete nella partita successiva contro l'Uruguay: la squadra sudafricana perde 3-0 e Khune viene espulso. I bafana bafana, pur battendo la Nazionale francese per 2-1, non passano il turno. Gioca contro il Brasile nell'Olimpiade di Rio de Janeiro, senza subire gol e compiendo una grande parata sul tiro di Neymar da Silva.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Itumeleng Khune, su National-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata