Italia '90 - Notti magiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Italia '90 - Notti magiche
Paese di produzioneItalia, Regno Unito
Anno1991
Durata93 min
Generedocumentario
RegiaMario Morra
SoggettoDardano Sacchetti
SceneggiaturaDardano Sacchetti
FotografiaRomano Albani, Arthur Wooster
MontaggioMario Morra
MusicheSteve Parsons (sigla iniziale)
Les Tetes Brulees (partite del Camerun)
Edoardo Bennato e Gianna Nannini (sigla finale)
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Italia '90 - Notti magiche è un film-documentario sportivo che racconta le fasi più emozionanti della 14ª Coppa del Mondo FIFA, disputata in Italia dall'8 giugno all'8 luglio 1990.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film comincia con la cerimonia d'apertura della manifestazione, avvenuta a Milano l'8 giugno 1990, e con la sorprendente vittoria del Camerun contro l'Argentina di Diego Armando Maradona per 1-0 nella gara inaugurale. Successivamente vengono mostrate le partite degli azzurri nel primo turno contro Austria, vinta per 1-0 con rete di Schillaci, Stati Uniti, vinta 1-0 con gol di Giuseppe Giannini e buona prestazione del portiere americano Tony Meola, e Cecoslovacchia (vinta 2-0 con marcature di Schillaci e Roberto Baggio).

Protagonista della prima fase del torneo è anche il portiere colombiano René Higuita, un numero 1 che poteva fare tranquillamente il numero 10 visto che andava spesso in attacco. La sua voglia di protagonismo gli costerà cara negli Ottavi di Finale contro il Camerun, quando farà partire il contropiede di Roger Milla che segnerà il gol del 2-0, con cui gli africani passeranno il turno.

Tra le gare narrate ricordiamo l'ottavo di finale tra Brasile e Argentina, giocato a Torino e vinto da quest'ultima per 1-0 con rete decisiva di Caniggia, i Quarti di Finale vinti da Italia (battendo a Roma l'Irlanda per 1-0), Argentina (3-2 sulla Jugoslavia a Firenze dopo i rigori), Inghilterra (3-2 sul Camerun a Napoli) e Germania Ovest (1-0 sulla Cecoslovacchia a Milano).

Nell'ultima parte vengono raccontate le semifinali e le finali; nella prima Semifinale l'Italia viene sconfitta dall'Argentina per 4-3 ai rigori (partita finita 1-1) a Napoli mentre nel secondo incontro, giocato a Torino, la Germania Ovest si prende la rivincita sull'Inghilterra, dopo la Finale persa a Wembley nel 1966, spuntandola per 4-3 ai rigori (gara terminata 1-1 d.t.s.).

Dopo la vittoria dell'Italia nella finale 3º e 4º posto a Bari contro l'Inghilterra, gara in cui i giocatori fecero vedere un buon gioco, le due tifoserie festeggiarono insieme e in maniera civile l'epilogo del Mondiale delle loro nazionali; un finale positivo che cancellò dopo cinque anni la Strage dell'Heysel.

Argentina e Germania Ovest si contendono la Coppa del Mondo come quattro anni prima a Città del Messico; la partita è una delle più brutte finali nella storia della manifestazione; due espulsi nelle file argentine per falli antisportivi, più calci agli avversari che al pallone.

L'episodio decisivo si verifica al minuto 84; Rudi Völler cade in area e l'arbitro messicano Edgardo Codesal Méndez, in mezzo alle polemiche dei calciatori sudamericani, concede il rigore ai tedeschi. Sul dischetto si presenta l'interista Brehme che calcia la palla in rete e porta in vantaggio la Germania Ovest, che vincerà l'incontro con questo risultato e conquisterà, per la terza volta nella sua storia, il titolo di Campione del Mondo, mentre per Maradona sfuma il sogno di bissare il successo ottenuto nel 1986.

Gare narrate[modifica | modifica wikitesto]

Gara Squadra 1 Squadra 2 Risultato Note
1º Turno, Gruppo B Argentina Argentina Camerun Camerun 0-1 Partita inaugurale
1º Turno, Gruppo A Italia Italia Austria Austria 1-0
1º Turno, Gruppo A Italia Italia Stati Uniti Stati Uniti 1-0
1º Turno, Gruppo A Italia Italia Cecoslovacchia Cecoslovacchia 2-0
1º Turno, Gruppo B Argentina Argentina Unione Sovietica Unione Sovietica 2-0
1º Turno, Gruppo C Brasile Brasile Svezia Svezia 2-1
1º Turno, Gruppo C Brasile Brasile Costa Rica Costa Rica 1-0
1º Turno, Gruppo C Brasile Brasile Scozia Scozia 1-0
1º Turno, Gruppo D Germania Ovest Germania Ovest Jugoslavia Jugoslavia 4-1
1º Turno, Gruppo D Germania Ovest Germania Ovest Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 5-1
1º Turno, Gruppo D Germania Ovest Germania Ovest Colombia Colombia 1-1
1º Turno, Gruppo F Inghilterra Inghilterra Egitto Egitto 1-0
1º Turno, Gruppo F Irlanda Irlanda Paesi Bassi Paesi Bassi 1-1
Ottavi di finale Camerun Camerun Colombia Colombia 2-1 (d.t.s.)
Ottavi di finale Brasile Brasile Argentina Argentina 0-1
Ottavi di finale Germania Ovest Germania Ovest Paesi Bassi Paesi Bassi 2-1
Ottavi di finale Irlanda Irlanda Romania Romania 5-4 (d.c.r.) 0-0 (d.t.s.)
Ottavi di finale Italia Italia Uruguay Uruguay 2-0
Ottavi di finale Inghilterra Inghilterra Belgio Belgio 1-0 (d.t.s.)
Quarti di finale Irlanda Irlanda Italia Italia 0-1
Quarti di finale Cecoslovacchia Cecoslovacchia Germania Ovest Germania Ovest 0-1
Quarti di finale Camerun Camerun Inghilterra Inghilterra 2-3 (d.t.s.)
Semifinale Argentina Argentina Italia Italia 4-3 (d.c.r.)1-1 (d.t.s.)
Semifinale Germania Ovest Germania Ovest Inghilterra Inghilterra 4-3 (d.c.r.) 1-1 (d.t.s.)
Finale 3º posto Italia Italia Inghilterra Inghilterra 2-1
Finale 1º posto Argentina Argentina Germania Ovest Germania Ovest 0-1

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]