Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Iran Air

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iran Air
Logo
EP-IJA Airbus A.332 Iran Air.jpg
StatoIran Iran
Fondazione1944
Sede principaleTeheran
Filiali
Persone chiaveFarzaneh Sharafbafi (CEO)[1]
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Dipendenti10.696 (2013)
Slogan«Our Mission Is Your Safety[2]»
Sito web
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAIR
Codice ICAOIRA
Indicativo di chiamataIRANAIR
Primo volo1944
Hub
Frequent flyerSkyGift
Flotta37 (nel 2018)
Destinazioni68
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
La sede di Iran Air

Iran Air-The Airline of the Islamic Republic of Iran (persiano: هواپیمائی جمهوری اسلامی ایران‎, Havapeyma'i-ye Jomhuri-ye Eslāmi-ye Irān) è la compagnia aerea di bandiera della repubblica islamica dell'Iran. Opera principalmente dall' aeroporto di Mehrabad, dove ha il proprio quartier generale, effettuando i collegamenti nazionali; mentre dall'aeroporto Imam Khomeini International Airport di Teheran effettua i collegamenti internazionali. Essa serve più di 65 destinazioni in Asia e in Europa ed ha una sussidiaria per i servizi cargo chiamata Iran Air Cargo.

Il suo acronimo, Homa (persiano: هما), deriva da due fonti: le lettere iniziali del nome in persiano: هواپیمایی ملی ایران Havapeyma'i-ye-ye Melli Iran, e da Homa, un grifone della mitologia persiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1946, un gruppo di uomini d'affari fonda la compagnia di bandiera dell'Iran prima sotto il nome di Iranian Airways. Operazioni oggetto di passeggeri nazionali e regionali e servizi di trasporto merci, maggiorato di un servizio settimanale di merci in Europa. La flotta era composta da Douglas DC-3 inizialmente, integrata da Douglas DC-4 e gli aeromobili Vickers Viscount, più tardi. Nel 1954 fu istituita la compagnia aerea di proprietà privata Persian Air Services (PAS), che inizialmente operava solo i servizi di trasporto, seguite da operazioni di trasporto passeggeri tra Teheran e altre città importanti in Iran. Nel 1960, PAS serviva diverse destinazioni europee, tra cui Ginevra, Parigi, Bruxelles e Londra, con aeromobili Douglas DC-7C, affittati da Sabena.

Il 24 febbraio 1962, l'Iranian Airways e la PAS si unirono per formare l'Iran National Airlines Corporation, conosciuto come Iran Air. Era come una joint venture nel settore pubblico, che combinava le attività dei due vettori aerei precedenti. Il vettore è diventato membro a pieno titolo della IATA nel 1964.

Espansione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965, l'Iran Air ha ricevuto la consegna del suo primo jet, un Boeing 727-100, seguito dal Boeing 707-300 nel 1969, il Boeing 737-200 nel 1971, il Boeing 727-200 nel 1974 e tre varianti del Boeing 747 (747-100, -200 e SP), a partire dal 1975. Dalla metà del 1970, l'Iran Air ha servito delle città in Europa con voli non-stop e one-stop (ci sono stati oltre 30 voli settimanali per Londra).

L'8 ottobre 1972, Iran Air ha effettuato un ordine con la British Aircraft Corporation per due jet supersonici Concorde, più uno in opzione. Uno fu affittato per alcuni voli da Teheran a Kish Island, ma non è mai apparso in livrea Iran Air. Questi ordini sono stati cancellati nel mese di aprile del 1980, sulla scia della rivoluzione iraniana, facendo Iran Air l'ultima compagnia aerea ad annullare gli ordini del Concorde.

Il 29 maggio 1975, è stata inaugurata la tratta da Teheran a New York, prima con Boeing 707, facendo scalo a Londra e poco dopo, il percorso è stato convertito in un volo non-stop con Boeing 747SP, rendendo Iran Air il secondo vettore del Medio Oriente (dopo El Al) ad offrire il servizio senza scalo a New York. Con questo volo, Iran Air ha stabilito un nuovo record del mondo nel tempo e nella distanza di un volo non-stop (12 ore e 15 minuti, 9.867 km - 6.131 m - 5.328 nm). Nel 1978, la compagnia aerea ha acquisito sei Airbus A300B2K per l'uso nelle rotte rotte nazionali e regionali. Prima della fine dello stesso anno, l'Iran Air stava servendo 31 destinazioni internazionali, che si estendevano da New York a Pechino e Tokyo. Vennero fatti dei piani per offrire servizi diretti a Los Angeles e Sydney, per i quali i Boeing 747SP della compagnia aerea erano ideali. Questo avrebbe permesso di utilizzare Teheran come un punto a metà strada tra Oriente e Occidente, ma questi voli non divennero mai operativi.

Dalla fine del 1970, l'Iran Air è stata la compagnia aerea più rapida nella crescita e una delle più redditizie del mondo. Dal 1976, l'Iran Air si è classificata seconda solo a Qantas, tra le compagnie aeree più sicure al mondo, non avendo avuto incidenti per almeno dieci anni consecutivi. Anche se entrambe le compagnie aeree non avevano mai avuto incidenti, l'Iran Air è arrivata seconda solo a causa del minor numero di ore di funzionamento rispetto a Qantas. Prima di questa classifica, si era verificato un incidente mortale il 25 dicembre 1952, in cui 27 dei 29 passeggeri a bordo morirono quando il loro Douglas DC-3 si schiantò al momento dell'atterraggio.

Dopo la rivoluzione iraniana[modifica | modifica wikitesto]

Sulla scia della rivoluzione iraniana nel febbraio del 1979, Iran Air ha iniziato a riorganizzare le proprie operazioni, sospendendo molte delle sue rotte internazionali. Teheran fu designata come unico hub ufficiale in Iran, mentre Shiraz poteva essere utilizzata come hub solo in caso di esigenze operative. Tutte le altre città in Iran persero il loro status internazionale. Tuttavia, negli ultimi tempi, molti degli aeroporti delle principali città dell'Iran hanno riacquistato uno status internazionale minore.

L'ultimo volo di linea da Teheran per New York risale all'8 novembre 1979, volo che fu deviato all'ultimo momento a Montreal, spinto da un embargo improvvisamente imposto dal governo degli Stati Uniti. Successivamente, i Boeing 747SP della compagnia aerea furono utilizzati per le rotte europee e asiatiche. Nel 1980, il primo dei sei nuovi Airbus A300-B2K entrò a far parte della flotta.

Dopo l'inizio della guerra Iran-Iraq nel settembre del 1980, le operazioni nazionali e internazionali di Iran Air sono state spesso oggetto di cancellazioni e irregolarità, in linea con la situazione in tempo di guerra. Questo continuò fino all'agosto 1988, quando un accordo di cessate il fuoco entrò in vigore.

Nell'anno 1981 il nome della compagnia aerea cambiò in compagnia aerea della Repubblica islamica dell'Iran. Iran Air trasportava 1,7 milioni di passeggeri l'anno. Nel 1990, il primo di sei jet Fokker 100 è stato aggiunto alla flotta e altri cinque sono stati aggiunti in seguito. Nel 2001, la compagnia aerea comprò sei Airbus A310 di seconda mano (cinque -200 e uno serie -300), dato che le autorità degli Stati Uniti avevano bloccato l'acquisto di qualsiasi nuova unità di Airbus A330. Nel 2005, il vettore ha acquistato due Airbus A300-600 da Olympic Airlines. Sulla scia della crescente tensione tra il governo statunitense e iraniano sul programma nucleare iraniano, il piano di Boeing per la fornitura di pezzi di ricambio per gli aeromobili e per l'aggiornamento della vecchia flotta di Iran Air, fu bloccato dagli Stati Uniti e dei membri della UE. Tuttavia un nuovo accordo tra l'Iran e gli Stati Uniti alla fine del 2006, ha permesso una revisione della flotta Iran Air. La compagnia aerea è interamente posseduta dal governo iraniano e ha 7.500 dipendenti.

Con la fine dell'embargo statunitense nei confronti dell'Iran, datata gennaio/febbraio 2016, la compagnia ha ricevuto il via libera per l'acquisto di nuovi aerei, quali Airbus A330, Airbus A350, Airbus A380 e Boeing 747-8.

Limitazioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Dal 31 marzo del 2010, a seguito di un aggiornamento delle liste della Commissione europea, la compagnia aerea iraniana, subisce una restrizione sui voli all'interno della Comunità europea, mantenendo la sola autorizzazione al volo per 34 aeromobili sui 54 a disposizione.[3][4]

Tuttavia a seguito della rimozione delle sanzioni sul programma nucleare avvenuta il 14 luglio 2015 ed implimentata nel gennaio 2016 anche le sanzioni riguardanti il divieto di volo (e rifornimento) di alcuni velivoli Iran Air sono state eliminate. A partire dal giugno 2016 l'Unione Europea ha tolto la compagnia dalla black-list[5].

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcuni l'impossibilità di acquistare nuovi aeroplani o di esercitare una corretta manutenzione dei velivoli, per via dell'embargo statunitense nei confronti dello Stato iraniano, renderebbero le flotte iraniane esposte a questo genere di incidenti[7]. Tuttavia l'Aeronautica Civile iraniana tende a smentire queste ipotesi[8].

Accordi di codeshare[modifica | modifica wikitesto]

Iran Air ha accordi di codeshare con i seguenti vettori:

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Airbus A330-200 di Iran Air
Un Airbus A300 di Iran Air
Airbus A310-304 di Iran Air

A febbraio 2018 IranAir opera con i seguenti aerei[9][10]:

Aereo In flotta In ordine Opzioni
Passeggeri
Note
C Y Totale
Airbus A300B2 1 18 236 254
Airbus A300B4 3 18 236 254
Airbus A300-600R 4 22 239 261
Airbus A310-300 2 14 198 212
Airbus A320-200 6 6[11] 12 144 156
Airbus A320neo 32[11] TBA
Airbus A321-200 1 7[12] 12 182 194 Prima consegna da gennaio 2017
Airbus A330-200 2 8[11] 32 206 238 Prima consegna da gennaio 2017[13]
Airbus A330-900neo 28[11] TBA
Airbus A350-1000 16[11] TBA Consegne dal 2018[13]
ATR 72-600 8 12[14] 20 68 68 Consegne da maggio 2017[15]
Fokker 100 3 104 104 In fase di dismissione
McDonnell Douglas MD-82 4 12 140 152
Flotta cargo
Airbus A300B4 Freighter 1 Cargo
Boeing 747-200 (C) 1 Cargo
Totale 37 109 20

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Iran Air appoints first female CEO, su tehrantimes.com.
  2. ^ Oliver Smith, Revealed: The 21 'worst' airlines in the world, su The Telegraph, The Telegraph. URL consultato il 17 marzo 2017.
  3. ^ Vettori soggetti a restrizioni, pag.19 Archiviato il 23 agosto 2009 in Internet Archive. europa.eu.
  4. ^ Nuova lista UE su aerolinee al bando trasportoeuropa.it.
  5. ^ Aerei, Ue toglie la compagnia iraniana Iran Air da black-list, in Pars Today. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  6. ^ Luogo del disastro in Googlemaps.
  7. ^ "Sanctions Keep Vintage Aircraft Flying In Iran", da Wired.
  8. ^ "Official plays down U.S. sanctions on Iran's aviation industry", Tehran Times.
  9. ^ (EN) Flightradar24, Iran Air fleet (IR / IRA) - Flightradar24, su www.flightradar24.com. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  10. ^ (EN) Iran Air Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  11. ^ a b c d e (EN) Orders & deliveries | Airbus, Commercial Aircraft, in airbus. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  12. ^ (EN) Orders & deliveries | Airbus, Commercial Aircraft, su airbus. URL consultato il 9 aprile 2017.
  13. ^ a b Copia archiviata, su airbus.com. URL consultato il 29 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2016)..
  14. ^ ATR Aircraft, su www.atraircraft.com. URL consultato il 9 aprile 2017.
  15. ^ http://it.reuters.com/article/businessNews/idITKCN0VA275.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0631 1715