Iran Air

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iran Air
Logo
EP-IJA Airbus A332 Iran Air.jpg
StatoIran Iran
Fondazione1944
Sede principaleTeheran
GruppoMinistero delle strade e dello sviluppo urbano (60%)
Controllate
  • Iran Air Cargo
  • Iran Air Catering
  • Iran Air Ground Services
  • Iran Airtour
Persone chiaveBrig. Gen. Alireza Barkhor (CEO)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Dipendenti10 696 (2013)
Slogan«Our Mission Is Your Safety
Sito webwww.iranair.com
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAIR
Codice ICAOIRA
Indicativo di chiamataIRANAIR
COAFS-100
Primo volo1944
Hub
Frequent flyerSkyGift
Flotta37 (nel 2021)
Destinazioni70 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Iran Air, conosciuta anche come The Airline of the Islamic Republic of Iran (persiano: هواپیمایی جمهوری اسلامی ایران, traslitterato: Havâpeymâyiye Jomhuriye Eslâmiye Irân), è la compagnia aerea di bandiera dell'Iran, che ha sede presso l'aeroporto Mehrabad di Teheran. Al 2018, opera servizi di linea verso 71 destinazioni in Asia ed Europa. Le basi principali di Iran Air sono l'aeroporto Internazionale Imam Khomeini e l'aeroporto Mehrabad, entrambi situati a Teheran, capitale dell'Iran. A livello nazionale, Iran Air è comunemente nota come Homa, che è il nome di un mitico grifone persiano e anche l'acronimo di Iran National Airlines in lingua persiana.[1] La divisione cargo della compagnia aerea, Iran Air Cargo, opera servizi di linea a livello internazionale utilizzando un Boeing 747-200 cargo.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Iranian Airways è stata fondata nel maggio 1944 da Reza Afshar e Gholam Ebtehaj.[3] Dopo la guerra, il primo volo passeggeri andò da Teheran a Mashhad, seguito da un servizio Tehran-Esfahan-Shiraz-Bushehr-Abadan-Ahwaz.[4] Nel 1946, la compagnia aerea stabilì un servizio per Il Cairo, Baghdad e Tel Aviv, e nell'aprile 1947 per Parigi.[3] Tra il 1945 e il 1962, la compagnia aerea divenne un importante vettore nazionale, operando anche alcuni voli internazionali verso l'Europa ogni settimana. La flotta era inizialmente composta da Douglas DC-3, successivamente integrata da Douglas DC-4 e Vickers Viscount.[4]

Nel 1954 fu fondata la compagnia aerea privata Persian Air Services (PAS). PAS inizialmente operava solo servizi di trasporto merci, seguita da operazioni di trasporto passeggeri tra Teheran e altre grandi città dell'Iran. Nel 1960, PAS avviò il servizio passeggeri verso diverse destinazioni europee, tra cui Ginevra, Parigi, Bruxelles e Londra, utilizzando Boeing 707 e Douglas DC-7 noleggiati da Sabena.

Iranian Airways venne nazionalizzata nel 1961.[3] Il 24 febbraio 1961, Iranian Airways e PAS si fusero per formare la Iran National Airlines Corporation (HOMA), nota come Iran Air, usando l'homa come simbolo. HOMA era un'impresa del settore pubblico che combinava i due vettori aerei precedenti. Tra gli aerei utilizzati c'erano Avro York, Douglas DC-3, Douglas DC-6 e Vickers Viscount. Il vettore divenne membro a pieno titolo della International Air Transport Association (IATA) nel 1964. Era il cliente di lancio del Boeing 747SP, al quale andarono 4 dei primi 6 esemplari prodotti.[5]

Espansione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965, Iran Air ricevette la consegna del suo primo jet, un Boeing 727-100, seguito dal Boeing 707-300 nel 1969, dal Boeing 737-200 nel 1971, dal Boeing 727-200 nel 1974 e da tre varianti del Boeing 747 (747-100, -200 e SP), a partire dal 1975. Dalla metà del 1970, Iran Air serviva città europee con voli non-stop e one-stop (oltre 30 voli settimanali per Londra).

L'8 ottobre 1972, Iran Air effettuò un ordine con la British Aircraft Corporation per due Concorde, più uno in opzione. Uno fu noleggiato per alcuni voli da Teheran a Kish Island, ma non apparve in livrea Iran Air. Questi ordini vennero cancellati nel mese di aprile del 1980, sulla scia della rivoluzione iraniana, facendo Iran Air l'ultima compagnia aerea ad annullare gli ordini del Concorde.

Il 29 maggio 1975, venne inaugurata la tratta da Teheran a New York, prima con un Boeing 707, facendo scalo a Londra, e poco dopo il percorso venne convertito in un volo non-stop con un Boeing 747SP, rendendo Iran Air il secondo vettore del Medio Oriente (dopo El Al) ad offrire servizi senza scalo verso New York. Con questo volo, Iran Air stabilì un nuovo record del mondo nel tempo e nella distanza di un volo non-stop (12 ore e 15 minuti, 9.867 km - 6.131 mi - 5.328 nmi). Nel 1978, la compagnia aerea acquisì sei Airbus A300B2 per l'uso nelle rotte rotte nazionali e regionali. Prima della fine dello stesso anno, Iran Air stava servendo 31 destinazioni internazionali, che si estendevano da New York a Pechino e Tokyo. Vennero fatti dei piani per offrire servizi diretti a Los Angeles e Sydney, per i quali i Boeing 747SP della compagnia aerea erano ideali. Questo avrebbe permesso di utilizzare Teheran come un punto a metà strada tra Oriente e Occidente, ma questi voli non divennero mai operativi.

Alla fine del 1970, Iran Air fu la compagnia aerea più rapida nella crescita e una delle più redditizie del mondo. Nel 1976, Iran Air si classificò seconda solo a Qantas, tra le compagnie aeree più sicure al mondo, non avendo avuto incidenti per almeno dieci anni consecutivi. Anche se entrambe le compagnie aeree non avevano mai avuto incidenti, Iran Air arrivò seconda solo a causa del minor numero di ore di funzionamento rispetto a Qantas. Prima di questa classifica, si era verificato un incidente mortale il 25 dicembre 1952, in cui 27 dei 29 passeggeri a bordo morirono quando il loro Douglas DC-3 si schiantò al momento dell'atterraggio.

Il tenente Gen. Ali-Mohammad Khademi fu il direttore generale di Iran Air dal 1962 al 1978.[6]

La rivoluzione iraniana[modifica | modifica wikitesto]

A seguito delle sanzioni economiche contro l'Iran, Iran Air non è stata in grado di espandere o sostituire la sua flotta.[7] L'ultima volta che Iran Air ha ricevuto un velivolo occidentale nuovo di zecca prima della revoca delle sanzioni relative al nucleare nel 2016 è stato nel 1994, quando ha ricevuto due Airbus A300B4 come risarcimento per l'abbattimento del volo Iran Air 655 da parte di un incrociatore americano nel 1988.[8][9] Nel 2001, l'Iran Air ha acquistato 6 Airbus A300 di seconda mano dalla Turchia, ma solo dopo due anni tutti e sei sono stati messi a terra negli aeroporti di Teheran, Mashhad e Mosca. Ciò ha causato notevoli controversie in Iran, dove i funzionari hanno citato difetti di progettazione dei motori e il conseguente surriscaldamento come motivo per la messa a terra. Successivamente è stato confermato che uno di questi 6 aerei era tornato in servizio nel 2010.[10][11]

Prima della separazione di Iran Airtour da Iran Air nel 2011, i Tupolev Tu-154 di fabbricazione russa costituivano la spina dorsale della flotta della prima. Tuttavia, diversi disastri successivi che hanno coinvolto questo aereo alla fine hanno portato a un divieto totale nel 2011 delle sue operazioni all'interno delle compagnie aeree iraniane, inclusa Iran Airtour. La flotta di Tu-154 è stata gradualmente sostituita con MD-83 nel corso di pochi mesi.[12]

Secondo il viceministro iraniano delle strade e dello sviluppo urbano, l'Iran ha attualmente più di 100 aerei, alcuni dei quali di proprietà di Iran Air, a terra a causa della mancanza di accesso a nuove parti e competenze tecniche durante l'era delle sanzioni.

Il periodo di tempo prolungato in cui Iran Air è stata soggetta a sanzioni internazionali e gli è stato impedito di acquistare pezzi di ricambio e nuovi aerei ha portato a un drammatico aumento dell'età media della sua flotta e al crollo del record di sicurezza, al punto da diventare ampiamente conosciuta come una delle peggiori compagnie aeree nel mondo in termini di record di sicurezza aerea.[13][14][15] A marzo 2017, l'età media della flotta di Iran Air era di 24,1 anni, anche se questa cifra è destinata a migliorare con l'aggiunta di nuove consegne (nel 2020 è scesa a 18,8 anni).[16]

La puntualità estremamente scadente di Iran Air, tra quelle della maggior parte delle altre compagnie aeree iraniane, ha portato a rabbia e frustrazione pubblica, spesso incitando proteste sotto forma di scontri violenti con i dipendenti della compagnia aerea o sit-in per molte ore. I funzionari attribuiscono abitualmente i ritardi alle sanzioni economiche, sebbene almeno un ideologo filo-rivoluzionario abbia citato "l'inefficienza e la cattiva gestione" come la causa principale di questo problema.[17]

Divieti europei e problemi di rifornimento[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A300 della compagnia in atterraggio a Londra-Heathrow.

Il 5 luglio 2010, un ufficiale dell'aviazione iraniana ha accusato il Regno Unito, la Germania e gli Emirati Arabi Uniti di rifiutarsi di rifornire di carburante per gli aerei iraniani.[18] Questa mossa ha fatto seguito alle sanzioni unilaterali imposte dagli Stati Uniti sulla disputa sulle armi nucleari. Iran Air e Mahan Air hanno entrambe affermato che gli erano stati negati i rifornimenti. Una portavoce della Abu Dhabi Airports Company (ADAC) ha affermato che era in vigore un contratto per rifornire di carburante i voli passeggeri iraniani e l'ADAC avrebbe continuato a farlo. Un portavoce dell'Autorità per l'aviazione civile del Regno Unito ha affermato che è stata l'unica decisione dei fornitori indipendenti se gli aeromobili dovevano essere riforniti o meno. Il ministero dei Trasporti tedesco ha affermato che il rifornimento di aerei iraniani non è stato vietato dalle sanzioni dell'UE o delle Nazioni Unite, ma non ha detto se qualche distributore indipendente stesse negando i rifornimenti.[19] Nel corso della giornata, l'aeroporto di Dubai ha rivelato di aver continuato a rifornire di carburante i voli passeggeri iraniani in entrata e in uscita da Dubai. Il giorno successivo, un portavoce dell'Iran ha ritrattato le affermazioni del governo affermando che nessuna limitazione del genere era stata imposta.[20]

Il 6 luglio 2010 è stato annunciato che la Commissione europea avrebbe vietato dall'entrata nell'UE tutta la flotta di Airbus A320, Boeing 727 e Boeing 747 di Iran Air per motivi di sicurezza.[21] Questa mossa è stata un duro colpo per Iran Air, limitando i voli verso l'Europa con i propri aerei.

Nel 2012, l'UE ha nuovamente autorizzato il rifornimento di aeromobili di Iran Air negli aeroporti europei secondari come Lubiana e Budapest, nel tentativo di mantenere i contratti di rifornimento all'interno dell'UE, piuttosto che lasciarli andare in Serbia o successivamente in Bielorussia e Ucraina.[22][23]

Nel gennaio 2012, i voli di Iran Air da e per Londra Heathrow operavano con scalo di carburante all'aeroporto di Manston nel Kent. Tuttavia, l'aeroporto ha annunciato nel dicembre 2011 che questo accordo sarebbe terminato e non avrebbe più rifornito gli aerei della compagnia. Questo annuncio fece seguito rapidamente alla chiusura dell'ambasciata iraniana a Londra a seguito del saccheggio dell'ambasciata britannica a Teheran. L'aeroporto ha sottolineato di non aver violato alcun accordo commerciale, in quanto non aveva collegamenti con gli Stati Uniti.[24]

Revoca delle sanzioni e piani di ammodernamento[modifica | modifica wikitesto]

L'arrivo a Teheran del primo Airbus A321.
Uno dei 2 A330 consegnati ad Iran Air nel 2017.

In attesa del raggiungimento di un accordo per la revoca delle sanzioni, il presidente di Iran Air, Farhad Parvaresh, ha dichiarato che la compagnia aerea avrebbe cercato di ottenere almeno 100 jet a fusoliera larga e a corto raggio.[25]

Venerdì 15 gennaio 2016, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha autorizzato il suo segretario di stato, John Kerry, a revocare le sanzioni contro l'aviazione civile iraniana.[26] A seguito dell'attuazione da parte dell'Iran del Piano d'azione globale congiunto (JCPOA) il 16 gennaio 2016, tutte le sanzioni contro l'aviazione civile iraniana sono state revocate. Di conseguenza, alle compagnie aeree iraniane, inclusa Iran Air, è stato concesso il permesso di acquistare nuovi aeromobili civili da qualsiasi produttore e di fare rifornimento in tutti gli aeroporti europei, ad eccezione di due destinazioni svedesi, Stoccolma e Göteborg, a causa del rifiuto del fornitore di carburante BP di fornire carburante ai vettori iraniani.[27]

Il 24 gennaio 2016, Teheran ha ospitato il CAPA Iran Aviation Summit organizzato dal CAPA - Center for Aviation al fine di riunire le autorità aeronautiche iraniane e internazionali per valutare i piani di sviluppo per l'industria aeronautica iraniana. CAPA colloca le dimensioni dell'economia iraniana da qualche parte tra quelle della Turchia e dell'Australia, le cui flotte di compagnie aeree commerciali sono dell'ordine di 500-600 aerei.[28] Bombardier ha presentato i suoi modelli regionali durante il vertice CAPA a Teheran.[29] In una dichiarazione, Parvaresh ha annunciato che la compagnia aerea prevedeva di spendere circa 3-5 miliardi di dollari USA per l'acquisto di aeromobili regionali dai produttori Airbus, Boeing, Bombardier ed Embraer.[29]

Nuove sanzioni[modifica | modifica wikitesto]

L'8 maggio 2018, a seguito del ritiro degli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare iraniano, e come parte del ripristino delle sanzioni statunitensi contro l'Iran revocate nel 2015, il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha annunciato la decisione di revocare tutte le licenze di vendita dell'Iran già concesse ai produttori di aerei Boeing e Airbus dopo un periodo di 90 giorni.[30]

È stato annunciato che Iran Air ha dovuto annullare l'ordine per i Boeing a causa della decisione del presidente Trump di reimporre le sanzioni contro l'Iran, nonostante sia stato annunciato che Iran Air riceverà ancora aerei da ATR. Non è stato ancora annunciato se gli aerei Airbus saranno ancora consegnati. Qualsiasi aeromobile pronto per Iran Air deve essere consegnato entro un periodo di 90-180 giorni prima dell'inizio delle sanzioni.

Mentre i membri dell'amministrazione Trump hanno consigliato alle aziende europee di smettere di fare affari con l'Iran, Federica Mogherini ha affermato che l'obiettivo europeo era "mantenere e approfondire le relazioni economiche con l'Iran". Gli esperti tecnici intendono proporre modi per evitare interruzioni in aria, mare e trasporto terrestre da e per l'Iran e mantenere aperti i canali per "transazioni bancarie efficaci".[31]

Struttura aziendale[modifica | modifica wikitesto]

Società non più controllate[modifica | modifica wikitesto]

Iran Airtour[modifica | modifica wikitesto]

Iran Airtour è stata fondata nel 1973 come consociata interamente controllata da Iran Air, concentrandosi sui voli charter e sul turismo.[32] Nel 2011, la società è stata acquistata dalla Hesayar Cooperative Company, a sua volta una controllata del Ministero della Difesa e della Logistica delle Forze Armate. Tuttavia, Hesayar non è riuscita a rispettare i suoi impegni finanziari e la compagnia aerea è tornata prontamente in mano a privati nel 2016.[33]

Homa Hotel Group[modifica | modifica wikitesto]

Homa Hotel Group è stato fondato nel 1979 dal governo iraniano dopo aver completato la nazionalizzazione del settore alberghiero. Nel 2016 era di proprietà dell'Organizzazione iraniana per la sicurezza sociale.[34]

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

A dicembre 2020 Iran Air serve destinazioni in Iran, Asia, Medio Oriente ed Europa.[35]

Accordi di codeshare[modifica | modifica wikitesto]

A dicembre 2020 Iran Air ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie[36][37]:

Servizi di bordo[modifica | modifica wikitesto]

Servizi in volo[modifica | modifica wikitesto]

Cibo e bevande in volo[modifica | modifica wikitesto]

Iran Air è una delle poche compagnie aeree al mondo che, ai sensi della Sharia, non serve bevande alcoliche su nessuno dei suoi voli.[38] Inoltre, non vi è alcuna scelta di cibi non halal, come quelli contenenti carne di maiale.[38]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Flotta attuale[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A320-200 di IranAir.
Un Airbus A321-200 di IranAir.

A novembre 2021 la flotta di Iran Air è così composta[39]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
J Y Totale
ATR 72-600 13 7 68 68 [40]
Airbus A300B4-200 3 294 294 [41]
Airbus A300-600 4 22 239 261 [42]
Airbus A310-300 2 18 190 208 [43]
Airbus A319-100 3 8 120 128 [44]
Airbus A320-200 5 6 12 138 150 [45]
Airbus A320neo 32 TBA [46]
Airbus A321-200 1 7 12 182 194 [47]
Airbus A330-200 2 8 32 206 238 [48]
Airbus A330-900neo 28 TBA [46]
Airbus A350-1000 16 TBA [46]
Boeing 747-200M 1 cargo [49]
Fokker F100 3 104 104 [50]
Totale 37 104

Flotta futura[modifica | modifica wikitesto]

Airbus[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2016, Iran Air ha firmato un accordo per 118 aeromobili Airbus, composto da diversi tipi di velivoli bimotore del produttore e 12 A380. Tuttavia, l'ordine per gli A380 è stato successivamente annullato.[51][52] Il 22 dicembre 2016, Airbus ha annunciato un accordo definitivo per 100 aeromobili comprendenti 46 della famiglia Airbus A320/A320neo; 16 A350 e 38 A330/A330neo. Nel gennaio 2017, Airbus ha iniziato il processo di consegna iniziando con un A321 seguito da 2 A330-200, tutti inizialmente ordinati e costruiti per Avianca ma mai consegnati.[8][53][54]

Nel gennaio 2018, il capo vendite di Airbus ha segnalato che la consegna degli ordini effettuati da Iran Air avrebbe potuto deviare dal programma originale a causa di ostacoli al finanziamento e al pagamento anticipato.[55]

ATR[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º febbraio 2016, Iran Air ha firmato un accordo con il produttore di aeromobili ATR per venti ATR 72-600 turboelica più opzioni per altri venti.[56] Iran Air intende utilizzare gli ATR 72 come parte della sua strategia per espandere la sua portata sul mercato interno e per fornire un servizio agli aeroporti più piccoli che si trovano nelle città meno popolate dell'Iran. Le consegne avrebbero dovuto iniziare all'inizio del 2017, ma sono state ritardate a causa di uno stallo nei colloqui con il produttore canadese dei motori, Pratt & Whitney Canada, per l'assistenza post-vendita e la manutenzione.[57] I primi quattro aerei sono stati consegnati in un'unica tranche il 16 maggio 2017. Nell'aprile 2019, l'Office of Foreign Assets Control (OFAC) degli Stati Uniti ha rilasciato ad ATR una licenza di due anni per consentirle di fornire pezzi di ricambio e altri elementi essenziali per mantenere in funzione la flotta dei 13 ATR 72-600. Tuttavia, i restanti 7 ATR 72-600 dell'ordine del 2016 rimangono sanzionati e in giacenza.[58]

Boeing[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2016, Iran Air ha annunciato ufficialmente di essere in trattativa con Boeing per un possibile ordine "di dimensioni simili a quelle dell'ordine di 118 Airbus".[59] Il 21 giugno 2016, Boeing ha annunciato di aver firmato un tentativo di accordo per vendere aerei all'Iran, in quello che sarebbe stato uno dei più grandi accordi della Repubblica Islamica con un produttore statunitense da quando le sanzioni commerciali su Teheran sono state allentate.[60] L'11 dicembre 2016, Boeing ha annunciato un ordine provvisorio da parte di Iran Air per ottanta aeromobili, soggetto a "imprevisti [in corso] di autorizzazione"; l'ordine includeva 50 737 MAX 8, 15 777-300ER e 15 777-9.[61]

Nell'aprile 2018, il CEO di Boeing ha annunciato il differimento delle consegne di Iran Air almeno fino al 2019, citando la conformità con il processo del governo degli Stati Uniti.[62]

Nel giugno 2018, Boeing ha annunciato che non sarà in grado di consegnare alcun aereo alle compagnie aeree iraniane a causa delle sanzioni.[63]

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Iran Air operava in precedenza con i seguenti aeromobili[39][64]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Airbus A300B2-200 8 1978 2021
Airbus A310-200 6 2001 2009
Airbus A340-200 1 2007 2007 In leasing da Conviasa.
Avro 685 York Operati dalla Persian Air Services prima della fusione del 1962 con la Iranian Airways.
Beechcraft 18 Operati dalla Iranian Airways prima della fusione del 1962 con la Persian Air Services.
Boeing 707-300 Operati dalla Persian Air Services prima della fusione del 1962 con la Iranian Airways.
Boeing 727-100 2006
Boeing 727-200 5 2014
Boeing 737-200 6 1971 2004
Boeing 747-100B 6 1974 2014
Boeing 747-100(SF) 3 1983 1986 Operati per la Iran Air Force.
Boeing 747-200B 1 2007 2010
Boeing 747-200F 4 1980 2004 In leasing dalla Iran Air Force.
Boeing 747-400 1 2017 2017 In leasing da Kabo Air.
Boeing 747SP 4 1976 2016 Ultimo operatore commerciale passeggeri.
Convair CV-240 1960
de Havilland Dove Operati dalla Iranian Airways prima della fusione del 1962 con la Persian Air Services.
de Havilland Dragon Rapide
Douglas DC-3 1972
Douglas DC-6B 1972
Douglas DC-7C Operati dalla Persian Air Services prima della fusione del 1962 con la Iranian Airways.
Douglas DC-8 1 1976 1977 In leasing da Martinair.
Douglas DC-9 1 1976 1976 In leasing da Martinair.
Lockheed L-749 Constellation
McDonnell Douglas MD-82 5 2013 2021
Vickers Viscount 1960

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 21 gennaio 1980, il volo Iran Air 291, un Boeing 727-100 in rotta da Mashhad a Teheran, si schiantò durante l'avvicinamento alla pista 29 di Teheran in condizioni di nebbia e neve. L'aereo colpì la cima di uno dei monti della catena dell'Elburz, 29 chilometri a Nord di Teheran, provocando la morte di tutte le 128 persone a bordo.[65]
  • Il 9 giugno 1996, un Boeing 727-200 rimase distrutto mentre conduceva un volo di addestramento. L'aereo stava eseguendo dei "touch-and-go" sulla pista dell'aeroporto di Teheran, quando per errore i piloti atterrarono con il carrello retratto. Il 727 scivolò sulla pista per 2 chilometri riuscendo alla fine a riprendere il volo. A causa dello scivolamento, la fusoliera prese fuoco e questo rese difficile il controllo. Alla fine, l'aereo atterrò in un campo di riso, provocando la morte di 4 dei 7 a bordo.[67]
  • Il 9 gennaio 2011, il volo Iran Air 277, un Boeing 727-200 in rotta da Teheran a Urmia, precipitò dopo aver interrotto l'avvicinamento all'aeroporto di Urmia a causa del maltempo. 68 delle 105 persone a bordo rimasero uccise. L'indagine ufficiale concluse che le condizioni di ghiaccio e la gestione errata dei propulsori da parte dell'equipaggio portarono allo spegnimento di due motori, alla perdita di altitudine e all'impatto con il suolo.[68]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Iran Air - Chi siamo, su www.iranair.it. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 17 gennaio 2021).
  2. ^ (EN) Iran Air Cargo Office UK | London Heathrow to Tehran Imam Khomeini International Airport, su Iran Air London Office | ایران ایر لندن. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 31 ottobre 2020).
  3. ^ a b c (EN) Iran Chamber Society: History of Iran: The History of Iranian Air Transportation Industry, su www.iranchamber.com. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 28 febbraio 2021).
  4. ^ a b (EN) IranAir Portal, su web.archive.org, 10 aprile 2015. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2015).
  5. ^ (EN) Boeing 747SP Production List, su www.planespotters.net. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 9 giugno 2021).
  6. ^ (EN) © Stanford University Stanford, California 94305 Copyright Complaints Trademark Notice, Eminent Persians Volume 1 & 2 | Abbas Milani, su web.stanford.edu. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 12 gennaio 2021).
  7. ^ (EN) Benjamin Zhang, Airbus just struck a $25 billion deal with Iran, su Business Insider. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 21 dicembre 2019).
  8. ^ a b (EN) Andreas Spaeth, On Location: Interview with Iran Air CEO on New Airbus and Boeing Orders, su Airways Magazine, 12 gennaio 2017. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 23 settembre 2018).
  9. ^ (EN) Benjamin Zhang, Airbus and Boeing are bailing Iran out of a huge problem, su Business Insider. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 7 febbraio 2021).
  10. ^ (FA) BBC ‮فارسی‬ - ‮اقتصاد و بازرگانی‬ - ‮هواپیماهای زمین گیر شده ایران پرواز می کنند؟‬, su www.bbc.com. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 3 novembre 2020).
  11. ^ (FA) ماجرای 6 فروند هواپیمای ترک که به انبار منتقل شدند!, su خبرگزاری مهر | اخبار ایران و جهان | Mehr News Agency, 11 gennaio 2010. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 18 agosto 2020).
  12. ^ (EN) Iran Air Moves Away From Tupolev Towards Boeing, su Flying With Fish, 15 ottobre 2010. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 26 gennaio 2021).
  13. ^ (EN) Ali Delforoush, ContributorAuthor, The Iranian Chronicles, Iran's "Flying Coffins", su HuffPost, 5 settembre 2009. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 16 gennaio 2021).
  14. ^ (EN) Top 10 Most Dangerous Airlines, su TravelVivi.com, 29 novembre 2010. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 10 aprile 2021).
  15. ^ (EN) Ancient jumbo jet part of the problem for Iran airline's vintage plane fleet, su Traveller, 3 dicembre 2013. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato l'8 agosto 2020).
  16. ^ (EN) Iran Air Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 16 ottobre 2018).
  17. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Iran's airline passengers are mad and aren't taking it anymore, su Los Angeles Times, 1º marzo 2015. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 2 febbraio 2021).
  18. ^ (EN) Britain, Germany and UAE refuse to refuel Iran planes, su The Telegraph. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 28 novembre 2020).
  19. ^ (EN) Iran says its passenger jets were refused fuel abroad, in BBC News, 5 luglio 2010. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 20 maggio 2015).
  20. ^ (EN) Iran rejects claim that planes were denied fuel, in BBC News, 6 luglio 2010. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  21. ^ (EN) EU imposes flight ban on Iran Air over safety, in BBC News, 6 luglio 2010. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 27 luglio 2020).
  22. ^ (EN) Iran Air to cease refuelling in EX-YU, su exyuaviation.com. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 1º gennaio 2021).
  23. ^ (EN) Iran Air ends Belgrade technical stop, su exyuaviation.com. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 9 agosto 2020).
  24. ^ (EN) Manston airport stops refuelling Iran Air flights, in BBC News, 1º dicembre 2011. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 25 febbraio 2019).
  25. ^ (EN) Tim Hepher, Parisa Hafezi, John Irish, Planemakers poised for Iranian buying spree if nuclear deal reached, in Reuters, 11 luglio 2015. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 2 agosto 2020).
  26. ^ (EN) Obama Lifts Ban on Civilian Aircraft Exports, su iranprimer.usip.org. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 9 dicembre 2020).
  27. ^ (FA) حل مشکل سوخت‌گیری هواپیمایی ایران در سوئد تا چند هفته دیگر, su ایسنا, 12 marzo 2017. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 9 agosto 2020).
  28. ^ (EN) CAPA Iran Aviation Summit opens in Tehran – huge opportunities ahead, with some challenges, su CAPA - Centre for Aviation. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 9 giugno 2021).
  29. ^ a b (EN) Iran Air Sees Adding 20 Regional Jets, as Bombardier Makes Pitch, in Bloomberg.com, 24 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 29 novembre 2020).
  30. ^ (EN) Chris Isidore, New Iran sanctions will kill billions in jet sales. Boeing is ready, su CNNMoney, 8 maggio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 15 gennaio 2021).
  31. ^ (EN) EU sticks to nuclear deal and focusses on trade with Iran, su The Brussels Times, 16 maggio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 1º marzo 2021).
  32. ^ (EN) Iran Airtour Airline, su iat.aero (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2016).
  33. ^ (FA) Behnegarsoft.com, همان اتفاقی که در مورد آلومینیوم مهدی افتاد در مورد ایران ایرتور نیز افتاده است/ به وزیر اقتصاد نامه داده‌ایم, su پایگاه خبری الف. URL consultato il 14 gennaio 2021 (archiviato il 5 settembre 2017).
  34. ^ (EN) Homa Hotel Group, su web.archive.org, 29 dicembre 2016. URL consultato il 14 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2016).
  35. ^ (EN) Destinations, su www.iranair.de. URL consultato il 14 gennaio 2021 (archiviato il 21 gennaio 2021).
  36. ^ (EN) Iran Air - Lufthansa to start codeshare service from Feb 2017, su Routesonline. URL consultato il 14 gennaio 2021 (archiviato il 21 gennaio 2021).
  37. ^ (EN) Iran Air Begins Codeshare Service with Turkish Airlines, su Routesonline. URL consultato il 14 gennaio 2021 (archiviato il 21 gennaio 2021).
  38. ^ a b (EN) Shawn, Major Airlines that Don't Serve Alcohol, su ShawnVoyage, 7 aprile 2014. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 3 giugno 2019).
  39. ^ a b (EN) Iran Air Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 31 dicembre 2020 (archiviato il 19 gennaio 2019).
  40. ^ Marche EP-ITA, EP-ITB, EP-ITC, EP-ITD, EP-ITE, EP-ITF, EP-ITG, EP-ITH, EP-ITI, EP-ITJ, EP-ITK, EP-ITL ed EP-ITM.
  41. ^ Marche EP-IBG, EP-IBI ed EP-IBJ.
  42. ^ Marche EP-IBA, EP-IBB, EP-IBC ed EP-IBD.
  43. ^ Marche 5A-ONC, 5A-OND e 5A-ONI.
  44. ^ Marche EP-IEP, EP-IEQ ed EP-IER.
  45. ^ Marche EP-IEB, EP-IED, EP-IEE, EP-IEF ed EP-IEG.
  46. ^ a b c (EN) What Happened To Iran Air's Giant Airbus Order?, su Simple Flying, 28 luglio 2020. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 18 gennaio 2021).
  47. ^ Marche EP-IFA.
  48. ^ Marche EP-JIA ed EP-JIB.
  49. ^ Marche EP-ICD.
  50. ^ Marche EP-CFM, EP-CFR ed EP-IDF.
  51. ^ (EN) From the A320 to A380: Iran Air selects the full Airbus jetliner portfolio for its fleet modernisation | Airbus Press release, su web.archive.org, 10 luglio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2016).
  52. ^ (EN) Iran Air's fleet order signals serious intent for the Iranian aviation industry, su CAPA - Centre for Aviation. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 15 aprile 2019).
  53. ^ (EN) Alex Macheras, A Look Inside Iran Air's Newest A321 and A330-200 Aircraft, su The Points Guy. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 23 settembre 2018).
  54. ^ (EN) David Kaminski-Morrow, Iran Air receives second A330, su Flight Global. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 28 settembre 2020).
  55. ^ (EN) Tim Hepher, Iran jetliner deal could take longer to complete, Airbus says, in Reuters, 15 gennaio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 28 settembre 2020).
  56. ^ (EN) ATR Signs A Major Agreement with Iran Air for 40 ATR 72-600s, su www.defense-aerospace.com. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 2 agosto 2020).
  57. ^ (EN) Amin, IranAir Expects Delayed ATR Deliveries amid Row with Canada, su Aviation Iran, 9 marzo 2017. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 9 giugno 2021).
  58. ^ (EN) Iran Air Receives Vital Spares, in Airliner World, 16 ottobre 2019.
  59. ^ (EN) Despite deal, Myanmar's peace process faces hurdles, in Emerald Expert Briefings, 31 marzo 2015, DOI:10.1108/oxan-es198686. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 9 giugno 2021).
  60. ^ (EN) Robert Wall, Boeing Signs Deal to Sell Jets to Iran’s State Airline, in Wall Street Journal, 21 giugno 2016. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 24 febbraio 2021).
  61. ^ (EN) Boeing, Iran Air Announce Agreement for 80 Airplanes, su MediaRoom. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 18 dicembre 2020).
  62. ^ (EN) First Iran aircraft delivery now due in 2019 - Muilenburg - ch-aviation, su web.archive.org, 28 aprile 2018. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2018).
  63. ^ (EN) Boeing says it will not deliver any aircraft to Iran, su Al Arabiya English, 6 giugno 2018. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 19 gennaio 2021).
  64. ^ (EN) Iran Air Fleet | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato il 25 gennaio 2021).
  65. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 727-86 EP-IRD Tehran-Mehrabad Airport (THR), su aviation-safety.net. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 31 ottobre 2020).
  66. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A300B2-203 EP-IBU Qeshm Island, su aviation-safety.net. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 14 giugno 2019).
  67. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 727-286 EP-IRU Rasht Airport (RAS), su aviation-safety.net. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 27 settembre 2020).
  68. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 727-286 EP-IRP Urmia (Orumiyeh) Airport (OMH), su aviation-safety.net. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 5 aprile 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0631 1715