Iolanda d'Ungheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iolanda d'Ungheria
Regina consorte d'Aragona
Royal arms of Aragon.svg Arms of Hungary (ancient).svg
In carica 8 settembre 1235 –
12 ottobre 1251
Predecessore Eleonora di Castiglia
Successore Costanza di Sicilia
Altri titoli Regina consorte di Valencia e Maiorca, Contessa consorte di Barcellona e di altre contee catalane
Nascita 1215 circa
Morte Huesca, 12 ottobre 1251
Padre Andrea II d'Ungheria
Madre Iolanda di Courtenay
Consorte Giacomo I d'Aragona
Figli Violante
Pietro
Costanza
Giacomo
Ferdinando
Sancha
Isabella d'Aragona
Maria
Sancho
Eleonora
Religione Cattolicesimo

Violante o Iolanda d'Ungheria Árpád-hazi Jolan in ungherese, Violant in catalano, in aragonese e in inglese, Violante in spagnolo, in asturiano e in basco, Iolanda o Violante in portoghese e in galiziano, Yolande in francese e Yolande in tedesco (Esztergom, 1215 circa – Huesca, 12 ottobre 1251) fu regina consorte di Aragona e di Maiorca, contessa consorte di Barcellona, delle contee catalane e delle signorie occitane dal 1235 e regina consorte di Valencia dal 1238 alla sua morte.

Origine familiare[modifica | modifica wikitesto]

Vista del monastero cistercense di Santa María di Vallbona

Era figlia del re di Ungheria, Andrea II, e della principessa di Costantinopoli, Iolanda di Courtenay, figlia di Pietro II di Courtenay Imperatore latino di Costantinopoli dal 1217 al 1219 e di Iolanda di Fiandra.[1][2][3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Cronaca Piniatense[4], l'8 settembre del 1235, nella cattedrale di Barcellona, Iolanda sposò il re d'Aragona e di Maiorca, Conte di Barcellona, signore di Montpellier e Carladès e di altri feudi dell'Occitania, Giacomo I[1] a cui il primo matrimonio, con Eleonora di Castiglia, figlia del re di Castiglia Alfonso VIII, era stato annullato per consanguineità.
La dote che avrebbe dovuto portare a Giacomo consisteva in denaro e territori, ma non fu mai effettivamente consegnata.
Appena giunta in Catalogna il suo nome fu cambiato in Violante[1].

Si interessò attivamente della politica del regno ed in particolare diede impulso alla conquista del regno di Valencia.

Cercò di favorire i suoi figli cercando di creare inimicizia tra Giacomo I ed il figlio primogenito, Alfonso, nato dal primo matrimonio con Eleonora di Castiglia.

Secondo gli Annali toledani[5] Violante (Dña Yoles, Regina Aragonum) morì di febbre, a Huesca, nell'ottobre del 1251[1] e fu tumulata nel presbiterio del monastero cistercense di Santa María di Vallbona, a Lleida (Catalogna).

Sarcofago della regina Violante

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Violante diede nove figli a Giacomo:[6][7][8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Dinastie reali d'Ungheria
  2. ^ (EN) Reali d'Ungheria - Genealogy
  3. ^ (DE) Andrea II d'Ungheria genealogie mittelalter Archiviato il 20 agosto 2004 in Internet Archive.
  4. ^ La Cronaca Piniatense è una cronaca storiografica, voluta dal re d'Aragona, Pietro IV, del regno di Aragona, dalle sue origini comitali sino alla Corona d'Aragona (1336, morte di Alfonso IV di Aragona).
  5. ^ Gli Annali toledani sono una serie di annali, raccolto in tre parti riguardanti il regno di Toledo, il primo narra il periodo che inizia con la creazione della Contea di Castiglia, sino al 1219, il secondo termina col 1250 ed il terzo arriva sino al secolo XIV.
  6. ^ (EN) Dinastie reali d'Aragona
  7. ^ (EN) Barcellona - Genealogy
  8. ^ (DE) Giacomo I d'Aragona genealogie mittelalter Archiviato l'11 febbraio 2010 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in Storia del mondo medievale, vol. V, 1999, pp. 865–896
  • Hilda Johnstone, Francia: gli ultimi capetingi, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 569–607

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore regina consorte di Aragona, di Maiorca e di Valencia
e contessa consorte di Barcellona
Successore Stendardo del re d'Aragona.png
Eleonora di Castiglia 1235-1251 Teresa Gil di Vidaure

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]