Minorca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg

Coordinate: 39°58′N 4°05′E / 39.966667°N 4.083333°E39.966667; 4.083333

Minorca vista dal satellite

Minorca (in castigliano e catalano Menorca) è un'isola della Spagna con superficie di 689 k ed una popolazione di 86 697 abitanti. Si tratta della seconda isola per estensione dell'arcipelago delle isole Baleari, situata nel Mar Mediterraneo ad est di Maiorca, ha una lunghezza di circa 48 km ed una larghezza massima di 16 km.

L'isola è stata dichiarata dall'UNESCO riserva della biosfera.

Lingue[modifica | modifica sorgente]

Clima[modifica | modifica sorgente]

Clima mediterraneo, con estati calde ed inverni temperati

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Montagne[modifica | modifica sorgente]

Il punto più alto dell'isola è il Monte Toro, che dai suoi 357 m di altezza permette di dominare con lo sguardo l'isola nella sua intera estensione.

Le Cales Coves

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'epoca romana e pre-romana[modifica | modifica sorgente]

Alcuni anni prima del 252 a.C. Minorca venne invasa dai cartaginesi divenendo così una colonia punica[1]. Dopo la fine delle guerre puniche la pirateria nel Mediterraneo occidentale subì un incremento grazie alla posizione strategica delle isole Baleari, fra la penisola iberica, appena conquistata dai romani, e quella italiana. Le reazione romana non si fece attendere e nel 123 a.C. le isole Baleari furono occupate dai romani agli ordini del console Quinto Cecilio Metello. Due anni dopo venivano incorporate nella Hispania Citerior. Nel 13 a.C. Cesare Augusto riorganizzò il sistema delle province romane e le isole Baleari divennero parte della provincia imperiale tarasconese.

Dai Vandali ai musulmani[modifica | modifica sorgente]

Nel V secolo Minorca fu conquistata, con le altre isole, dai Vandali ma il dominio di questi durò fino alla conquista dei loro centri principali da parte dei bizantini. Verso l'anno 859 Minorca subì un attacco normanno che fu fonte di numerose distruzioni.
Successivamente, con la conquista della Spagna peninsulare da parte degli arabi, Minorca fu assegnata al Califfato di Cordoba (903) ed il suo nome fu arabizzato in Manûrqa.
L'isola riprese la sua antica vocazione di rifugio per la pirateria, ora musulmana, cosicché nel 1137 una flotta genovese di 22 galere, sei navi e legni minori, agli ordini dei Oberto Della Torre e del console Caffaro compì a Minorca una spedizione punitiva, nota poi come impresa di Almeria, coronata da successo. Nel 1146 una seconda spedizione genovese, disposta sempre dal console Caffaro, e composta da 28 galere ed altre navi sussidiarie, sbarcò nell'isola fanti e cavalieri che sottoposero a saccheggio per quattro giorni i villaggi musulmani. Il tentativo di questi ultimi, usciti con la loro fanteria ed uno squadrone di cavalieri dal porto di Maó, di attaccare alle spalle le forze genovesi attendate sulle rive nella zona di Fornello di fronte alla quale erano ormeggiate le navi, non ebbe successo ed anche la capitale fu espugnata dai genovesi.

Il periodo aragonese[modifica | modifica sorgente]

Nel 1231, dopo la riconquista di Maiorca da parte delle forze cristiane, Minorca divenne uno stato islamico indipendente, sebbene tributario del re cristiano Giacomo I di Aragona. Il 17 gennaio 1287 gli aragonesi di Alfonso III invasero l'isola[2] e gran parte degli abitanti mussulmani furono ridotti in schiavitù e venduti sui mercati di schiavi di Ibiza, Valencia e Barcellona. Fino al 1344 l'isola fece parte del Regno di Maiorca, uno stato vassallo di quello aragonese, che fu successivamente annesso all'impero aragonese e poi al regno unificato di Spagna.
Nel 1535 l'isola subì l'incursione del pirata Barbarossa e nel 1558 l'attacco del turco Mustafá Pialí distrusse la città di Maó e la capitale Ciudadella.

L'occupazione inglese[modifica | modifica sorgente]

Nel 1708, durante la Guerra di successione spagnola, Minorca fu conquistata dalla flotta inglese ed il dominio britannico fu confermato, insieme a quello sulla rocca di Gibilterra, con il Trattato di Utrecht del 1713 che pose fine alla guerra di successione spagnola. Minorca divenne governatorato britannico sotto sir Richard Kane[3] e, dopo la guerra anglo-spagnola 1727 - 1729, la sua appartenenza alla Gran Bretagna venne confermata dal trattato di Siviglia (9 novembre 1729).

Nel corso della Guerra dei sette anni Minorca fu posta sotto assedio francese e lo squadrone navale inglese, agli ordini dell'ammiraglio John Byng (1704 – 1757) non riuscì ad aver ragione degli avversari.[4] La guarnigione inglese, che John Byng non seppe evacuare, capitolò il 29 giugno 1756.
A seguito del Trattato di Parigi del 1763 la sovranità inglese fu riconosciuta e l'isola tornò sotto il controllo della corona britannica. Durante la rivoluzione americana, le forze franco-spagnole invasero nuovamente Minorca (1781) e, dopo un lungo assedio del Castello di San Filippo, la occuparono totalmente il 5 febbraio 1782. Nel corso della Rivoluzione francese le forze britanniche recuperarono ancora la sovranità dell'isola nel 1798.

Il ritorno alla Spagna[modifica | modifica sorgente]

Con il Trattato di Amiens, stipulato nel 1802 fra la Gran Bretagna e la Francia napoleonica, Minorca fu assegnata definitivamente alla Spagna.

Guerra civile[modifica | modifica sorgente]

Durante la guerra civile Minorca rimase fino alla fine del conflitto in mani repubblicane, mentre tutte le restanti isole Baleari erano, fin dagli inizi, in mano ai nazionalisti.

Economia[modifica | modifica sorgente]

La principale risorsa è il turismo, che si è sviluppato grazie alla presenza di bellissime spiagge tra le quali Mitjana, Macarella, Macarelleta, Es Grau, Son Bou ecc. Molto conosciuto è anche l'artigianato, soprattutto per la bigiotteria e la costruzione di scarpe, molto conosciute sono le avarcas dette anche menorchine. L'agricoltura nel nostro tempo non è molto sviluppata anche se c'è da ricordare l'allevamento di mucche, dal loro latte si ricava il famoso formaggio di Mahon (Queso di Mahon).

Località[modifica | modifica sorgente]

Il capoluogo, Mahón (in catalano Maó), sorge al termine di una lunga insenatura, conta circa 40 000 abitanti risultando il principale centro abitato, possiede inoltre un porto dove attraccano i traghetti per Barcellona, Palma di Maiorca e Valencia ed un nuovo aeroporto che sorge a sud-ovest della città. La baia del porto di Mahon è per lunghezza la 2a in assoluto dopo Pearl Harbour alle Hawaii.

Altre città partendo da Sud-Est verso Ovest sono: Sant Lluis con l'antico villaggio di pescatori di Binibeca, Es Castell con il tipico porticciolo da vedere le sere d'estate, Alaior con la famosa spiaggia bianca di Son Bou, Es Mercadal. Questa località è usata come base per la visita a Fornells e alle stupende spiagge del nord come: Cala Pregonda e Cala Cavalleria famose per la sabbia rossa. Più avanti c'è Ferreries da dove si va alle cale del sud rinomate. Sempre verso ovest si incontra Ciutadella, il secondo centro dell'isola. Porto importante, con traghetto rapido anche per Palma di Maiorca. Accesso alle spiagge più famose: a nord Cala Algariens e Cala Morell e a sud cala Macarella, cala Macarelleta, Turqueta, platja Son Saura con sabbia bianca finissima.


Musei[modifica | modifica sorgente]

Personaltadi[modifica | modifica sorgente]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Musica e balli popolari[modifica | modifica sorgente]

Cucina[modifica | modifica sorgente]

Da segnalare la caldreta de langosta (zuppa d'aragosta) la cui materia prima viene pescata generalmente sulle coste settentrionali intorno a Fornells.

Inoltre i menorchini (gli abitanti di Minorca) si possono fregiare dell'invenzione della maionese che prende il suo nome appunto dal capoluogo dell'isola, Mahón.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il nome Maó, già Mahon, è di origine cunica.
  2. ^ Data successivamente celebrata come festività nazionale dell'isola
  3. ^ Il brigadiere generale Richard Kane giunse a Minorca a novembre del 1712 come vice-governatore di John Campbell, secondo Duca di Argyll, che dopo aver provveduto alla conquista dell'isola, tornò in patria lasciando il governatorato (che abbandonò ufficialmente tre anni dopo) al suo vice-governatore. Egli rimase nell'isola praticamente fino alla sua morte (1736) salvo un breve intervallo di un paio di anni (dal 1725) durante i quali fu nominato governatore di Gibilterra, con l'incarico di provvedere a lavori di rafforzamento delle difese della rocca. A Minorca Kane riformò il sistema giuridico, redasse una costituzione, trasferì la capitale da Ciudadela a Maó e fece costruire la strada quest'ultima e la nuova capitale e migliorò i traffici commerciali facendo di Maò un porto franco ed una base navale inglese. Migliorò inoltre le tecniche agricole ed importò mandrie di bovini.
  4. ^ Con l'accusa di non aver fatto quanto in suo potere per salvare la guarnigione inglese, John Byng, quarto figlio dell'ex-Primo Lord dell'Ammiragliato George Byng, I visconte Torrington (1668 – 1733), fu sottoposto a giudizio della corte marziale inglese e condannato alla pena capitale, che fu eseguita per fucilazione il 14 marzo 1757.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]