Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni

Indestructible (album Disturbed)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Indestructible
ArtistaDisturbed
Tipo albumStudio
Pubblicazione3 giugno 2008
Durata49:15
Dischi1
Tracce12
GenereAlternative metal[1]
Heavy metal[1]
EtichettaReprise Records
ProduttoreDan Donegan
Registrazionefebbraio 2007 - gennaio 2008 ai Groovemaster Studios di Chicago[2], in Illinois
FormatiCD, DVD e LP
Certificazioni
Dischi d'argento1 Regno Unito (200.000)
Dischi d'oro1 Australia (35.000)
1 Canada (40.000)
1 Finlandia (10.000)
1 Nuova Zelanda (7.500)
1 Stati Uniti (500.000)
Dischi di platino1 Australia (70.000)
1 Canada (80.000)
1 Nuova Zelanda (15.000)
1 Stati Uniti (1.000.000)
Disturbed - cronologia
Album precedente
(2005)
Album successivo
(2010)
Singoli
  1. Inside the Fire
    Pubblicato: 25 marzo 2008
  2. Perfect Insanity
    Pubblicato: 6 maggio 2008
  3. Indestructible
    Pubblicato: 29 settembre 2008
  4. The Night
    Pubblicato: 31 marzo 2009
(EN)

« Take a last look around while you're alive
I'm an indestructible master of war »

(IT)

« Dai un ultimo sguardo intorno mentre sei vivo
Sono un indistruttibile maestro della guerra »

(Disturbed - Indestructible)

Indestructible è il quarto album in studio dei Disturbed, gruppo musicale alternative metal statunitense. Registrato ai Groovemaster Studios di Chicago[2], in Illinois, ed auto-prodotto[3], Indestructible è il primo album del gruppo realizzato senza Johnny K, il produttore dei tre album precedenti: The Sickness (2000), Believe (2002) e Ten Thousand Fists (2005).

Secondo la band, le tematiche dell'album sono significativamente più tetre dei loro precedenti lavori. Alcuni dei brani includono esperienze che il cantante David Draiman ebbe nel corso degli anni precedenti alla produzione dell'album, come cattive relazioni sentimentali, un incidente motociclistico in cui fu coinvolto ed il suicidio della sua ragazza quando aveva 16 anni[4]. Nonostante questi argomenti, la title track, Indestructible, è dedicata e pensata per incoraggiare i militari in combattimento e sollevargli il morale[4]. Due delle tracce, Perfect Insanity e Divide, erano state scritte in precedenza e dovevano essere inserite nel primo album, The Sickness[2][5].

Indestructible fu pubblicato il 3 giugno 2008 in formato compact disc ed in due differenti edizioni digipak, limitata e speciale[6]; l'album vendette oltre 253.000 copie la prima settimana[7][8] e debuttò al primo posto della classifica Billboard 200, diventando il terzo album consecutivo della band a raggiungere tale traguardo[7]. Accolto da recensioni contrastanti da diversi critici, ha ottenuto un punteggio del 57% sul sito di recensioni Metacritic, basato su sei recensioni[9]. L'album venne certificato disco di platino dalla RIAA nell'aprile dell'anno successivo per aver venduto oltre 1.000.000 di copie negli Stati Uniti[10]. Il singolo Inside the Fire venne nominato ai Grammy Award del 2009 nella categoria "miglior interpretazione hard rock"[11].

Registrazione e produzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver preso parte al tour in supporto all'album precedente, Ten Thousand Fists, la band prese una pausa. Durante questo periodo, il batterista Mike Wengren si sposò ed il chitarrista Dan Donegan ebbe una figlia, Maya[12]. Dopo la pausa, il gruppo andò ai Groovemaster Studios di Chicago, in Illinois, ed iniziò a comporre alcuni brani. Indestructible è il primo album auto-prodotto dei Disturbed, ovvero registrato senza godere della collaborazione di Johnny K, produttore dei tre album precedenti[2]. La band fu comunque in grado di occuparsi direttamente del disco, nonostante avesse realizzato insieme a Johnny K due album consecutivi che debuttarono al primo posto in classifica. Come ha motivato il cantante David Draiman, «Abbiamo imparato a produrre e ci piacerebbe provare [l'auto-produzione].»[2].

Prima dell'inizio della scrittura dei testi, Donegan compose dei riff di chitarra; la band di conseguenza li ascoltò e scrisse, basandosi su di essi, il resto della musica. Come dichiarò lo stesso chitarrista, «Il processo di scrittura è [...] più o meno lo stesso sin dall'inizio [...] di questa band. Sono sempre stati i riff [a dare l'avvio al processo].»[2]. Wengren, il batterista, commentò: «Creiamo sempre riff e ritmi, ma non è finita fino a quando non torniamo a casa e riusciamo a chiarirci le idee, rilassandoci per un po' ed arrivare poi, specialmente Danny ed io, ad una soluzione; solamente sparando fuori riff e ritmi la musica comincia finalmente a prendere vita.»[2]. Il bassista John Moyer lasciò lo studio durante la fase di registrazione, dal momento che sua moglie era incinta. Donegan e Wengren gli inviarono i demo tramite email ed egli continuò a scrivere la parte del basso delle canzoni dal suo studio di casa. Nell'ottobre del 2007 sua moglie Kristen diede alla luce il loro secondo figlio, Logan[13][14]. Riguardo all'elettronica dell'album, Donegan disse: «Quando le basi della chitarra, del basso e della batteria vennero stabilite, in un primo momento non avevo visto che c'era un sacco di spazio per l'elettronica e, quando le canzoni iniziarono a svilupparsi, volevo provare e giocare con alcuni effetti elettronici.»[2].

Quando la composizione strumentale fu completata, Draiman iniziò a scrivere versi melodici per ogni canzone[2]. Egli commentò: «Sono un grande sostenitore dell'atmosfera musicale e della sua sensazione; il modo in cui ti fa sentire la musica di una canzone dovrebbe far capire di cosa tratterà e così, se vuoi dire qualcosa che abbia un senso, ma la musica non lo sorregge, che senso ha?»[2]. La prima canzone completa in termini musicali fu The Night; Draiman ne terminò il testo in tre giorni. Questa traccia tentò più volte il cantante di chiamare l'album The Night[2]; «La strumentazione era così fredda e oscura che mi ci sono immediatamente piombato dentro.»[2]. Quando vennero realizzate le prime canzoni, la band le spedì alla loro etichetta discografica, la Reprise Records, ed aspettarono la loro approvazione per continuare a scriverne altre. Dopo aver ricevuto il consenso, scrissero il resto dei brani[2].

Wengren commentò, «Pensammo sarebbe stato bello, specialmente per i fan, se avessimo inserito una o due canzoni che vennero scritte nel periodo di The Sickness. Danny portò dei vecchi nastri demo, parlo di dodici anni fa, quando furono scritte Down with the Sickness e Stupify[2]. Perfect Insanity[5] e Divide[2] entrarono quindi nella lista tracce di Indestructible. Il gruppo inoltre incise una versione della canzone Midlife Crisis dei Faith No More. Draiman commentò, «Abbiamo preso la canzone, rinnovandola e modernizzandola secondo il nostro livello attuale, e la canzone fa paura.»[4]. Il brano, tuttavia, non venne poi inserito nella lista definitiva delle tracce[2], ma pubblicato su Covered, A Revolution in Sound [15].

Scelta del nome[modifica | modifica wikitesto]

Stando a Wengren, la scelta del nome dell'album necessitò di maggior tempo rispetto alle altre incisioni dei Disturbed; la band, originariamente, voleva intitolarlo The Night, perché la canzone omonima fu la prima ad essere completata e delineò la direzione musicale che il gruppo intendeva intraprendere per l'album. Il disco aveva una canzone il cui titolo provvisorio era Defend, ma fu in seguito rinominata in Indestructible. Come spiegato da Donegan, quando venne cambiato il nome, la band sentì che il titolo aveva «un impatto maggiore»[2]. Draiman disse che l'album fu chiamato Indestructible perché il titolo «sta a simbolizzare il fatto che siamo ancora fottutamente qui, che non siamo stati distrutti, che siamo resistiti alla prova del tempo.»[2].

Per quanto riguarda la scelta del titolo, Moyer commentò: «Di solito c'è qualche nome o frase che in qualche modo riassume ciò di cui tratterà l'album. [...] La sensazione è che è un disco aggressivo, un disco che spacca il culo.»[2]. Donegan, commentando il significato del titolo, dichiarò, «Noi sentiamo di essere diventati indistruttibili per essere sopravvissuti così tanto tempo in questo settore ed aver continuato ad avere successo.»[2]. Draiman concluse, «Ne abbiamo passate tante. Non importa cosa ci viene gettato addosso, come band, non importa cosa succede nell'ambiente musicale, noi siamo ancora qui, siamo ancora vitali, ed ancora in piedi.»[2].

Stile musicale e temi dei testi[modifica | modifica wikitesto]

Inside the Fire suonata dal vivo nel 2010.

La voce del gruppo, David Draiman, dichiarò che i testi dell'album furono ispirati da vari avvenimenti accadutigli nel corso degli anni precedenti; «Ho avuto un incidente in moto ed il mio garage è bruciato con dentro molti dei miei veicoli.», commentò Draiman. «Ho avuto delle brutte relazioni da cui sono entrato ed uscito, che mi hanno lasciato un marchio.»[4]. La canzone Indestructible è un «inno per i soldati», disse, «ed è stata pensata per essere qualcosa che li facesse sentire invincibili, che distruggesse le loro paure, facendoli sentire forti, ed è questo ciò che fa l'intero lavoro. È musica che ti aiuta a rafforzarti.»[4], concluse. Altri brani riguardano «relazioni veramente brutte», come Deceiver e Inside the Fire[4]; quest'ultima in particolare descrive Draiman in piedi, di fronte al corpo della fidanzata appena suicidatasi, mentre il Diavolo gli sussurra all'orecchio di fare lo stesso, in modo da poter tornare di nuovo con lei[4]. The Night vuole «semplicemente ritrarre la notte quasi come un'entità vivente che ti rende libero.»[2]. Il senso di Perfect Insanity invece è quello di «giocare con l'idea della follia, venendo da te dal punto di vista dell'individuo che è [pazzo] e mettendo in allarme le persone intorno a lui [...] con le sue tendenze psicotiche.»[16]. La canzone Divide «si oppone all'idea "Oh, siamo un unico gruppo, siamo tutti uniti!". Chi se ne frega, sii te stesso, sii individuale, distinguiti, lascia il tuo segno, lascia un impatto.»[2]. Commentando Façade, Draiman disse che è «una canzone vista dalla prospettiva di una ragazza in una relazione nella quale lei sta... lei sta pensando di ucciderlo, come si legge sulle notizie di cronaca.»[2].

Per rendere compatibili i testi che aveva in mente con la musica, Draiman disse alla band, «datemi la vostra più oscura, sporca e aggressiva merda ritmica tribale che potete gettarmi addosso.»[4]. Prima della pubblicazione dell'album, il chitarrista Dan Donegan supportò quest'idea, affermando «musicalmente, ha molte più palle di quanto abbiamo scritto finora. [...] Stiamo cercando di avere una buona combinazione degli elementi dei tre precedenti dischi per cercare di evolverlo in qualcosa di fresco e nuovo anche per noi stessi.»[17]. Dan Marsicano di 411mania.com commentò Perfect Insanity dicendo di avere «un breve ma dolce assolo, con una batteria con doppia cassa ed un veloce riff perforante.»[3]. Stessa critica per Divide, dicendo che «segue lo stesso modello [di Perfect Insanity], con un suono di chitarra aggressivo seguito dalla voce di Draiman, la quale è un mix delle solite melodie con dei sorprendenti growl qua e là.»[3]. Inoltre, secondo Marsicano, Inside the Fire ha «un assolo memorabile ed un tema tetro che lo circonda.»[3] e The Night è una «traccia dal sound epico, con uno dei migliori assoli che Donegan abbia mai composto ed un coro orecchiabile.»[3]. Chris Akin di Metaleater presentò l'album dicendo che è pieno di hook e che il chitarrista Donegan ha un «maggior approccio anni '80» a causa dei suoi assoli[18]. Per Christian Hoard di Rolling Stone l'album contiene «una struttura di chitarra meticolosamente costruita, versi seghettati e ritornelli catartici.»[19].

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La campagna promozionale per Indestructible iniziò alla fine del 2007, attuando la strategia della pubblicazione gratuita di contenuti digitali e materiale pubblicitario per i fan. La promozione cominciò con la distribuzione di adesivi ai concerti. L'etichetta dei Disturbed, la Reprise Records, in collaborazione con i rivenditori della Hot Topic, azienda venditrice di CD oltre che di vestiti ed accessori di gruppi musicali, fece inserire un CD dimostrativo di Indestructible in ogni articolo della band ed infine, nel 2008, mise in commercio un vinile da 7 pollici in edizione limitata contenente due canzoni, Indestructible e Inside the Fire. Nel febbraio del 2008 un campione audio di anteprima venne postato sul profilo MySpace del gruppo per promuovere l'album[20]. Il campione, titolato Perfect Insanity, non era altro che la nuova versione di una canzone scritta precedentemente alla pubblicazione di The Sickness che non era mai stata pubblicata sino a quel momento su di un album[5], ma solamente, nella vecchia versione, nel DVD M.O.L. (2002). La traccia completa, successivamente, fu resa disponibile al download gratuito tramite il sito web dei Disturbed, sempre per scopi promozionali[21].

David Draiman in concerto in Kuwait per l'evento Operation MySpace.

Nel marzo del 2008, per l'evento Operation MySpace, i Disturbed si esibirono in un concerto in Kuwait per le truppe statunitensi in servizio in quella regione. Il concerto fu anche trasmesso in diretta su MySpace e venne guardato da più di tre milioni di persone[22]. Sempre a marzo, un altro campione d'esempio, Inside the Fire, apparì sul profilo MySpace del festival Rock on the Rage[23]. Venne poi fatto sapere che la traccia sarebbe stata la prima ad essere pubblicata come singolo e che sarebbe stato girato un video musicale per essa diretto da Nathan Cox[23]. Il 24 marzo Inside the Fire debuttò su oltre sessanta stazioni radio negli Stati Uniti[24]. Venne pubblicata e resa disponibile al download il giorno successivo in formato digitale[7]. Il 2 maggio il video musicale per il brano venne pubblicato sul sito della band.[25]

Nell'aprile del 2008, sempre tramite il sito ufficiale, fu possibile preordinare una versione limitata in formato digipak di Indestructible[6]. Quest'edizione speciale conteneva, oltre che all'album, una traccia bonus chiamata Run, un DVD contenente un documentario sulla creazione dello stesso album e dei video didattici (chiamati Indestructionals) su come suonare alcune canzoni, un poster avvolgibile, una targhetta VIP che garantiva l'accesso a speciali eventi del gruppo durante il 2009 ed infine un codice che consentiva l'accesso alla sezione del sito dedicata a Inside the Fire[6]. Un'altra edizione speciale preordinabile era disponibile attraverso l'iTunes Store ed includeva tre tracce bonus registrate dal vivo, oltre che l'intero album[26]. Infine, un'altra versione preordinabile dell'album consentiva, a chi l'avesse preordinato tramite i rivenditori della catena di prodotti elettronici Best Buy, di scaricare gratuitamente due canzoni per il videogioco Rock Band, ovvero Indestructible e Inside the Fire[27].

Il 20 agosto, sul sito dei Disturbed, venne pubblicato un video musicale diretto da Noble Jomes per il terzo singolo estratto, nonché title track, Indestructible[28]. Il singolo venne pubblicato in formato digitale il 29 settembre 2008[29] ed il video venne incluso nell'EP Live & Indestructible[30], uscito il giorno seguente, assieme a tre canzoni eseguite al concerto in diretta su Internet al Deep Rock Drive[30]. Jones inoltre diresse, nel gennaio del 2009, il video musicale per il quarto singolo, The Night[31], il quale venne pubblicato nel marzo successivo[32].

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Giudizi professionali
Fonte Giudizio
Metacritic 57%[9]
About.com 3.5/5 stelle[33]
AllMusic 3.5/5 stelle[1]
IGN 5/10 stelle[34]
PopMatters 6/10 stelle[35]
Rolling Stone 2/5 stelle[19]
Sputnikmusic 3.5/5 stelle[36]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito di recensioni Metacritic, Indestructible ha ricevuto un 57 su 100, basato su sei critiche[9]. «Essendo il primo lavoro auto-prodotto dalla band, i Disturbed avevano l'opportunità di creare liberamente la propria musica, senza interferenze esterne», sostenne Dan Marsicano di 411mania.com, dicendo inoltre che «l'auto-produzione ha portato tuttavia ad una mancanza di orientamento che, alla fine, ha peggiorato l'album, anziché migliorarlo.»[3]. Il lavoro del chitarrista Dan Donegan fu lodato e Chad Bowar, di About.com, fece notare che molte delle canzoni sono guidate dalla chitarra[33]. Anche Chris Akin di Metaleater lodò Donegan, dicendo: «Se c'è una crescita nella band, è la chitarra. Dan Donegan usa maggiormente un approccio anni '80 rispetto ai precedenti lavori.»[18]. AllMusic elogiò, con James Monger, Indestructible, indicando che piuttosto di prendere elementi melodici da band come Pantera, come successe per i precedenti album del gruppo, questo lavoro è molto più simile alle sonorità di band come Metallica o AC/DC [1]. Metalitalia ha dato all'album un 8 su 10[37].

Indestructible, comunque, ricevette delle critiche negative. Per Jim Kaz di IGN, il cantante David Draiman «ha una voce eccessivamente forzata»[34]. Kaz, inoltre, trova che «le melodie sono tutte molto simili nello stile e nella struttura. [...] In sostanza, c'è ben poco che si distingue.», continuando poi dicendo che l'album sembra «obsoleto»[34]. Secondo Andrew Blackie di PopMatters, nonostante abbia delle consistenti fondamenta musicali, Indestructible manca di significato: «Hanno finito col suonare in modo un po' dispersivo.»[35].

Vendite ed impatto[modifica | modifica wikitesto]

Contiene Standard Speciale Limitata
Compact disc e booklet
DVD Making of Indestructible No
Codice d'accesso a Inside the Fire No
Targhetta VIP No No
Traccia extra Run No No

Indestructible vendette oltre 253.000 copie la settimana in cui venne pubblicato[7], diventando così il loro terzo album consecutivo a debuttare alla posizione numero 1 della Billboard 200, traguardo raggiunto solo da altre sei band; rimase in cima alla classifica per cinque settimane[7], arrivando poi alla numero uno anche in Canada, Australia e Nuova Zelanda[29]. Indestructible venne certificato disco d'oro dalla RIAA il 17 luglio 2008 per aver venduto 500.000 copie negli Stati Uniti e disco di platino l'8 aprile 2009 per aver raggiunto il milione di vendite[10]. L'album ha inoltre venduto un altro milione di copie nel resto del mondo[29]. Il singolo Inside the Fire venne notevolemente trasmesso alla radio; restò alla numero uno nella classifica Active Rock di Mediabase per 14 settimane, segnando così il record di maggior permanenza alla prima posizione in quella classifica[38]. Il singolo venne anche nominato ai Grammy Award 2009 nella categoria "miglior interpretazione hard rock"[11]. Anche la title track, Indestructible, raggiunse la prima posizione nella stessa classifica, diventando la seconda canzone dei Disturbed ad essere stata alla numero uno in quella classifica nel 2008[39].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di David Draiman, Dan Donegan e Mike Wengren, musiche di David Draiman, Dan Donegan, Mike Wengren e John Moyer.

  1. Indestructible – 4:38
  2. Inside the Fire – 3:52
  3. Deceiver – 3:49
  4. The Night – 4:46
  5. Perfect Insanity – 3:57
  6. Haunted – 4:42
  7. Enough – 4:20
  8. The Curse – 3:25
  9. Torn – 4:09
  10. Criminal – 4:16
  11. Divide – 3:36
  12. Façade – 3:45

Durata totale: 49:15

Edizione limitata
  1. Run – 3:13

Durata totale: 52:28

Edizione giapponese
  1. Parasite – 3:31

Durata totale: 52:46

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Nazione Classifica Posizione
2008 Australia ARIA Charts 1[40]
Austria Ö3 Austria Top 40 8[41]
Belgio Ultratop 49[42]
Canada Canadian Albums Chart 1[43][44]
Danimarca Tracklisten 22[45]
Paesi Bassi MegaCharts 2[46]
Finlandia Finnish Albums Chart 1[47]
Germania Media Control Charts 11[48]
Irlanda Irish Albums Chart 43[49]
Nuova Zelanda New Zealand Top Albums Chart 1[50]
Svezia Sverigetopplistan 3[51]
Svizzera Swiss Music Charts 15[52]
Regno Unito UK Albums Chart 20[53]
Stati Uniti Billboard 200 1[44]
Top Internet Albums 1[43]
Rock Albums 1[44]
Digital Albums 1[44]
Alternative Albums 1[44]
Hard Rock Albums 1[44]
Tastemaker Albums 1[44]
2010 Stati Uniti Catalog Albums 26[43][44]

Certificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Ente certificante Vendite Certificazione
Australia ARIA 35.000 oro[54]
70.000 platino[55]
Canada CRIA 40.000 oro[56]
80.000 platino[56]
Finlandia IFPI 10.794 oro[57]
Nuova Zelanda RIANZ 7.500 oro[58]
15.000 platino[59]
Regno Unito BPI 60.000 argento[60]
Stati Uniti RIAA 500.000 oro[10]
1.000.000 platino[10]
Totale vendite 1.235.794

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Disturbed
Produzione
  • Rafa Alcantara – direttore ed editore del DVD
  • Adam Cook – produttore DVD
  • Dan Fusselman – assistente di produzione
  • David May – post produttore del DVD
  • Raena Winscott – produttore associato del DVD
  • JT Smith – editore DVD
  • Jim Atkins – DVD authoring
  • Justin Wilks – assistente
  • Daryl Eaton – prenotazione
  • Rick Rosking – prenotazione
  • Emma Banks – prenotazione[29]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Indestructible, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x 2008 – The Making of Indestructible, booklet Twentyfourcore Productions
  3. ^ a b c d e f Dan Marsicano, 411mania review, 411mania.com, 3 giugno 2008. URL consultato il 9 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2012).
  4. ^ a b c d e f g h Daniel Kreps, In the studio: Disturbed’s David Draiman talks Indestructible new album, Rolling Stone, 21 novembre 2007. URL consultato il 9 maggio 2011.
  5. ^ a b c Disturbed performing new song in Kuwait; video available, Blabbermouth.net, 12 marzo 2008. URL consultato il 9 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2008).
  6. ^ a b c Disturbed: Indestructible limited-edition package details revealed, Blabbermouth.net, 9 maggio 2011. URL consultato il 26 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2008).
  7. ^ a b c d e Chris Willman, Disturbed leads this week's album chart...but get ready for Lil Wayne, Hollywood Insider, 11 giugno 2008. URL consultato il 9 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2012).
  8. ^ (EN) Disturbed's 'Indestructible' Tops U.S. Album Chart, blabbermouth.net, 11 giugno 2008. URL consultato l'8 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2012).
  9. ^ a b c Metacritic score, Metacritic. URL consultato il 24 luglio 2011.
  10. ^ a b c d (EN) RIAA Database Search Results for Disturbed, Recording Industry Association of America.
  11. ^ a b Judas Priest guitarist comments on Grammy nominations[collegamento interrotto], Blabbermouth.net, 4 dicembre 2008. URL consultato il 9 maggio 2011.
  12. ^ Biography - Dan Donegan, allaxess.com. URL consultato il 30 agosto 2011.
  13. ^ My newborn son Logan from John Moyer, myspace.com. URL consultato il 30 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2011).
  14. ^ John Moyer (DISTURBED), sitstrings.com. URL consultato il 30 agosto 2011.
  15. ^ Jonathan Cohen, Warner acts go covers crazy for compilation, Billboard.com, 13 gennaio 2009.
  16. ^ David Draiman interview on headbangers Ball Podcast, Headbangers Ball, 23 ottobre 2008. URL consultato il 22 maggio 2011.
  17. ^ Disturbed promise 'a lot ballsier' album, Ultimate Guitar Archive, 27 luglio 2007. URL consultato il 22 maggio 2011.
  18. ^ a b Chris Akin, Metaleater review, Metaleater, 2008. URL consultato il 22 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2012).
  19. ^ a b Christian Hoard, Rolling Stone review of Indestructible, Rolling Stone, 10 luglio 2008. URL consultato il 22 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2008).
  20. ^ Disturbed: New song sample available, Blabbermouth.net, 26 febbraio 2008. (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2008).
  21. ^ Disturbed: New song to be made available for download this Friday, Blabbermouth.net, 5 marzo 2008. (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2008).
  22. ^ Gary Graff, Weapons of Mass 'Destruction', in Music: Happening Now, vol. 120, nº 25, 21 giugno 2008, p. 55, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP).
  23. ^ a b Disturbed: 'Inside the Fire' song clip posted online, Blabbermouth.net, 13 marzo 2008. (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2008).
  24. ^ New Disturbed catches 'fire' on airwaves, Blabbermouth.net, 28 marzo 2008. URL consultato l'8 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2012).
  25. ^ (EN) Disturbed: 'Inside the Fire' video posted online, Blabbermouth.net, 2 maggio 2008. (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2012).
  26. ^ Disturbed live video: Band unleashes newly edited moving pictures for new single, IGN, 14 maggio 2008. (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2008).
  27. ^ Disturbed offer free songs for Rock Band: Find out how you can score some bonus stoke for your 360., IGN, 13 maggio 2008. (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2008).
  28. ^ Disturbed: 'Indestructible' video available, Blabbermouth.net, 20 agosto 2008. (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2008).
  29. ^ a b c d Note di copertina di Indestructible, Disturbed, p. 1 [inserto], Reprise Records, Stati Uniti d'America, 2008.
  30. ^ a b Disturbed: Live & Indestructible EP track listing unveiled, Blabbermouth.net, 18 settembre 2009. (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2008).
  31. ^ Disturbed frontman talks engagement, next single, Blabbermouth.net, 12 novembre 2008.
  32. ^ Disturbed: 'The Night' video posted online, Blabbermouth.net, 31 marzo 2009. (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2012).
  33. ^ a b Chad Bowar, About.com review, About.com, 2008. URL consultato il 23 maggio 2011.
  34. ^ a b c Jim Kaz, IGN review, IGN, 2008. URL consultato il 23 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2012).
  35. ^ a b Andrew Blackie, PopMatters review, PopMatters, 2008. URL consultato il 23 maggio 2011.
  36. ^ Jom, Disturbed - Indestructible (staff review), Sputnikmusic, 2 giugno 2008.
  37. ^ Riccardo Plata, DISTURBED - Indestructible, metalitalia.com, 2008. URL consultato il 4 agosto 2011.
  38. ^ Disturbed interviewed on 'Cara's Basement'; audio available[collegamento interrotto], Blabbermouth.net, 24 settembre 2008. URL consultato il 23 maggio 2011.
  39. ^ 'Indestructible' title track is no. 1 at Active Rock Radio[collegamento interrotto], Blabbermouth.net, 17 dicembre 2008. URL consultato il 23 maggio 2011.
  40. ^ (EN) Indestructible Australian album chart, australian-charts.com. URL consultato il 28 luglio 2011.
  41. ^ (EN) Indestructible Austrian album chart, austriancharts.at. URL consultato il 28 luglio 2011.
  42. ^ (BE) Indestructible Belgian (Flanders) album chart, ultratop.be.
  43. ^ a b c (EN) Disturbed United States albums chart, AllMusic. URL consultato il 28 luglio 2011.
  44. ^ a b c d e f g h Artist Chart History - Disturbed, Billboard. URL consultato il 6 agosto 2011.
  45. ^ (EN) Indestructible Danish album chart, danishcharts.com. URL consultato il 28 luglio 2011.
  46. ^ (EN) Indestructible Dutch album chart, dutchcharts.nl. URL consultato il 28 luglio 2011.
  47. ^ (EN) Indestructible Finnish album chart, finnishcharts.com. URL consultato il 28 luglio 2011.
  48. ^ (DE) Disturbed > Longplay-Chartverfolgung, musicline.de.
  49. ^ (EN) Discography Disturbed, irish-charts.com.
  50. ^ (EN) Indestructible New Zealand album chart, charts.org.nz. URL consultato il 28 luglio 2011.
  51. ^ (EN) Indestructible Swedish album chart, swedishcharts.com. URL consultato il 28 luglio 2011.
  52. ^ (EN) Indestructible Swiss album charts, hitparade.ch. URL consultato il 28 luglio 2011.
  53. ^ Indestructible UK album chart, everyHit.com. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  54. ^ (EN) Accreditations - 2008 Albums, Australian Recording Industry Association.
  55. ^ (EN) Accreditations - 2010 Albums, Australian Recording Industry Association.
  56. ^ a b (EN) Gold & Platinum Certification, Canadian Recording Industry Association. (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2012).
  57. ^ (FI) IFPI - Tilastot - Kulta- ja platinalevyt, International Federation of the Phonographic Industry.
  58. ^ (EN) Top 40 albums (#1624)[collegamento interrotto], Recording Industry Association of New Zealand, 7 luglio 2008.
  59. ^ (EN) Top 40 albums (#1625), Recording Industry Association of New Zealand, 14 luglio 2008. (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2012).
  60. ^ (EN) BPI certifications, British Phonographic Industry.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Disturbed -- Indestructible: Authentic Guitar TAB, Alfred Publishing Co., Inc., 1° settembre 2008, ISBN 0-7390-5659-X.
  • (EN) Gary Graff, DISTURBED Indestructible, in Billboard, vol. 120, nº 23, 7 giugno 2008, p. 49, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP). URL consultato il 5 agosto 2011.
  • (EN) Gary Graff, Weapons of mass 'DESTRUCTION', in Billboard, vol. 120, nº 25, 21 giugno 2008, p. 55, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP). URL consultato il 9 settembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 17 settembre 2011 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue