Immortalized

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immortalized
ArtistaDisturbed
Tipo albumStudio
Pubblicazione21 agosto 2015
Durata54:49
Dischi1
Tracce13 + 3 (deluxe)
GenereHeavy metal
Alternative metal
EtichettaReprise Records, Warner Bros. Records
ProduttoreKevin Churko
FormatiCD, vinile
Certificazioni
Dischi d'oroRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[2]
(vendite: 500 000+)
Disturbed - cronologia
Album precedente
(2011)
Album successivo
Singoli
  1. The Vengeful One
    Pubblicato: 23 giugno 2015
  2. Immortalized
    Pubblicato: 29 giugno 2015
  3. The Light
    Pubblicato: 5 ottobre 2015
  4. The Sound of Silence
    Pubblicato: 7 dicembre 2015
  5. Open Your Eyes
    Pubblicato: 18 luglio 2016

Immortalized è il sesto album in studio del gruppo heavy metal statunitense Disturbed, pubblicato il 21 agosto 2015.

Il 26 settembre 2016 l'album riceve la certificazione come disco d'oro negli Stati Uniti.[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di David Draiman, Mike Wengren e Dan Donegan, musiche di Draiman, Wengren, Donegan e John Moyer.

  1. The Eye of the Storm – 1:20
  2. Immortalized – 4:17
  3. The Vengeful One – 4:12
  4. Open Your Eyes – 3:57
  5. The Light – 4:16
  6. What Are You Waiting For – 4:03
  7. You're Mine – 4:55
  8. Who – 4:46
  9. Save Our Last Goodbye – 4:59
  10. Fire It Up – 4:05
  11. The Sound of Silence – 4:08 (testo: Paul Simon) – cover del brano di Simon & Garfunkel
  12. Never Wrong – 3:33
  13. Who Taught You How to Hate – 4:57
Tracce bonus Edizione Deluxe
  1. Tyrant – 3:49
  2. Legion of Monsters – 4:23
  3. The Brave and the Bold – 4:34

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Immortalized" in "Keywords", dunque premere "Search".
  2. ^ (EN) Disturbed, Immortalized – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 27 settembre 2016.
  3. ^ (EN) DISTURBED's 'Immortalized' Certified Gold In U.S., su blabbermouth.net, 26 settembre 2016. URL consultato il 27 settembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal