Il tuttofare (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il tuttofare
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2018
Durata96 min
Rapporto2.39:1
Generecommedia
RegiaValerio Attanasio
SoggettoValerio Attanasio
SceneggiaturaValerio Attanasio
ProduttoreMario Gianani, Lorenzo Mieli, Lorenzo Gangarossa
Casa di produzioneWildside, Vision Distribution, Sky Italia,
Distribuzione in italianoVision Distribution
FotografiaFerran Paredes Rubio
MontaggioGiuseppe Trepiccione
MusichePivio e Aldo De Scalzi
ScenografiaLuca Servino
CostumiAndrea Cavalletto
Interpreti e personaggi

Il tuttofare è un film del 2018, opera prima dello sceneggiatore Valerio Attanasio, che ha come protagonisti Sergio Castellitto, Guglielmo Poggi, Elena Sofia Ricci e Clara Alonso. La trama trova ispirazione letteraria, per stessa ammissione del regista, nel Lazarillo de Tormes (1554), primo romanzo picaresco, di autore ignoto, che narra le vicende di un giovane vagabondo disposto a utilizzare mezzi leciti e illeciti per sopravvivere nella Spagna del XVI secolo sconvolta da una grave crisi economica[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Bonocore è un praticante legale che lavora - senza contratto e per 300 euro al mese - come assistente del chiarissimo professor Toti Bellastella, principe del foro e docente di Diritto penale. Per Bellastella Antonio fa di tutto, comprese la spesa e la preparazione di pasti gourmet, precipitandosi ogni giorno dall'agro romano al centro della Capitale dopo due ore di trasporti pubblici. Ma il suo zelo polivalente non basta: per fargli compiere il salto di qualità Bellastella propone al giovane praticante il sacrificio personale di sposare l'amante argentina dell'avvocato e permetterle di acquisire la cittadinanza italiana. Antonio deve quindi mediare fra la sua coscienza e il desiderio di affermarsi in un mondo dominato dalle raccomandazioni.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola, distribuita da Vision Distribution, è uscita nelle sale italiane il 19 aprile 2018, posizionandosi al quarto posto del box office nel primo weekend[2]. Sul mercato estero il film, con il titolo internazionale The Handyman[3][4], è stato distribuito in diversi paesi, tra cui Repubblica Ceca e Slovacchia (con il titolo Jednou nohou v base)[5], Cina e in Russia (con il titolo Стажер)[6][7].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata accolta in maniera molto positiva dalla critica. Su Comingsoon.it Antonio Bracco scrive che il film «azzecca perfettamente toni e umori, prima di tutto grazie a una sceneggiatura dal ritmo sostenuto con personaggi brillanti. Attanasio investe nella costruzione generale, raccoglie risultati quando i nodi vengono al pettine e dimostra di conoscere i confini della commedia brillante fermandosi sempre un passo prima della farsa»[8].

MyMovies loda l'interpretazione di Sergio Castellitto che «costruisce un personaggio (molto ben scritto da Valerio Attanasio) spassoso ma che non concede nulla all'empatia del pubblico: un cattivo carismatico che non strizza l'occhio agli spettatori e non li invita subliminalmente all'emulazione»[9].

Gianni Canova scrive sul personaggio interpretato da Castellitto: «Un mostro. L’ultimo erede di quell’interminabile galleria di mostri che dalle commedie ciniche di Risi e Monicelli fino ai giorni nostri ha dato voce e volto a una certa idea di italianità. L’avvocato Toti Bellastella appartiene alla loro genìa: cialtrone e vanesio, esercita la professione forense con una spregiudicatezza amorale impressionante e nasconde sotto l’habitus rispettabile di professore ordinario di Diritto Penale una congenita vocazione alla corruzione, al compromesso, all’inganno, all’ossequio nei confronti dei potenti e al disprezzo nei confronti dei più deboli. Sergio Castellitto – qui in una delle sue più convincenti prove d’attore – dà al personaggio una coloritura antropologica di rara efficacia, riuscendo a inchiodarlo a una cialtroneria gassmaniana senza però farlo cadere mai nella macchietta o nella caricatura [...] la teatralità, la messinscena, la finzione più spudorata sono i tratti salienti dell’identità del personaggio e Castellitto li esprime con una sorta di metarecitazione che lo porta a interpretare il ruolo di un cialtrone che recita praticamente in ogni attimo della sua vita... [...] e che fa girare attorno a sé come una trottola il giovane factotum interpretato da Guglielmo Poggi, in una sorta di riedizione della coppia Gassman-Trintignant di Il sorpasso: come nel capolavoro di Risi, anche qui c’è un cialtrone spaccone vanaglorioso mascalzone e c’è un giovane gentile, ingenuo, sorridente e perbene. Il personaggio del giovane "tuttofare", con il miraggio di essere assunto, ubbidisce agli ordini: corre a comprare il pesce, cucina, offre le mentine al Professore, si china per allacciargli le scarpe, fa finta di svenire in tribunale per interrompere un’udienza che si stava mettendo male e arriva perfino a sposare la sua giovane amante spagnola per farle avere la cittadinanza italiana (qualcosa di analogo accadeva già anche fra Gastone Moschin e Ugo Tognazzi nel film del 1968 Sissignore[10].

Wired parla di «un set di battute, controbattute, affermazioni e a volte silenzi estremamente credibili e mai adagiati sulle scelte più banali»[11].

Michele Anselmi definisce Il tuttofare «un film adrenalinico, satirico, survoltato, a tratti davvero divertente, che rilancia continuamente sul piano delle trovate e delle trovatine sceneggiatorie, quasi a non far prendere fiato [...] sembra un episodio allungato dei "Mostri" di Risi, o dei "Nuovi mostri" se preferite, naturalmente riveduto e corretto alla luce dell’odierna "lotta per la sopravvivenza»[12].

Gabriele Niola su Badtaste.it loda la sceneggiatura: «la vera caratteristica che illumina Il tuttofare è un ritmo fuori da ogni canone per il cinema italiano»[13].

Su Il Messaggero Francesco Alò promuove il film, lodando l'interpretazione dei due protagonisti: «Attanasio, classe 1978, dimostra già maturità alla regia. Castellitto è sublime nel creare questo mostro dall'irresistibile carisma mentre Poggi è bravo a reggere il ritmo di questo nostro fuoriclasse del grottesco. Che coppia. Che film.»[14].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti con altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Tuttofare, di Valerio Attanasio, su sentieriselvaggi.it. URL consultato il 9 maggio 2018.
  2. ^ Escobar con Javier Bardem è primo al boxoffice italiano del weekend, su ComingSoon.it. URL consultato il 24 aprile 2018.
  3. ^ THE HANDYMAN | True Colours – Glorious Films, su truecolours.it. URL consultato il 14 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2018).
  4. ^ (EN) True Colours ramps up Italian slate, including Un Certain Regard title 'Euforia' (exclusive), in Screen. URL consultato il 14 maggio 2018.
  5. ^ www.csfd.cz, https://www.csfd.cz/film/618764-jednou-nohou-v-base/prehled/. URL consultato il 29 marzo 2019.
  6. ^ Duesse Communication S.r.l., Cannes, le prime vendite di True Colours, in E2S. URL consultato il 9 ottobre 2018.
  7. ^ TRUE COLOURS - Un 2018 ricco di successi, su cinemaitaliano.info. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  8. ^ Il Tuttofare Recensione, su ComingSoon.it. URL consultato il 24 aprile 2018.
  9. ^ Il tuttofare, su MYmovies.it. URL consultato il 24 aprile 2018.
  10. ^ a b Il Tuttofare - La recitazione di Sergio Castellitto, su Welovecinema, 23 aprile 2018. URL consultato il 9 marzo 2019.
  11. ^ Il tuttofare rivela il nuovo talento della commedia italiano, su Wired.it, 18 aprile 2018. URL consultato il 24 aprile 2018.
  12. ^ “IL TUTTOFARE” , LA VITA FLESSIBILE DI UN PRATICANTE LEGALE. E CASTELLITTO SI DIVERTE A RIFARE UN MIX DI SORDI E TOGNAZZI : Cinemonitor [collegamento interrotto], su cinemonitor.it. URL consultato il 9 marzo 2019.
  13. ^ Il Tuttofare, la recensione - BadTaste.it, su BadTaste.it. URL consultato il 24 aprile 2018.
  14. ^ Il Tuttofare, Castellitto fa il mostro e sorpassa Risi e Verdone, su spettacoliecultura.ilmessaggero.it. URL consultato il 24 aprile 2018.
  15. ^ Il tuttofare di Valerio Attanasio, su artsevent.eu.
  16. ^ 'Il tuttofare', Castellitto Azzeccagarbugli: "Mostri come questo sono senza tempo", in Spettacoli - La Repubblica, 13 aprile 2018. URL consultato il 9 maggio 2018.
  17. ^ Carlo Cerofolini, Il piacere di dirigere gli attori: intervista a Valerio Attanasio regista de Il Tuttofare, con uno strepitoso Sergio Castellitto, su Taxidrivers.it, 18 aprile 2018. URL consultato il 13 luglio 2020.
  18. ^ Carlo Cerofolini, Il piacere di dirigere gli attori: intervista a Valerio Attanasio regista de Il Tuttofare, con uno strepitoso Sergio Castellitto, su Taxidrivers.it, 18 aprile 2018. URL consultato il 13 luglio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema