High Voltage (album AC/DC)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
High Voltage
ArtistaAC/DC
Tipo albumStudio
Pubblicazione17 febbraio 1975 Australia
30 aprile 1976 Mondo
14 maggio 1976 Stati Uniti
Durata39:51
Dischi1
Tracce8
GenereHard rock
Blues rock
EtichettaAlbert Productions
ProduttoreHarry Vanda, George Young
Registrazionenovembre 1974
FormatiLP, CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroFrancia Francia[1]
(vendite: 100 000+)
Germania Germania[2]
(vendite: 250 000+)
Italia Italia[3]
(vendite: 25 000+)
Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (5)[5]
(vendite: 350 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[6]
(vendite: 3 000 000+)
Svizzera Svizzera[7]
(vendite: 50 000+)
AC/DC - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1975)

High Voltage è il primo album in studio del gruppo musicale australiano AC/DC, pubblicato nel 1975 dalla Albert Productions.

Originariamente commercializzato in madrepatria, il disco, successivamente all'accordo con la Atlantic Records, è stato ripubblicato nel resto del mondo con lo stesso titolo come sorta di compilation dei primi due album in studio della formazione.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 1976 gli AC/DC firmarono un contratto a livello internazionale con l'etichetta Atlantic Records, nel quale fu previsto anche un lungo tour nel Regno Unito e in Europa in qualità di supporto a turno di Kiss, gli Aerosmith e Blue Öyster Cult, oltre a date come headliner insieme ai Cheap Trick. I primi due album della band, High Voltage e T.N.T, pubblicati esclusivamente in Australia, riscossero un discreto successo a livello locale, come pure il singolo d'esordio It's a Long Way to the Top (If You Wanna Rock 'n' Roll), arrivato alla quinta posizione dell'ARIA Charts. Gli AC/DC sbarcarono in Regno Unito nel pieno del crescente movimento punk iniziato negli anni sessanta, capeggiato essenzialmente dai Sex Pistols e i The Damned. Il gruppo non ne fece mai parte veramente, ma venne inizialmente influenzato dall'atteggiamento ribelle e irriverente dei gruppi britannici sopracitati e da uno stile di vita esagerato, che implicava l'assunzione di alcol e droghe pesanti. Del loro arrivo a Londra il chitarrista Angus Young, come detto nel 1993 in un'intervista a Guitar World, serbò sempre un chiaro ricordo:

«Al tempo, noi venivamo indicati come un gruppo punk. Per noi era sbagliato. Noi non siamo mai stati un gruppo punk, abbiamo iniziato con il rock and roll. Questo è quello che suoniamo, ed è ciò che sappiamo fare meglio.»

Nel 2010 il fratello Malcolm Young decise di riaprire il discorso, dichiarando in un'intervista di Mojo con Phil Alexander:

«Il punk rock all'epoca era solo una moda. Non è mai cambiata la musica, solo la moda cambia.»

Registrazione e produzione[modifica | modifica wikitesto]

La zona di King Street, a Sydney, dove è stato registrato l'album.

High Voltage venne registrato presso gli Albert Studios di King Street a Sydney sul finire del 1974, in Australia, con George Young (fratello maggiore di Malcolm ed Angus Young), ed Harry Vanda alla produzione dell'album. Le registrazioni per High Voltage si aprirono con una lunga jam session per il brano It's a Long Way to the Top (If You Wanna Rock 'n' Roll), di cui una prima versione era stata realizzata in un hotel di Stoccolma da Cliff Williams e Stevie Young dopo un concerto, mancante però di una parte strumentale. Il cantante Bon Scott decise di includere all'interno del brano anche una parte in cui lui, insieme a tre professionisti, suonava la cornamusa, in ricordo del paese in cui sono nati i fratelli Young, la Scozia.

Il team di produzione di George Young ed Harry Vanda si rivelò cruciale per lo sviluppo degli AC/DC dal punto di vista sonoro. Vanda era infatti stato, insieme a Young, il chitarrista dei The Easybeats, con il quale aveva firmato i testi di numerosi brani, cui la hit Friday in My Mind. Nel 1994, nel libro Highway to Hell: The Life and Times of AC/DC Legend Bon Scott, Chris Gilbey, ovvero il manager dell'Albert Productions che si occupò di tutte le procedure volte a promuovere High Voltage, raccontò la propria esperienza vissuta con i due produttori: «La cosa più importante che George e Harry mi hanno insegnato, è che se hai in testa un buon ritmo, hai già l'inizio di un successo».

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo album degli AC/DC T.N.T. servì da stimolo per la band di Sydney a sviluppare le capacità creative e compositive di Bon Scott e dei fratelli Malcolm ed Angus Young, nonché come strumento di inizio per affinare un proprio stile, un incrocio tra il glam rock di High Voltage e l'heavy metal, con alcune influenze blues. A livello lirico, High Voltage è un'opera incentrata principalmente sullo stile di vita esagerato e pieno d'eccessi che conducevano diversi gruppi britannici, come i Queen, Led Zeppelin e i Pink Floyd, una vita in cui la fama veniva accompagnata da abusi di droghe, alcol e depressione. In brani come It's a Long Way to the Top (If You Wanna Rock 'n' Roll) e Rock 'n' Roll Singer sono reperibili strofe in cui vengono descritti in prima persona episodi legati all'alcolismo e al suicidio, ragion per cui gran parte del contenuto lirico venne censurato per le stazioni radiofoniche statunitensi.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della sua pubblicazione negli Stati Uniti d'America, High Voltage ricevette recensioni miste da parte della critica musicale. La rivista Billboard lo aggiunse nella sua lista degli album consigliati, definendolo un incrocio tra i lavori dei Led Zeppelin ed Alex Harvey. Al contrario, Billy Altman di Rolling Stone recensì l'album in maniera negativa, concependo High Voltage come «un vano tentativo degli AC/DC di inserirsi tra i grandi della musica hard rock», mentre la recensione di Stephen Thomas Erlewine per AllMusic si concentrò più sulla prestazione dei singoli membri, indicando Angus Young come "un mostro del riff" e Bon Scott come "un pozzo pieno di nozioni creative".

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Angus Young, Bon Scott e Malcolm Young, eccetto dove indicato.

Edizione australiana del 1975[modifica | modifica wikitesto]

  • Lato A
  1. Baby, Please Don't Go – 4:40 (Big Joe Williams)
  2. She's Got Balls – 4:51
  3. Little Lover – 5:37
  4. Stick Around – 4:44
  • Lato B
  1. Soul Stripper – 6:23 (Angus Young, Malcolm Young)
  2. You Ain't Got a Hold on Me – 3:30
  3. Love Song – 4:02
  4. Show Business – 4:43

Edizione internazionale del 1976[modifica | modifica wikitesto]

Nota: i primi sei brani sono tratti dal secondo album T.N.T..

  • Lato A
  1. It's a Long Way to the Top (If You Wanna Rock 'n' Roll) – 5:01 – La durata corrisponde alla versione pubblicata su LP. Nella versione CD il brano dura invece 5:12
  2. Rock 'n' Roll Singer – 5:03
  3. The Jack – 5:52
  4. Live Wire – 5:49
  • Lato B
  1. T.N.T. – 3:34
  2. Can I Sit Next to You Girl – 4:11 (Angus Young, Malcolm Young)
  3. Little Lover – 5:39
  4. She's Got Balls – 4:51
  5. High Voltage – 4:14

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione del 1975
Edizione del 1976
  • Bon Scott – voce, cornamusa (traccia 1)
  • Angus Young – chitarra
  • Malcolm Young – chitarra
  • Mark Evans – basso (eccetto tracce 7 e 8)
  • George Young – basso (tracce 7 e 8)
  • Phil Rudd – batteria (eccetto tracce 7 e 8)
  • John Proud – batteria (traccia 7)
  • Peter Clack – batteria (traccia 8)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella versione in vinile sul retrocopertina la canzone Baby Please Don't Go è accreditata "Broonzy", mentre sull'etichetta del vinile a "Joe Williams".
  • Il brano Little Lover venne incluso nella versione mondiale di High Voltage, al posto di Show Business.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, InfoDisc. URL consultato il 13 maggio 2015. Selezionare "AC / DC" e premere "OK".
  2. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 20 giugno 2015.
  3. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 20 giugno 2015.
  4. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 20 giugno 2015. Digitare "AC/DC" in "Keywords", dunque premere "Search".
  5. ^ (EN) Accreditations - 2013 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 20 giugno 2015.
  6. ^ (EN) AC/DC, High Voltage – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 20 giugno 2015.
  7. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (AC/DC; 'High Voltage'), Schweizer Hitparade. URL consultato il 20 giugno 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]