Hermann Boehm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hermann Boehm
Portrait - Hermann Boehm (1942).jpg
Il Generaladmiral Hermann Boehm
NascitaRybnik, 18 gennaio 1884
MorteKiel, 11 aprile 1972
Luogo di sepolturaNordfriedhof di Kiel
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco
GermaniaRepubblica di Weimar
Germania Germania nazista
Forza armataWar Ensign of Germany (1903–1919).svg Kaiserliche Marine
War Ensign of Germany (1922–1933).svg Reichsmarine
War Ensign of Germany (1938–1945).svg Kriegsmarine
Anni di servizio1903-1945
GradoGeneraladmiral
GuerrePrima guerra mondiale
Guerra civile spagnola

Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Polonia
Campagna di Norvegia
BattaglieOperazione Weserübung
Decorazionivedi qui
dati tratti da Hitler’s Commanders: German Bravery in the Field, 1939–1945[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Hermann Boehm (Rybnik, 18 gennaio 1884Kiel, 11 aprile 1972) è stato un ammiraglio tedesco, già distintosi come ufficiale della Kaiserliche Marine imbarcato sui cacciatorpediniere durante la prima guerra mondiale, venne decorato con la Croce di Ferro di I classe. Dopo l'avvento al potere del partito nazionalsociaslista fu tra i protagonisti delle ricostruzione della Kriegsmarine, ed allo scoppio della seconda guerra mondiale assunse dapprima il comando della flotta (Flottencheff) ed in seguito il comando del Marineoberkommando Norwegen,[2] mantenendolo fino al marzo 1943.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Rybnik il 18 gennaio 1884, ed entrò nella Kaiserliche Marine il 1 aprile 1903 imbarcandosi come Seekadett sulla nave da addestramento Stein.[1] Promosso kapitänleutnant il 19 settembre 1914, durante il corso della prima guerra mondiale prestò servizio a bordo dei cacciatorpediniere, comandando le unità G-37, G-41, V-69 e V-128. Il 28 luglio 1918 fu assegnato, in qualità di Aiutante, al personale della Stazione Marittima del Mare del Nord, comandando poi la divisione cacciatorpediniere D-2.[1] Congedato il 16 marzo 1919, fu richiamato in servizio il 27 agosto 1920 con la ricostituzione della Reichsmarine. Prestò servizio presso l'Accademia navale di Mürwik assegnato all'ufficio del personale, venendo promosso korvettenkapitän il 1 gennaio 1922. Divenuto insegnante di navigazione fu promosso fregattenkapitän il 30 settembre 1928, e kapitän zur See il 7 gennaio 1930. Il 30 settembre 1932 divenne Capo di stato maggiore del neocostituito Oberkommando der Marine, assumendo il comando della nave da battaglia Hessen il 10 marzo 1933. Nell'autunno del 1934 fu promosso konteradmiral, diventando comandante delle forze da ricognizione della nuova Kriegsmarine.[1] Dopo lo scoppio della guerra civile spagnola, dal 25 agosto 1936 all'8 marzo 1937 fu comandante delle forze navali tedesche operanti al largo della costa spagnola.[1] Il 4 gennaio 1937 fu promosso al grado di vizeadmiral, assumendo poi il comando della Stazione del Mare del Nord. Nel 1938 fu elevato al grado di Admiral, e nel novembre dello stesso anno ricevette l'incarico di Comandante della flotta (Flottenchef).[1]

Cerimonia per il 50 anniversario della costituzione della specialità Torpediniere tenutasi a Wilhelmshaven nel 1937. A sinistra l'ammiraglio Tillessen, al centro l'ammiraglio von Trotha e a destra il comandante della stazione navale ammiraglio Boehm.

Dopo la fine della campagna di Polonia entrò in disaccordo con il grande ammiraglio Erich Raeder e fu destituito dal comando, lasciato senza incarichi per sette mesi.[3] Dopo l'invasione di Danimarca e Norvegia (Operazione Weserübung) fu nominato comandante delle forze navali tedesche presenti in Norvegia (Marineoberkommando Norwegen),[2] e il 10 aprile 1941 fu promosso al grado di generaladmiral. Nel marzo 1943 fu richiamato in Patria e il 31 maggio dello stesso anno venne ufficialmente messo a riposo con decorrenza dal 1 giugno seguente.[3] Dal 1 marzo 1944 al 31 marzo 1945[3] fu Ispettore generale del programma di addestramento della Kriegsmarine, al termine dell quale fu posto in congedo definitivo.[3]

Il processo di Norimberga[modifica | modifica wikitesto]

Quando furono formulate le accuse contro i principali criminali di guerra nazisti egli viveva tranquillamente presso la sua casa a Marutendorf,[N 1][4] ma risultava presente al discorso tenuto da Adolf Hitler presso l'Obersalzberg il 22 agosto 1939, in cui aveva annunciato l'imminente attacco alla Polonia, ma non faceva alcuna menzione del preventivato sterminio degli ebrei. La sua relazione scritta a mano quella stessa sera del discorso tenuto da Hitler fu usata per la difesa in tribunale del Großadmiral Erich Raeder dal suo avvocato, Dr. Walter Siemers. Inoltre egli si offerse volontariamente di andare a testimoniare in tribunale a favore di Reader. Nei documenti del tribunale quel documento e conosciuto come Raeder Exhibit 27.[5]

Si spense a Kiel l'11 aprile 1972,[3] e il suo corpo fu sepolto nel Nordfriedhof di Kiel, sezione D. Sul Nordfriedhof sono sepolti anche il Großadmiral, Erich Raeder, il Generaladmiral Walter Warzecha, il Generaladmiral Rolf Carls, il Generaladmiral Wilhelm Marschall e il Kapitän zur See, comandante della 2ª Räumbootflottille, Gerhard von Kamptz.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Cavaliere dell'Ordine di Hohenzollern con spade - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Cavaliere dell'Ordine di Hohenzollern con spade
Croce di ferro (I classe) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di ferro (I classe)
— 1914
Croce di ferro (II classe) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di ferro (II classe)
— 1914
Fibbia della Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Fibbia della Croce di Ferro di I classe
Croce di Federico Augusto (prima e seconda classe) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Federico Augusto (prima e seconda classe)
Medaglia "In memoria del 13 marzo 1938" - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia "In memoria del 13 marzo 1938"
Medaglia di lungo servizio militare (Wehrmacht) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di lungo servizio militare (Wehrmacht)
— 2 ottobre 1936
Medaglia d'oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca
— 20 novembre 1941
Croce spagnola in oro con spade - nastrino per uniforme ordinaria Croce spagnola in oro con spade
Distintivo per feriti in nero in nero - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo per feriti in nero in nero

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Medalla de la Campaña 1936-1939 (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medalla de la Campaña 1936-1939 (Spagna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oggi parte del comune di Achterwehr nel Circondario di Rendsburg-Eckernförde.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Mitcham, Mueller 2014, p. 216.
  2. ^ a b Zabecki 2014, p. 293.
  3. ^ a b c d e Mitcham, Mueller 2014, p. 217.
  4. ^ Kliem 2011, p. 252.
  5. ^ Protokolle des Nürnberger Prozesses gegen die Hauptkriegsverbrecher (16. Mai 1946, Nachmittagssitzung) auf zeno.org. Vgl. auch Boehms Stellungnahme in Vierteljahrshefte für Zeitgeschichte, Jahrgang 19 (1971), Heft 3, S. 294–300 sowie Winfried Baumgarts Erwiderung, S. 301–304.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Hans H. Hildebrand, Ernest Henriot, A-G. Deutschlands Admirale 1849–1945. Die militärischen Werdegänge der See-, Ingenieur-, Sanitäts-, Waffen- und Verwaltungsoffiziere im Admiralsrang. Band 1: A-G, Osnabrück, Biblio Verlag, 1988, ISBN 3-7648-1499-3.
  • (DE) Eberhard Kliem, Generaladmiral Hermann Boehm, Ein deutscher Marineoffizier im 20. Jahrhundert, Oldenburg, Isensee Verlag, 2011, ISBN 978-3-89995-798-3.
  • (EN) Samuel W. Mitcham, Gene Mueller, Hitler’s Commanders: German Bravery in the Field, 1939–1945, London, Pen & Sword, 2014, ISBN 1-84832-736-6.
  • (EN) Spencer C. Tucker, World War II at Sea: An Encyclopedia, Santa Barbara, ABC CLIO, 2011, ISBN 1-59884-458-X.
  • (EN) David T. Zabecki, Germany at War: 400 Years of Military History, Santa Barbara, ABC CLIO, 2014, ISBN 1-59884-981-6.

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Nico Sgarlato, Lo Z-Plan della Kriegsmarine, in Eserciti nella Storia (Parma, Delta Editrice), nº 36, luglio-agosto 2006, pp. 20-28, ISSN 1591-3031.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN67395780 · GND (DE124301991 · WorldCat Identities (EN67395780