Carl Hilpert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carl Hilpert
Portrait Carl Hilpert.jpg
NascitaNorimberga, 12 settembre 1888
MorteMosca, 1º febbraio 1947
(58 anni)
Dati militari
Paese servito  Impero tedesco
  Repubblica di Weimar
  Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
War Ensign of Germany (1921-1933).svg Reichswehr
War Ensign of Germany (1938-1945).svg Wehrmacht
ArmaHeer
Anni di servizio1907 - 1945
GradoGeneraloberst
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
BattaglieSacca di Curlandia
Comandante diHeeresgruppe Kurland
16. Armee
I. Armeekorps
XXVI. Armeekorps
LIV. Armeekorps
LIX. Armeekorps
XXIII. Armeekorps
DecorazioniCroce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia
fonti citate nel corpo del testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Carl Hilpert (Norimberga, 12 settembre 1888Mosca, 1º febbraio 1947) è stato un generale tedesco durante la seconda guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hilpert nacque a Norimberga, in Baviera.

Durante le ultime fasi della Seconda guerra mondiale, Hilpert comandò le truppe tedesche che rimasero poi circondate dall'armata sovietica nella Sacca di Curlandia. Il 7 maggio 1945, il capo di stato e presidente tedesco Karl Dönitz ordinò al colonnello generale (Generaloberst) Carl Hilpert di arrendersi col suo gruppo d'armate in Curlandia, dal momento che era rimasto l'ultimo generale in capo dopo la disfatta tedesca. Hilpert eseguì gli ordini col suo staff personale e tre divisioni del XXXVIII Corps arrendendosi al maresciallo Leonid Govorov. Prima di arrendersi definitivamente, Hilpert inviò alle sue truppe il seguente messaggio:

«A tutti i ranghi! Il maresciallo Govorod (sic) ha acconsentito ad approvare il cessate il fuoco alle ore 14.00 dell'8 maggio. Che le truppe siano immediatamente informate del fatto. Vengano issate le bandiere bianche. Dai comandanti mi aspetto una leale esecuzione degli ordini, da cui dipende il fato di tutte le truppe presenti in Curlandia.[1]»

Morì dopo due anni di prigionia, il 1º febbraio 1947, a Mosca.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Croce di IV Classe con spade dell'Ordine al Merito Militare di Baviera (Regno di Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di IV Classe con spade dell'Ordine al Merito Militare di Baviera (Regno di Baviera)
Croce d'onore della Grande Guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore della Grande Guerra
Fibbia 1939 alla croce di ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Fibbia 1939 alla croce di ferro di I classe
Fibbia 1939 alla croce di ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Fibbia 1939 alla croce di ferro di II classe
Croce di Cavaliere con Fronde di Quercia dell'Ordine della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Cavaliere con Fronde di Quercia dell'Ordine della Croce di Ferro
Croce d'Oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'Oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca
Medaglia "In memoria del 13 marzo 1938" - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia "In memoria del 13 marzo 1938"
Medaglia "In memoria del 1º ottobre 1938" - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia "In memoria del 1º ottobre 1938"
Medaglia del fronte orientale (1941/42) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del fronte orientale (1941/42)
Fascia da braccio "Curlandia" - nastrino per uniforme ordinaria Fascia da braccio "Curlandia"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hans Dollinger The Decline and Fall of Nazi Germany and Imperial Japan -, Library of Congress Catalogue Card Number 67-27047, p. 290

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Walther-Peer Fellgiebel, Die Träger des Ritterkreuzes des Eisernen Kreuzes 1939–1945 — Die Inhaber der höchsten Auszeichnung des Zweiten Weltkrieges aller Wehrmachtteile, Friedberg, Germany, Podzun-Pallas, 2000 [1986], ISBN 978-3-7909-0284-6.
  • (EN) Franz Kurowski, Knights of the Wehrmacht Knight's Cross Holders of the Fallschirmjäger, Atglen, PA, Schiffer Military, 1995, ISBN 978-0-88740-749-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comandante del I. Armeekorps Successore War Ensign of Germany 1938-1945.svg
Martin Grase 1º gennaio - 20 gennaio 1944 Walter Hartmann I
Walter Hartmann 1º maggio - 1º agosto 1944 Theodor Busse II
Predecessore Comandante del 16. Armee Successore War Ensign of Germany 1938-1945.svg
Paul Laux 3 settembre 1944 - 10 maggio 1945 Ernst-Anton von Krosigk
Predecessore Comandante del Gruppo di Armate di Curlandia Successore War Ensign of Germany 1938-1945.svg
Lothar Rendulic 25 marzo - 8 maggio 1945 Incarico soppresso