Gino Strada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gino Strada al 9º incontro nazionale di Emergency a Firenze, nel 2010

Gino Strada, all'anagrafe Luigi (Sesto San Giovanni, 21 aprile 1948Rouen, 13 agosto 2021), è stato un medico, attivista, filantropo e scrittore italiano, fondatore, assieme alla moglie Teresa Sarti (1946-2009), dell'ONG italiana Emergency.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

«Quest'idea imbecille d'una società violenta e rancorosa, che ti spinge a trovare chi sta peggio di te e a dargli la colpa dei tuoi guai. Mai uno di loro che punti il dito su quelli che stanno meglio, eh?»

(Gino Strada in un'intervista al Corriere della Sera[1])

Nato a Sesto San Giovanni, comune operaio nella cintura milanese, cresce in un ambiente cattolico sensibile alla realtà sociale che si ispira alle idee del Concilio Vaticano II, per poi aderire alla corrente comunista universitaria[2]. Dopo aver terminato gli studi superiori presso il liceo classico "Carducci", Strada ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia presso l'Università Statale di Milano nel 1978, all'età di trent'anni, e si è poi specializzato in chirurgia d'urgenza. Durante gli anni della contestazione è uno degli attivisti del Movimento Studentesco.

Gino Strada era ateo[3]. È stato molto amico del noto prete di strada Andrea Gallo (1928-2013)[4].

Nel 2013 ha dichiarato di non votare alle elezioni da circa trent'anni, per esprimere la propria disapprovazione verso la politica italiana[5], ma nel 2014 ha dichiarato di sostenere la coalizione italiana di sinistra L'Altra Europa con Tsipras[6].

Attività di chirurgo di guerra[modifica | modifica wikitesto]

Viene assunto dall'ospedale di Rho facendo poi pratica nel campo del trapianto di cuore fino al 1988, quando si indirizza verso la chirurgia traumatologica e la cura delle vittime di guerra. Negli anni '80 si specializza in chirurgia cardiopolmonare, lavorando negli Stati Uniti, alle università di Stanford e Pittsburgh, all'Harefield Hospital (Regno Unito) e al Groote Schuur Hospital di Città del Capo (Sudafrica), l'ospedale del primo trapianto di cuore di Christiaan Barnard.

Nel periodo 1989-1994 lavora con il Comitato internazionale della Croce Rossa in varie zone di conflitto: Pakistan, Etiopia, Perù, Afghanistan, Angola, Somalia e Bosnia-Erzegovina. Proprio sulla base delle esperienze vissute in queste nazioni, ha narrato diverse storie (nel libro Pappagalli Verdi) sul suo operato nelle vesti di chirurgo di guerra.

Emergency e altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Gino Strada alla marcia della pace Perugia-Assisi, nel 2002

Grazie a questa esperienza sul campo, Strada e un gruppo di colleghi decidono di fondare Emergency, un'associazione umanitaria internazionale per la riabilitazione delle vittime della guerra e delle mine antiuomo che, dalla sua fondazione nel 1994 alla fine del 2021, ha fornito assistenza gratuita a oltre 10 milioni di pazienti in 16 paesi nel mondo.[7]

Ha pubblicato due libri che hanno ottenuto un certo successo di pubblico e critica: Pappagalli verdi: cronache di un chirurgo di guerra e Buskashì. Viaggio dentro la guerra.

Nel 2001 è vincitore del premio Colombe d'Oro per la Pace, assegnato annualmente dall'Archivio disarmo a una personalità distintasi in campo internazionale.

Dal 2002 è cittadino onorario della città di Empoli, in Toscana, e dal 2003 anche della città di Montebelluna, cittadina veneta[8]. Ha ricevuto alcuni voti nello scrutinio segreto alle elezioni presidenziali del 2006.

Nel 2004 l'Università degli Studi della Basilicata gli ha conferito una laurea honoris causa in Ingegneria per l'ambiente e il territorio.[9]

Nel marzo 2007, durante il sequestro in Afghanistan del giornalista de La Repubblica Daniele Mastrogiacomo ha assunto una posizione di rilievo nelle trattative per la sua liberazione.

Nel 2009 muore la moglie Teresa Sarti; il ruolo di Presidente di Emergency viene quindi assunto dalla figlia Cecilia[10].

In Italia, Gino Strada ha assunto negli anni posizioni critiche nei confronti dei governi guidati da Massimo D'Alema, Romano Prodi, Silvio Berlusconi, Mario Monti, Enrico Letta, Matteo Renzi, Paolo Gentiloni e Giuseppe Conte per le loro scelte a sostegno della guerra, per la partecipazione dell'Italia a diversi conflitti recenti, per l'aumento continuo delle spese militari da questi sostenute, per le politiche sull'immigrazione ed i respingimenti.

La maggior parte delle critiche sono relative alla partecipazione dell'Italia all'intervento NATO in Afghanistan – noto anche come Operazione ISAF – valutate da Gino Strada e dalla sua organizzazione, che vi opera, come una barbarie commessa contro la popolazione afghana in aperta violazione dell'articolo 11 della Costituzione italiana.

Egli si è spinto a tali affermazioni poiché riteneva l'intervento della NATO, e di conseguenza dell'Italia, spinto da interessi economici. Anche se diversi[11] considerano la posizione di Gino Strada come un esempio di pacifismo radicale, moralista e utopico, a tal proposito Strada stesso ha dichiarato:

«Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra.»

(Gino Strada, Intervista a Che tempo che fa[12])

Il 13 aprile 2013 viene eletto tra i dieci possibili candidati alla Presidenza della Repubblica alle cosiddette "quirinarie" del Movimento 5 Stelle. Giunto secondo alle spalle di Milena Gabanelli, in seguito alla rinuncia della stessa, diviene un possibile candidato. Poco dopo decide tuttavia di ritirarsi, in favore del terzo possibile candidato, Stefano Rodotà. Successivamente diverrà un aspro critico del Movimento[13].

Nel 2015 ha ricevuto il Right Livelihood Award, primo italiano di sempre se non si considera il premio del 2008 a Monika Hauser, che ha cittadinanza italiana ma è nata e cresciuta in Svizzera. Nello stesso anno è stato candidato alla successione al Quirinale da parte del Movimento 5 Stelle[14].

In suo onore è stato intitolato l'asteroide 248908 Ginostrada.

Il 3 febbraio 2017 a Seoul (Corea del Sud) ha ricevuto il riconoscimento del SunHak Peace Prize[15][16], un premio per la pace istituito nel 2015 dalla signora Hak Ja Han Moon, moglie del defunto Sun Myung Moon, fondatore del Movimento dell'Unificazione. Gino Strada è stato vincitore assieme a Sakena Yacoobi. I due sono stati scelti tra 227 candidati da oltre 76 nazioni[17][18].

A partire dal giorno della sua morte, diverse fake news sulla sua persona sono state diffuse e propagate sui social, tanto da costringere la figlia Cecilia ad annunciare querele di massa[19].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Strada frequentava anche gruppi di volontariato cattolico, dove ha conosciuto nel 1971 Teresa Sarti, che diventerà sua moglie nello stesso anno (lei sarà cofondatrice e Presidente di Emergency)[20]. I due hanno avuto una figlia nel 1979, Cecilia.

A giugno 2021, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, lo ha unito in matrimonio con Simonetta Gola, responsabile per Emergency della comunicazione e delle campagne di raccolta fondi[21].

È morto improvvisamente a Rouen, in Francia, all'età di 73 anni, il 13 agosto 2021; soffriva da tempo di problemi cardiaci[22].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Battistini, Gino Strada: «Gli inizi di Emergency? La svolta fu il Costanzo Show», su Corriere della Sera, 26 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  2. ^ Letizia Malanga, Gino Strada senza se e senza ma, su lospecchioblog.altervista.org, 28 dicembre 2009, p. 630.
  3. ^ l'intervista al Sole 24 Ore del 24/02/2016 e la lettera aperta: "risposta atea al Signor Ratzinger
  4. ^ È morto don Gallo, il prete partigiano
  5. ^ Gino Strada: io, Ingroia e la sua lista
  6. ^ Gino Strada: “Lista Tsipras, una speranza per cambiare la politica”
  7. ^ EMERGENCY REPORT 2013 (PDF), su emergency.it.
  8. ^ Cittadinanza onoraria di Montebelluna Archiviato il 22 settembre 2007 in Internet Archive.
  9. ^ Gino Strada: nel 2004 la Laurea honoris causa dell'Unibas, su ansa.it, ANSA, 13 agosto 2021. URL consultato il 10 aprile 2022.
  10. ^ Un acero rosso per Teresa Sarti Strada, in La Nazione, 9 settembre 2009. URL consultato il 16 giugno 2011.
  11. ^ L'autore di un'Intervista a Gino Strada porta come esempio il democratico Piero Fassino, che parla di un «pacifismo alla Gino Strada» in opposizione ad uno pragmatico e politicamente realista
  12. ^ Video dell'intervista
  13. ^ 5 Stelle in imbarazzo per l'attacco di Gino Strada, che candidarono al Quirinale nel 2013, su L'HuffPost, 21 gennaio 2019. URL consultato il 6 luglio 2019.
  14. ^ Comcita De Gregorio, Cinque stelel di imabrazzo, su ricerca.repubblica.it, 30 marzo 2019. URL consultato il 9 maggio 2020 (archiviato il 9 maggio 2020).
  15. ^ (EN) 2017 Sunhak Peace Prize Awarded to Italian Surgeon Gino Strada and Afghan Educator Sakena Yacoobi, in The Washington Times. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  16. ^ Strada, su OnuItalia, 4 febbraio 2017. URL consultato il 7 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2017).
  17. ^ (EN) Sunhak Peace Prize awarded to Dr. Gino Strada and Sakena Yacoobi, in The Washington Times. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  18. ^ Sunhak Peace Prize, su sunhakprize.blogspot.kr. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  19. ^ https://www.business.it/la-figlia-di-gino-strada-cecilia-annuncia-querele-a-ripetizione/
  20. ^ Milano, è morta Teresa Sarti Strada fondatrice e presidente di Emergency | Milano la Repubblica.it
  21. ^ Gino Strada, il matrimonio a giugno con Simonetta Gola celebrato dal sindaco Beppe Sala, in Blitz quotidiano, 13 agosto 2021. URL consultato il 14 agosto 2021.
  22. ^ È morto Gino Strada, il fondatore di Emergency aveva 73 anni, su Corriere della Sera, 13 agosto 2021. URL consultato il 13 agosto 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15670684 · ISNI (EN0000 0001 1560 8789 · SBN LO1V155960 · LCCN (ENn2002049972 · GND (DE123130042 · BNE (ESXX4706672 (data) · BNF (FRcb144187950 (data) · J9U (ENHE987007419588805171 (topic) · NDL (ENJA00905140 · CONOR.SI (SL145354083 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002049972