Piero Fassino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piero Fassino
Piero Franco Fassino daticamera 2018.jpg
Piero Fassino nel 2018

Presidente della 3ª Commissione Affari Esteri della Camera dei deputati
In carica
Inizio mandato 30 luglio 2020
Predecessore Marta Grande

Sindaco di Torino
Durata mandato 16 maggio 2011 –
30 giugno 2016
Predecessore Sergio Chiamparino
Successore Chiara Appendino

Sindaco metropolitano di Torino
Durata mandato 1º gennaio 2015 –
30 giugno 2016
Predecessore Carica istituita
Successore Chiara Appendino

Presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
Durata mandato 5 luglio 2013 –
12 ottobre 2016
Predecessore Graziano Delrio
Successore Antonio Decaro

Segretario dei Democratici di Sinistra
Durata mandato 18 novembre 2001 –
14 ottobre 2007
Presidente Massimo D'Alema
Predecessore Walter Veltroni
Successore Carica dissolta

Ministro della giustizia
Durata mandato 26 aprile 2000 –
11 giugno 2001
Capo del governo Giuliano Amato
Predecessore Oliviero Diliberto
Successore Roberto Castelli

Ministro del commercio con l'estero
Durata mandato 21 ottobre 1998 –
26 aprile 2000
Capo del governo Massimo D'Alema
Predecessore Augusto Fantozzi
Successore Enrico Letta

Sottosegretario di Stato al Ministero degli affari esteri
con delega alle politiche comunitarie
Durata mandato 22 maggio 1996 –
21 ottobre 1998
Cotitolare Patrizia Toia
Rino Serri
Capo del governo Romano Prodi
Predecessore Mario Arcelli[1]
Luigi Vittorio Ferraris[2]
Ludovico Incisa di Camerana[2]
Successore Enrico Letta[3]
Umberto Ranieri[2]

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018

Durata mandato 15 aprile 1994 –
19 luglio 2011
Legislature XII, XIII, XIV, XV, XVI, XVIII
Gruppo
parlamentare
XII: Progressisti-Federativo
XIII-XIV: DS-L'Ulivo
XV: PD-L'Ulivo
XVI; XVIII: Partito Democratico
Coalizione Progressisti (XII)
L'Ulivo (XIII, XIV)
L'Unione (XV)
Centro-sinistra 2008 (XVI)
Centro-sinistra 2018 (XVIII)
Circoscrizione XII: Liguria
XIII-XVI: Piemonte 1
XVIII: Emilia-Romagna
Collegio XIII-XIV: Venaria Reale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
PCI (1968-1991)
PDS (1991-1998)
DS (1998-2007)
Titolo di studio Laurea in Scienze politiche
Università Università degli Studi di Torino
Professione Dirigente di partito

Piero Franco Rodolfo Fassino (Avigliana, 7 ottobre 1949) è un politico italiano, deputato alla Camera per il Partito Democratico e presidente della 3ª Commissione Affari Esteri della Camera dal 30 luglio 2020.

Già ministro del commercio con l'estero e della giustizia nei governi presieduti da Massimo D'Alema, è stato segretario nazionale dei Democratici di Sinistra dal 16 novembre 2001 al 14 ottobre 2007. Il 6 novembre 2007 è stato nominato Inviato dell'Unione europea in Birmania da Javier Solana, Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune dell'Unione europea.[4] Dal maggio 2011 al giugno 2016 è stato sindaco di Torino, mandato durante il quale ha ricoperto in contemporanea, tra il 2013 e il 2016, la carica di presidente dell'ANCI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 7 ottobre 1949 ad Avigliana, una cittadina in provincia di Torino, appartiene a una famiglia di tradizione socialista: il padre Eugenio è stato esponente del Partito Socialista Italiano e comandante della 41ª brigata Garibaldi nel corso della resistenza in Piemonte, il nonno materno, Cesare Grisa, fu uno dei fondatori del PSI mentre quello paterno venne ucciso dai fascisti nel 1944.[5][6]

Poco dopo la nascita, la sua famiglia si trasferisce a Torino, dove Fassino è cresciuto e ha studiato dai Padri Gesuiti all'Istituto Sociale di Torino, per poi frequentare all’Università i corsi di Norberto Bobbio, Leopoldo Elia e Claudio Napoleoni.[6]

Ha giocato nelle giovanili della Juventus, fino alla categoria Juniores. Nel 1998, all'età di quarantanove anni, si è laureato in Scienze politiche presso l'Università degli Studi di Torino.[7]

A luglio del 2003 è uscito il suo libro Per passione, edito da Rizzoli. Quest'opera è principalmente un diario dove si ritrovano la sua vita e gli intrecci storico-politici degli ultimi trent'anni. Nel 2010 gli è stato attribuito il Premio America della Fondazione Italia USA.

Dal 2018 fa parte della Fondazione Italia USA.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Alto 1,92 m e peso di 66 kg; in ragione della sua magrezza ha confidato: «Quando sono sotto stress perdo interesse per i sapori, sedermi a tavola diventa soltanto un atto che cerco di impormi, mi dimentico di mangiare», è amico di Carlo Petrini[6][8]. Dopo un primo matrimonio con la giornalista della Stampa Marina Cassi[9], si è sposato in seconde nozze nel 1993 con Anna Maria Serafini, deputata del suo stesso partito dal 1987 al 2001, e senatrice dal 2006.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi dalla FGCI al PDS[modifica | modifica wikitesto]

Fassino inizia a fare politica in "Nuova Resistenza", un’associazione giovanile nata sull’onda dei moti democratici del luglio 1960 contro il governo Tambroni (come i fatti di Genova). Dopo aver partecipato alla nascita del movimento studentesco, nell'ottobre 1968 s'iscrisse nella Federazione Giovanile Comunista Italiana (FGCI) di Torino, l'organizzazione giovanile del Partito Comunista Italiano (PCI) torinese, diventandone tre anni dopo segretario.[6]

Alle elezioni amministrative del 1975 viene eletto nel consiglio comunale del capoluogo piemontese col PCI, venendo rieletto consigliere comunale alle amministrative del 1980 (mantenendo il seggio per dieci anni). Dal 1985 al 1990 è stato consigliere provinciale. All'interno del partito Fassino ricoprì la carica di segretario della federazione torinese del PCI dal 1983 al 1987; sempre dal 1983 venne eletto nella Direzione nazionale del PCI.

Ai vertici nazionali del PCI/PDS[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 si trasferisce a Roma, chiamato dal segretario generale del PCI Achille Occhetto a far parte della Segreteria nazionale del PCI, prima come coordinatore della Segreteria, e poi come responsabile dell'organizzazione fino al 1991, dove ha vissuto la delicata fase di trasformazione del PCI in Partito Democratico della Sinistra (PDS) con la svolta della Bolognina di Occhetto (a cui aderì fin dal momento della sua fondazione).[6]

Nel 1991 diventa segretario internazionale del neonato PDS, incarico che mantiene fino al 1996, dove inizia a dedicarsi alla politica estera e guida il partito nel suo ingresso all'Internazionale Socialista e nel Partito del Socialismo Europeo, oltre a occuparsi di integrazione europea, di Balcani, di Medio Oriente e America Latina.[6][10]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Piero Fassino rieletto alla Camera dei deputati nel 2001

Alle elezioni politiche del 1994 viene candidato alla Camera dei deputati, ed eletto deputato nella circoscrizione Liguria tra le liste del PDS. Nella XII legislatura, dove aderisce al gruppo parlamentare Progressisti-Federativo, è componente della 3ª Commissione Affari esteri e comunitari e fa parte delle delegazioni parlamentare italiane presso le assemblee del Consiglio d'Europa e della UEO, oltre che quella presso la conferenza parlamentare dell'iniziativa centro europea.[6][11]

In seguito alla sconfitta elettorale del PDS alle politiche del 1994, Achille Occhetto si dimette da segretario nazionale del PDS e, nella successione apertasi per eleggere il nuovo segretario, sostiene Walter Veltroni, promuovendo la sua candidatura a segretario. Ma alla fine fu eletto segretario nazionale l'ex capogruppo PDS alla Camera Massimo D'Alema, già segretario della FGCI.

Sottosegretario di Stato agli affari esteri[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 1996 si è ricandidato alla Camera nel collegio uninominale di Venaria Reale, sostenuto dalla coalizione di centro-sinistra L'Ulivo in quota PDS, dove viene rieletto deputato con il 46,68% dei voti contro i candidati del Polo per le Libertà Marina Mazzeo (31,79%), della Lega Nord Ezio Genisio (19,33%) e della lista "Nuove Energie" Eraldo Mario Enrietti (2,2%).

Dopo la vittoria de L'Ulivo di Romano Prodi alle politiche del 1996, e con la nascita del suo primo governo Prodi, viene nominato dal Consiglio dei ministri sottosegretario di Stato al Ministero degli Affari Esteri con delega alle politiche comunitarie, affiancando il ministro Lamberto Dini.[6]

Nel 1998 aderisce alla svolta in chiave moderna di Massimo D'Alema dal PDS ai Democratici di Sinistra (DS), per unificare il PDS con altre forze della sinistra italiana e "ammainare" definitivamente il simbolo falce e martello del comunismo, in favore alla rosa della socialdemocrazia.

Ministro de L'Ulivo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Governo D'Alema I, Governo D'Alema II e Governo Amato II.

A ottobre del 1998, con la caduta dell'esecutivo di Prodi e la nascita del primo governo presieduto da Massimo D'Alema, viene nominato ministro del commercio con l'estero, incarico che mantiene nel secondo governo D'Alema fino alla sua fine il 26 aprile 2000, con le dimissioni di D'Alema per la sconfitta del centro-sinistra alle elezioni regionali.[6][12]

Con l'incarico di formare un governo affidato nuovamente a Giuliano Amato, Fassino viene proposto da Amato come ministro di grazia e giustizia. Il giorno successivo giura nelle mani del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi come Ministro nel secondo esecutivo presieduto da Giuliano Amato, incarico che mantiene fino alla fine dell'esecutivo l'11 giugno 2001.[6]

Durante la campagna elettorale delle elezioni politiche del 2001, è stato indicato dal suo partito quale vice del candidato premier per Il Nuovo Ulivo di Francesco Rutelli, dove si ricandida nel collegio di Venaria Reale per la Camera, sostenuto dal centro-sinistra in quota DS, dove viene rieletto con il 52,47% dei voti e staccando Giuseppe Mastroeni della Casa delle Libertà (41,79%) e Alessandro Alemanno della Lista Di Pietro (5,74%).

Segretario dei Democratici di Sinistra[modifica | modifica wikitesto]

Fassino, segretario dei DS, parla al congresso nazionale dell'Arcigay a Milano l'11 maggio 2007

Il 18 novembre 2001, al secondo congresso dei DS "Il coraggio di cambiare il mondo" a Pesaro, viene eletto segretario nazionale con la maggioranza del 61,8% dei voti al grido di «O si cambia o si muore»[13], contro le mozioni di Giovanni Berlinguer al 34,1%, sostenuto principalmente dal "Correntone", e il 4,1% di Enrico Morando, la corrente più liberale e a destra del partito[6]. Al terzo congresso dei DS "Finisce l'illusione, comincia l'Italia" del 3-5 febbraio 2005 a Roma viene riconfermato segretario, con il 79% dei voti; in questa occasione, con la sua mozione viene anche votata l'adesione dei DS alla Federazione dell'Ulivo, che confluisce ne L'Unione.[13]

Nel corso della sua segreteria Fassino guida l'opposizione DS al governo presieduto da Silvio Berlusconi, aprendosi e avvicinandosi ai movimenti in difesa dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, che li accusava di troppa moderazione e timidezza nell'azione politica, di troppo "buonismo" nei confronti del centro-destra, oltre che guidare i DS ai successi della elezioni amministrative dal 2002 al 2005, della europee del 2004 e infine quelle regionali del 2005.[6]

Fassino con (da sinistra) Franco Mirabelli, Aurelio Mancuso e Franco Grillini nel 2006

Al termine delle elezioni politiche del 2006, dove riceve un nuovo mandato parlamentare alla Camera, non entra a far parte del secondo governo Prodi perché, di comune accordo con il partito, decide di occuparsi in prima persona dei DS e della costruzione del futuro Partito Democratico.

Nel 2007 si ricandida alla segreteria del partito, con la mozione «Per il partito democratico», in vista del congresso "Una forza grande come il futuro" che si tiene tra il 19 e il 21 aprile a Firenze. Alla sua mozione si contrappongono quelle presentate dal ministro dell'università e della ricerca Fabio Mussi e del vicepresidente vicario del Senato Gavino Angius. Il congresso si conclude con la vittoria della sua mozione con il 75,64% dei consensi, e indica il sì del partito alla proposta di confluire nel nuovo soggetto politico del Partito Democratico.

Nascita del Partito Democratico[modifica | modifica wikitesto]

Piero Fassino durante una visita in Brasile con il presidente brasiliano Lula da Silva

Dal 23 maggio 2007 è uno dei 45 membri del "Comitato nazionale per il Partito Democratico (PD)", che riunisce i leader delle componenti del futuro partito. Il successivo 14 ottobre, con le prime elezioni primarie del PD, il partito dei DS si scioglie ufficialmente e confluisce nel nuovo soggetto politico. Nello stesso anno è nominato responsabile nazionale esteri nella segreteria nazionale del segretario Walter Veltroni. Dal mese di novembre è Inviato speciale dell'Unione europea per la Birmania.

Con la caduta del governo Prodi e la prematura fine della XV legislatura nel 2008, s'indicono nuove elezioni politiche, dove viene rieletto alla Camera nella medesima circoscrizione tra le file del PD. Successivamente il 9 maggio viene nominato da Veltroni Ministro degli affari esteri e per gli Italiani nel mondo nel suo Governo ombra del Partito Democratico, ruolo che ricopre fino al 21 febbraio 2009.

Il 24 febbraio 2009 Dario Franceschini (già vicesegretario del PD), appena nominato segretario del PD dopo le dimissioni di Veltroni dalla segreteria nazionale, dopo l'esito negativo alle regionali sarde, nomina Fassino Presidente nazionale del Forum Esteri del partito.[14]

Alle elezioni primarie del Partito Democratico nel 2009 sostiene la mozione di Dario Franceschini, segretario uscente del PD e vicesegretario del PD sotto Veltroni, diventando il punto di riferimento dei socialdemocratici che sostenevano la candidatura di Franceschini, ma che risulterà perdente, arrivando secondo al 34,27% dei voti contro il 53,23% dei voti di Pier Luigi Bersani, ex ministro dello sviluppo economico nel governo Prodi bis[15][16]. Successivamente Fassino viene confermato da Bersani, neo-eletto segretario del PD, nel ruolo di presidente del Forum Esteri del partito in rappresentanza della "mozione Franceschini".[17]

Dopo la sconfitta alle primarie del 25 ottobre che sanciscono la vittoria di Bersani, confluisce nella corrente interna al Partito Democratico: "Area Democratica" o "AreaDem”, formata dai sostenitori della mozione Franceschini.[16]

Sindaco di Torino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni amministrative italiane del 2011 § Torino.
Fassino con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano all'incontro con i volontari Expo 2015

In vista delle elezioni amministrative del 2011, viene preso in considerazione una candidatura di Fassino a successore di Sergio Chiamparino come sindaco di Torino, trovando il favore del segretario locale della FIOM Giorgio Airaudo, degli ex DS come Stefano Esposito (influente deputato torinese del PD) e del segretario provinciale di Torino del PD Gioacchino Cuntrò[18], soprattutto dopo la rinuncia del rettore del Politecnico di Torino Francesco Profumo alla corsa e l'auspicio di Chiamparino stesso che "si creino le condizioni per una candidatura di Piero Fassino".[19]

Il 28 dicembre 2010 annuncia ufficialmente la sua corsa a palazzo Civico per le amministrative dell'anno successivo[20]; il 28 febbraio 2011 vince le elezioni primarie della coalizione di centro-sinistra, venendo prescelto col 56% delle preferenze rispetto agli altri 4 candidati: l'ex presidente del Consiglio regionale piemontese Davide Gariglio (vicino a Enrico Letta e Mercedes Bresso), il presidente dei Radicali Italiani Silvio Viale, l'assessore al bilancio uscente Gianguido Passoni e Michele Curto.[21]

Il 16 maggio successivo vince le elezioni al primo turno, ricevendo il 56,66% dei voti[22], divenendo primo cittadino del capoluogo piemontese.[23][24][25] In seguito, annuncia l'intenzione di dimettersi da deputato entro la fine di giugno per dedicarsi interamente al ruolo di sindaco della città;[26] dimissioni presentate il 6 luglio 2011[27] e formalizzate il 19 dello stesso mese.[28]

Amministrazione della città[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del suo mandato è stato più volte indicato dai sondaggi come il più popolare tra i sindaci delle grandi città d'Italia[29][30][31]. Fassino e la sua giunta si sono impegnati soprattutto a risanare i bilanci di una città tra le più indebitate in Italia, sulla scia di quanto iniziato dai suoi due predecessori, azione compiuta tagliando i servizi (come la privatizzazione degli asili nido), aumentando i costi (con i biglietti del trasporto locale passati da 1 euro a 1 euro e 50 centesimi), dismettendo patrimoni immobiliari a privati e CDP e vendendo quote delle società partecipate[32]. L’amministrazione di Fassino ha proseguito sulla scia del predecessore Sergio Chiamparino anche per quanto riguarda il tentativo di trasformare in una città turistica e culturale quella che era la company town della FIAT.[32]

Presidente dell'ANCI e Legion d'onore[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2013 Fassino viene nominato presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), dopo le dimissioni di Graziano Delrio nominato Ministro per gli affari regionali e le autonomie e l'interim di Alessandro Cattaneo, eletto all'unanimità con una sola astensione: Federico Pizzarotti, sindaco di Parma del Movimento 5 Stelle[33]. L'8 novembre dello stesso anno, su proposta dell'ambasciatore francese in Italia Alain Le Roy, il presidente della Repubblica francese François Hollande lo insignisce dell'onorificenza della Legion d'onore, per le sue relazioni promosse tra Italia e Francia in qualità di sindaco.[34]

Corsa al secondo mandato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni amministrative italiane del 2016 § Torino.

A dicembre 2015 ufficializza la sua corsa per un secondo mandato da sindaco, affermando "Ho deciso di ricandidarmi e continuare il mio impegno per la città", oltre che di non voler passare per le primarie: "Il centrosinistra deve presentarsi unito perché questo è quello che chiedono gli elettori", sostenuto subito dal suo predecessore, divenuto nel frattempo presidente della Regione Piemonte, che sarà al suo fianco durante la campagna elettorale[32]. Nella campagna elettorale, dove riceve un forte endorsement dell'ex politico di centro-destra Enzo Ghigo[35], da maggiore attenzione alle tematiche economiche, a partire dal sostegno all’imprenditoria, e si concentra in 10 punti: lavoro, giovani, periferie, decoro urbano, cultura, vivibilità, sicurezza, servizi sociali, servizi educativi e difesa dei diritti.[36]

Alle elezioni amministrative del 2016 si presenta sostenuto da quattro liste: Partito Democratico, Moderati, le liste civiche "Lista Civica per Fassino" e "Progetto Torino - Sinistra per la Città". Pur primeggiando al primo turno, ottenendo il 41,83% dei voti[37], al successivo ballottaggio del 19 giugno Fassino viene sconfitto dalla sfidante Chiara Appendino del Movimento 5 Stelle, che al primo turno ottiene a sopresa oltre il 30%, strappando l'amministrazione del capoluogo piemontese al centro-sinistra dopo 23 anni.[37][38][39]

Il 12 ottobre 2016 si dimette dalla carica di presidente dell'ANCI, non essendo più sindaco ma semplice consigliere comunale, venendo sostituito dal sindaco di Bari Antonio Decaro.[40]

Ritorno in Parlamento[modifica | modifica wikitesto]

In vista delle elezioni politiche del 2018, Piero Fassino viene incaricato, dal segretario del PD Matteo Renzi che lo aveva definito "una garanzia", di trovare una quadra con le forze del centrosinistra tra PD, Campo Progressista, Possibile, Sinistra italiana, Radicali Italiani, Federazione dei Verdi, Italia dei Valori (IdV), PSI e soprattutto gli scissionisti di MDP, avversi alla leadership e le politiche di Renzi, che vorrebbero correre da soli[41][42]. Nonostante si fosse anche incontrato con Romano Prodi (unico leader a essere stato capace di unire le varie anime del centrosinistra, dagli ex democristiani ai comunisti, e trascinarli alla vittoria), riesce a far convergere solo i Verdi, IdV e PSI, mentre Campo Progressista si scioglie e gli altri partiti convergono su una lista elettorale che corre solitaria: Liberi e Uguali di Pietro Grasso.[43][44]

Alle elezioni politiche 2018 viene ricandidato alla Camera, tra le liste del Partito Democratico per la circoscrizione Emilia-Romagna come capolista nel collegio plurinominale 2, dove, dopo sette anni di lontananza, ritorna in parlamento a seguito della rielezione. Nonostante sia deputato, mantiene la carica di consigliere comunale e leader dell'opposizione a Torino fino a settembre 2019, quando su pressioni dei malumori del PD, accetta di rassegnare le proprie dimissioni a Torino.[45][46]

In vista delle primarie del PD del 2019, annuncia all'evento Piazza Grande di Cremona di sostenere la mozione di Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio dal 12 marzo 2013 con la carriera amministrativa più lunga alle spalle, che risulterà vincente con il 66% dei voti.[47][48]

Posizioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 si è schierato contro la legge 40 sulla procreazione assistita[49], votata dalla maggioranza di centro-destra e da parte dell'opposizione di centro-sinistra. In seguito ha sostenuto il referendum abrogativo di parte di quella legge, che si è tenuto nel giugno del 2005.[50]

A dicembre del 2006, mentre l'Italia si interrogava sul caso di Piergiorgio Welby, Fassino si è schierato apertamente contro la possibilità dell'eutanasia, differenziando tuttavia la sua posizione nei confronti dell'accanimento terapeutico. Nella stessa occasione si è dichiarato contrario alla possibilità di adozione di minori da parte di coppie omosessuali.[51]

Nel marzo 2007 ha suscitato reazioni contrastanti la sua posizione secondo cui, a un'eventuale conferenza di pace sull'Afghanistan, sarebbe opportuno invitare anche i talebani, in quanto «la pace si fa con il nemico».[52]

Nel 2010 si è schierato a favore del "Sì" per il referendum sull'accordo di Mirafiori, allineandosi alle posizioni dei sindacati CISL e UIL.[53]

A novembre 2017, durante la trasmissione Omnibus, si dichiara favorevole allo ius soli, facendo dei paragoni con la legge sulla cittadinanza approvata da Gerhard Schröder.[54]

A novembre 2018 partecipa alla manifestazione delle Madamine in piazza Castello, a sostegno del progetto TAV Torino-Lione.[55]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Inchiesta Le Gru[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine del 1993, Piero Fassino viene coinvolto nell'inchiesta giudiziaria che riguarda il centro commerciale "Le Gru" a Grugliasco. La Procura della Repubblica di Torino iniziò quell'anno un'inchiesta in cui vennero coinvolti il sindaco allora in carica a Grugliasco, Domenico Bernardi del PDS, più varie altre personalità politiche locali. Il nome di Fassino viene fatto una prima volta da Carlo Orlandini, all'epoca presidente di Euromercato, e poi da Antonio Crivelli, all'epoca capogruppo del PCI al consiglio comunale di Grugliasco: il manager disse di aver incontrato Fassino e di avergli parlato di questo centro commerciale, e che Fassino avrebbe approvato la costruzione ma senza pretendere denaro né per sé né per il partito; il politico locale racconta invece di aver saputo, per vie traverse mai chiarite, che Fassino si sarebbe recato a Parigi a ritirare una tangente per la costruzione di "Le Gru". Tale pista si è conclusa con l'archiviazione delle indagini. A tutt'oggi risultano accertate solo le tangenti date dal gruppo Trema ai politici locali.

Affare Telekom Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Affare Telekom Serbia.

Nel 2003 viene accusato da Igor Marini di aver ricevuto tangenti, nell'ambito dell'Affare Telekom Serbia, insieme a Romano Prodi, Lamberto Dini, Walter Veltroni, Francesco Rutelli e Clemente Mastella. Secondo Marini, Fassino era soprannominato Cicogna. L'inchiesta della Procura della Repubblica di Torino, rilevate false le prove ai danni di Fassino, ha portato in carcere Marini e ha escluso la presenza di tangenti a favore dei politici accusati. A seguito di questa vicenda, Fassino affermò: «il burattinaio di Igor Marini è a Palazzo Chigi e dovrà rispondere anche lui». A causa di questa frase fu querelato da Silvio Berlusconi per calunnia con la richiesta di risarcimento per 15 milioni di euro. Fassino rinunciò all'immunità parlamentare per affrontare il procedimento per calunnia, da cui fu prosciolto il 30 gennaio 2004, e sfidò l'allora presidente del Consiglio Berlusconi a fare lo stesso e ad affrontare i suoi processi.[56] Il 10 novembre 2011 il tribunale di Roma ha condannato Igor Marini al pagamento di un risarcimento danni di 100 000 euro nei confronti dei politici accusati, tra cui lo stesso Fassino.[57]

Salone internazionale del libro[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 gennaio 2019 è stato raggiunto da un avviso di chiusura indagini da parte della procura torinese, nell'ambito dell'inchiesta volta ad accertare i possibili reati di peculato, turbativa d'asta e falso ideologico in atto pubblico relativamente alle edizioni dal 2010 al 2015 del Salone internazionale del libro.[58] Il 2 ottobre 2020 l'ex sindaco di Torino è rinviato a giudizio con l'accusa di turbativa d'asta nel bando di assegnazione del Salone per il triennio 2016-2018; l'apertura del processo è stata calendarizzata per il 17 maggio 2021.[59]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Bancopoli[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Bancopoli.

Il 31 dicembre 2005 il Giornale ha pubblicato stralci di un'intercettazione telefonica tra Fassino e Giovanni Consorte, manager della Unipol e all'epoca coinvolto nello scandalo di Bancopoli; nell'intercettazione Fassino chiedeva a Consorte: «E allora siamo padroni di una banca?» (più spesso ricordata come «Abbiamo una banca?»).[60][61] Tale pubblicazione ha dato luogo a un largo seguito di speculazioni politiche. Si sono in seguito aperti due procedimenti giudiziari a Milano, rispettivamente nei confronti di Fabrizio Favata, l'imprenditore che aveva fornito al Giornale le intercettazioni coperte da segreto investigativo, e verso Paolo Berlusconi, editore del quotidiano; in entrambi i processi Fassino si è costituito parte civile. Il 10 giugno 2011 il giudice dell'udienza preliminare incaricato del procedimento verso Favata ha condannato quest'ultimo a due anni e quattro mesi di reclusione e al risarcimento dei danni morali (quantificati in 40 000 euro) nei confronti di Fassino.[62]

Per il procedimento verso Paolo Berlusconi i magistrati hanno chiesto l'archiviazione,[63] richiesta che però è stata respinta dal giudice per le indagini preliminari, che ha invece sollecitato il rinvio a giudizio anche per Silvio Berlusconi (il quale si sarebbe avvantaggiato politicamente dalla pubblicazione dell'intercettazione[64]), e l'iscrizione nel registro degli indagati di Maurizio Belpietro, all'epoca dei fatti direttore de il Giornale.[65][66] Il 7 febbraio 2012 il GUP ha accolto la richiesta dei magistrati, rinviando a processo anche l'ex presidente del Consiglio,[67][68] che il 7 marzo 2013 è stato condannato a un anno per rivelazione di segreto d'ufficio, in concorso con il fratello Paolo (condannato a sua volta a due anni e tre mesi); entrambi sono stati inoltre obbligati al pagamento di un risarcimento provvisionale, quantificato in 80 000 euro, nei confronti di Fassino.[69]

Dito medio ai contestatori[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del maggio 2014 viene pubblicato un video su YouTube, da un politico del Movimento 5 Stelle Vittorio Bertola, che mostra Fassino, allora sindaco di Torino, mostrare rapidamente il gesto del dito medio a un gruppo di tifosi del Torino che lo stavano contestando, durante un evento di presentazione dei lavori di ricostruzione dello stadio Filadelfia (storico stadio del Torino) nel 65º anniversario della strage di Superga, l’incidente aereo nel quale morì il cosiddetto "Grande Torino"[70]. Fassino nel merito smentisce di aver rivolto gesti offensivi ai contestatori, per poi cambiare regia difendendosi: "Mi hanno tirato pietre e offeso la mia famiglia".[70][71]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore della legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore della legion d'onore
— 19 dicembre 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delega al coordinamento delle politiche dell'UE
  2. ^ a b c Sottosegretario di Stato al Ministero degli affari esteri
  3. ^ Ministro per le politiche comunitarie
  4. ^ Vincenzo Nigro, Fassino inviato della Ue per la crisi in Birmania, in repubblica.it, 6 novembre 2007. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato il 13 agosto 2011).
  5. ^ Eugenio Fassino, su anpi.it, anpi.it. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2014).
  6. ^ a b c d e f g h i j k l Per passione | Piero Fassino, su archive.ph, 28 dicembre 2010. URL consultato il 5 febbraio 2022 (archiviato il 28 dicembre 2010).
  7. ^ Claudio Tito, Castelli-Fassino, lite per una laurea ma in politica tanti dottori mancati, in la Repubblica, 21 luglio 2003, p. 21. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato il 20 luglio 2013).
  8. ^ Piero Fassino: ecco perché sono così magro, in salute.leiweb.it. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2010).
  9. ^ Piero Fassino sul blog Cinquantamila giorni. URL consultato il 20 giugno 2016 (archiviato il 19 marzo 2016).
  10. ^ I nostri candidati (PDF), su pdpiemonte.it, pdpiemonte.it. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato il 31 luglio 2013).
  11. ^ La Camera dei Deputati, su legislature.camera.it. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  12. ^ Crisi: la giornata di d'alema | Agi Archivio, su archive.is, 7 ottobre 2016. URL consultato il 4 febbraio 2022 (archiviato il 7 ottobre 2016).
  13. ^ a b 20 anni di centrosinistra in 5 minuti. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  14. ^ Dipartimenti - Partito Democratico - PartitoDemocratico.it, su web.archive.org, 4 marzo 2009. URL consultato il 5 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2009).
  15. ^ Dario il ponte tra due generazioni Massimo e Walter si facciano da parte - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  16. ^ a b Piero Fassino, Il Congresso del PD - Perché con Franceschini, in pierofassino.it, 3 agosto 2009. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2012).
  17. ^ Pd: la nuova segreteria, i presidenti dei forum, su partitodemocratico.it. URL consultato il 15 novembre 2017 (archiviato il 15 novembre 2017).
  18. ^ Tutti i candidati per Torino, su Il Post, 12 settembre 2010. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  19. ^ A Torino si fa strada la candidatura Fassino, su Il Post, 29 novembre 2010. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  20. ^ Piero Fassino, Perché mi candido - La campagna per le primarie di Torino, in pierofassino.it, 9 gennaio 2011. URL consultato il 17 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2012).
  21. ^ Fassino vince le primarie a Torino, su Il Post, 27 febbraio 2011. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  22. ^ Elezioni comunali del 15-16 maggio 2011 - Comune: Torino, su comunali.interno.it, comunali.interno.it, 17 maggio 2011. URL consultato il 6 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2011).
  23. ^ Enrico Romanetto, «Torniamo a essere forti nel Nord», in corriere.it, 16 maggio 2011. URL consultato il 17 maggio 2011 (archiviato il 18 maggio 2011).
  24. ^ Ottavia Giustetti, Fassino stravince al primo turno - La delusione di Coppola e Musy, in torino.repubblica.it, 16 maggio 2011. URL consultato il 17 maggio 2011 (archiviato il 19 maggio 2011).
  25. ^ Andrea Rossi, Maurizio Tropeano, Sindaco subito: Fassino doppia il rivale Coppola, in lastampa.it, 17 maggio 2011. URL consultato il 17 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2011).
  26. ^ Piero Fassino, Dimissioni dalla Camera a fine mese, in pierofassinosindaco.it, 10 giugno 2011. URL consultato il 27 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2011).
  27. ^ Fassino lascia la Camera - "Ogni mia energia per Torino", in lastampa.it, 6 luglio 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2011).
  28. ^ Camera: accolte dimissioni Fassino da deputato, in archivio-radiocor.ilsole24ore.com, 19 luglio 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011 (archiviato il 31 luglio 2013).
  29. ^ Diego Longhin, Fassino, il sindaco più amato d'Italia, in torino.repubblica.it, 13 ottobre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011 (archiviato il 16 ottobre 2011).
  30. ^ Fassino è il sindaco più amato d'Italia, in lastampa.it, 13 ottobre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2011).
  31. ^ Fassino è il più popolare tra i sindaci delle grandi città italiane, in torino.repubblica.it, 20 aprile 2015. URL consultato il 20 aprile 2015 (archiviato il 27 aprile 2015).
  32. ^ a b c Torino, Fassino scioglie le riserve: “Mi ricandido sindaco”. Niente primarie sotto la Mole, su Il Fatto Quotidiano, 13 dicembre 2015. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  33. ^ Anci, Fassino eletto presidente, in torino.repubblica.it, 5 luglio 2013. URL consultato il 5 luglio 2013 (archiviato l'8 luglio 2013).
  34. ^ Legion d'Onore a Fassino, "Torino legata alla Francia", in torino.repubblica.it, 8 novembre 2013. URL consultato il 9 novembre 2013 (archiviato il 9 novembre 2013).
  35. ^ Comunali Torino 2016, il "partito della nazione" in soccorso di Fassino. L'ex governatore Ghigo pronto a votarlo, su Il Fatto Quotidiano, 13 gennaio 2016. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  36. ^ Elezioni Torino 2016, ballottaggio: Fassino vs Appendino, programmi a confronto, su Money.it, 17 giugno 2016. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  37. ^ a b Elezioni Comunali 2016: i candidati più votati in tutta Italia - INFOGRAFICA, su Money.it, 6 giugno 2016. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  38. ^ AL VIA LA CORSA PER LA POLTRONA DI SINDACO DELLE GRANDI CITTÀ, in rainews.it, 7 maggio 2016. URL consultato il 10 maggio 2016 (archiviato il 17 giugno 2016).
  39. ^ Elezioni comunali del 19 giugno 2016 - ballottaggio - Comune di TORINO, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'Interno, 20 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2016).
  40. ^ Fassino guiderà l'Anci fino a ottobre. Ma il M5s alza il tiro sull'associazione dei comuni, in Repubblica.it, 12 luglio 2016. URL consultato il 21 agosto 2017 (archiviato il 21 agosto 2017).
  41. ^ Pd, sinistra pronta a incontrare Fassino "l'ambasciatore". Renzi: "Rispetto Bersani e D'Alema, ma bisogna essere in due", su Il Fatto Quotidiano, 14 novembre 2017. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  42. ^ A bloccare l'alleanza di centrosinistra è solo Renzi: "Per Mdp non può essere candidato premier", su Today. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  43. ^ Centrosinistra, la missione diplomatica di Fassino: vede Grasso e Boldrini e chiede aiuto a Prodi. Ma D'Alema gli dice già no, su Il Fatto Quotidiano, 15 novembre 2017. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  44. ^ Mdp, Fassino non comprende la scelta. E a D'Alema dice: "Col 10% non si vincono le elezioni", su Il Fatto Quotidiano, 4 dicembre 2017. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  45. ^ Torino, il deputato dem Fassino si dimette da consigliere comunale dopo le polemiche nel Pd per il doppio incarico, su Il Fatto Quotidiano, 30 settembre 2019. URL consultato il 10 novembre 2020.
  46. ^ Fassino lascia il Consiglio comunale di Torino e saluta Appendino: "Potrà sempre contare su di me", su la Repubblica, 30 settembre 2019. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  47. ^ 251370118230474, (Video) Piero Fassino a Cremona ..ecco perché sostengo Nicola Zingaretti come segretario PD, su WelfareNetwork.it, 12 febbraio 2019. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  48. ^ Quotidiano Nazionale, Pd, Zingaretti proclamato segretario. Gentiloni eletto presidente, su Quotidiano Nazionale, 17 marzo 2019. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  49. ^ Goffredo De Marchis, Fassino: "La Margherita sbaglia, questa è una legge oscurantista", in repubblica.it, 5 dicembre 2003. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato il 3 dicembre 2010).
  50. ^ Fecondazione assistita: Fassino firma a Genova i quesiti referendari, in dsonline.it, 9 settembre 2004. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2008).
  51. ^ Fassino: "Sono contro l'eutanasia e le adozioni per le coppie gay", in repubblica.it, 14 dicembre 2006. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato il 18 ottobre 2011).
  52. ^ Ninni Andriolo, Fassino: «Anche i talebani al tavolo della pace» (PDF), in l'Unità, 17 marzo 2007, p. 4. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2015).
  53. ^ Fassino: «Se fossi un operaio voterei sì al referendum su accordo Mirafiori», in corriere.it, 29 dicembre 2010. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato il 1º gennaio 2011).
  54. ^ Italia-Svezia, Fassino (Pd): "Calcio va rinnovato. Germania vince anche grazie a Ius Soli e investimento su giovani", su Il Fatto Quotidiano, 14 novembre 2017. URL consultato il 10 novembre 2020.
  55. ^ Sì Tav, migliaia in piazza a Torino: "Siamo maggioranza silenziosa". Fassino: "Segno del malessere della città", su Il Fatto Quotidiano, 10 novembre 2018. URL consultato il 10 novembre 2020.
  56. ^ Telekom, per il pm Fassino "non diffamò Berlusconi", in repubblica.it, 30 gennaio 2004. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato il 3 dicembre 2010).
  57. ^ Telekom Serbia, dieci anni a Igor Marini, "Calunniò Prodi, Fassino e Dini", in repubblica.it, 10 novembre 2011. URL consultato il 10 novembre 2011 (archiviato il 15 novembre 2011).
  58. ^ Chiusa la maxi inchiesta sul Salone del Libro: 29 indagati tra cui Fassino, Parigi e Coppola, su lastampa.it. URL consultato il 22 gennaio 2019 (archiviato il 22 gennaio 2019).
  59. ^ Salone Libro di Torino: ex sindaco Fassino rinviato a giudizio
  60. ^ Ferruccio Sansa, Il caso Unipol, le telefonate di Consorte a Fassino, in la Repubblica, 3 gennaio 2006, p. 10. URL consultato il 3 luglio 2012 (archiviato il 4 marzo 2016).
  61. ^ Monica Guerzoni, Il dialogo Fassino-Consorte turba la Quercia, in corriere.it, 4 gennaio 2006. URL consultato il 3 luglio 2012 (archiviato il 19 giugno 2015).
  62. ^ La sentenza del gup: «Fassino sia risarcito per danni morali», in corriere.it, 10 giugno 2011. URL consultato il 10 giugno 2011 (archiviato l'11 giugno 2011).
  63. ^ Nastri della telefonata con Consorte - "Fassino sia risarcito dei danni", in repubblica.it, 10 giugno 2011. URL consultato il 10 giugno 2011 (archiviato il 13 giugno 2011).
  64. ^ Il gip: il nastro è un regalo al premier in vista delle elezioni, in corriere.it, 15 settembre 2011. URL consultato il 15 settembre 2011 (archiviato il 15 settembre 2011).
  65. ^ Luigi Ferrarella, Intercettazione rubata, ordinato il rinvio a giudizio anche per Silvio Berlusconi, in corriere.it, 15 settembre 2011. URL consultato il 15 settembre 2011 (archiviato il 15 settembre 2011).
  66. ^ "Nastro su Unipol-Bnl un regalo elettorale, anche Berlusconi va processato", in repubblica.it, 15 settembre 2011. URL consultato il 15 settembre 2011 (archiviato il 16 settembre 2011).
  67. ^ Unipol, Berlusconi va a processo, in corriere.it, 7 febbraio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012 (archiviato il 7 febbraio 2012).
  68. ^ Emilio Randacio, Unipol, Berlusconi sarà processato, "Ma io non ho mai sentito quei nastri", in repubblica.it, 7 febbraio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012 (archiviato l'8 febbraio 2012).
  69. ^ Caso Unipol, un anno a Berlusconi. Due anni e tre mesi al fratello Paolo, in milano.corriere.it, 7 marzo 2013. URL consultato il 7 marzo 2013 (archiviato l'8 marzo 2013).
  70. ^ a b Il video di Fassino che mostra il dito medio a un gruppo di contestatori, su Il Post, 5 maggio 2014. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  71. ^ Torino, il dito medio di Fassino ai tifosi del Toro. Lui si difende: "Rammaricato, ma mi tiravano le pietre", su la Repubblica, 5 maggio 2014. URL consultato il 4 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Torino Successore Torino-Stemma.svg
Sergio Chiamparino 16 maggio 2011 - 30 giugno 2016 Chiara Appendino
Predecessore Sindaco metropolitano di Torino Successore Città metropolitana di Torino - Stemma.png
carica istituita 1º gennaio 2015 - 30 giugno 2016 Chiara Appendino
Predecessore Presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani Successore
Alessandro Cattaneo 5 luglio 2013 - 12 ottobre 2016 Antonio Decaro
Predecessore Segretario dei Democratici di Sinistra Successore Logo Democratici di Sinistra.svg
Walter Veltroni 2001 - 2007 -
Predecessore Ministro del commercio con l'estero della Repubblica Italiana Successore Italy-Emblem.svg
Augusto Fantozzi 21 ottobre 1998 - 25 aprile 2000 Enrico Letta
Predecessore Ministro di grazia e giustizia della Repubblica Italiana Successore Italy-Emblem.svg
Oliviero Diliberto 25 aprile 2000 - 11 giugno 2001 Roberto Castelli
Controllo di autoritàVIAF (EN46891556 · ISNI (EN0000 0000 6156 4070 · SBN CFIV105667 · LCCN (ENn92005504 · GND (DE119094827 · BNF (FRcb129335132 (data) · CONOR.SI (SL22541923 · WorldCat Identities (ENlccn-n92005504