Gino Bechi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gino Bechi (Firenze, 16 ottobre 1913Firenze, 2 febbraio 1993) è stato un baritono e attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si avvicinò alla musica a diciassette anni con i maestri Frazzi e De Giorgi, debuttando nel 1936 a Empoli nella parte di Germont ne La traviata di Giuseppe Verdi. Ben presto divenne uno dei più importanti cantanti lirici italiani, venendo chiamato, tra gli altri, al Teatro alla Scala di Milano, all'Opera di Roma, a Lisbona e nei maggiori teatri del Sudamerica. Sono rimaste memorabili alcune interpretazioni in opere verdiane quali Otello, Rigoletto e Nabucco.

Nel 1950, in seguito alla rappresentazione di Falstaff al Covent Garden di Londra con i complessi della Scala, la critica non ebbe per lui parole di elogio, probabilmente anche per una certa nota "allergia" dei critici inglesi alle voci molto timbrate di scuola italiana[1], che oltretutto una discutibile tradizione vorrebbe estranee all'ultimo personaggio verdiano. Nel 1958 ritornò a Londra, al Drury Lane, nel Guglielmo Tell di Gioachino Rossini, questa volta con grande successo.

Si ritirò dalle scene nel 1965. Negli anni successivi gestì una scuola di perfezionamento per giovani cantanti lirici a Firenze. È stato presidente a Siena del Concorso Internazionale di canto intitolato a Ettore Bastianini.

Bechi fu uno dei più famosi cantanti lirici tra gli anni quaranta e cinquanta, formando con Maria Caniglia e Beniamino Gigli un trio di artisti la cui fama travalicò l'ambito del pubblico d'opera (vennero soprannominati scherzosamente il "Trio Lescano"). La voce di grande ampiezza, estesa e di pregevole timbro, mal si prestava tuttavia alle incisioni discografiche del tempo, tanto che oggi se ne può avere solo una vaga idea[senza fonte], mentre filmati di epoca più recente non ne rendono appieno le qualità.

Venne scritturato più volte in film di carattere musicale, sia basati su opere liriche che non, e la sua popolarità presso il grande pubblico rimane particolarmente legata alla canzone di Cesare Andrea Bixio La strada nel bosco, colonna sonora del film Fuga a due voci, divenuta un suo cavallo di battaglia.

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Spettacoli Tv[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R.Celletti: Il teatro d'opera in disco, Rizzoli 1976

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN7576342 · LCCN: (ENno92004465 · SBN: IT\ICCU\TO0V\255154 · ISNI: (EN0000 0000 5919 4955 · GND: (DE118917838 · BNF: (FRcb13924349p (data)