Gesto dell'ombrello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il celebre «ombrello» di Alberto Sordi nel film I vitelloni.

L'ombrello è un gesto compiuto piegando un braccio ad angolo retto e colpendo l'interno del gomito con l'altra mano.[1] Assimilabile al dito medio alzato, è talvolta accompagnato da quest'ultimo.[1]

Benché il significato del gesto sia comunemente ritenuto offensivo[2], esso non costituisce ingiuria sul piano legale.[3]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

A livello cinematografico, un noto gesto dell'ombrello è quello compiuto da Alberto Sordi in I vitelloni.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Paolo Granzotto, Quei gesti diventati gestacci in battaglia, su ilgiornale.it, 31 agosto 2007.
  2. ^ Marina Cavallieri, Vaffa... non è più un'ingiuria, in la Repubblica, 18 luglio 2007, p. 26.
  3. ^ Elsa Vinci, Il gesto dell'ombrello non è reato, in la Repubblica, 8 febbraio 1997, p. 1.
  4. ^ Piergiorgio Odifreddi, Lavoratori, tiè!, su temi.repubblica.it, 30 dicembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]