Occhiolino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esempio di occhiolino

L'occhiolino è un'espressione facciale che viene fatta chiudendo per un breve periodo di tempo uno dei due occhi, lasciando l'altro aperto.[1][2]

È una forma di comunicazione informale e non verbale che simboleggia un segno di intesa tra due interlocutori. Di solito l'occhiolino coinvolge il contatto visivo tra chi lo pratica e a chi è riviolto. Nella maggior parte dei casi è esegiuto in modo da essere notato solo dai destinatari.

Singolo occhiolino[modifica | modifica wikitesto]

Un singolo ammiccamento è di solito un gesto amichevole che implica un alto grado di conoscenza tra i due interlocutori. Un tipico uso dell'occhiolino è di inviare o far capire un messaggio di cui un terzo interlocutore non è a conoscenza. L'occhiolino potrebbe anche essere usato per esprimere simpatia, solidarietà e incoraggiamento.

Doppio occhiolino[modifica | modifica wikitesto]

Il doppio occhiolino ha lo stesso significato di quello singolo, ma più enfatico. Se esegiuto in fila può essere usato come un modo subdolo e nascosto per comunicare.

Occhiolino con entrambi gli occhi[modifica | modifica wikitesto]

Effettuare un occhiolino con entrambi gli occhi è solitamente un'azione involontaria nota come "battito di ciglia". Se fatto intenzionalmente una volta lentamente o più volte di fila velocemente, questo gesto indica un tentativo di persuadere il destinatario.

L'occhiolino in varie culture[modifica | modifica wikitesto]

Strizzare l'occhio o fare l'occhiolino nella cultura occidentale può essere usato come un modo per far sapere a qualcun altro che chi sta facendo il gesto o qualche altra persona sta scherzando o mentendo

In alcune culture dell'America Latina, l'ammiccamento può anche essere usato come invito romantico.[3]

In Cina e in qualche misura in India, l'ammiccamento può essere visto come un gesto offensivo. Tuttavia, l'occhiolino nel subcontinente indiano ha spesso connotazioni simili a quelle nell'Occidente. Può essere usato per segnalare uno scherzo, un gesto furbo condiviso tra due persone in privato, all'insaputa di chi li circonda.

I genitori dell'Africa occidentale possono fare l'occhiolino per segnalare ai bambini di lasciare la stanza, specialmente quando c'è un ospite o un altro adulto.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.treccani.it/vocabolario/occhiolino/
  2. ^ http://www.merriam-webster.com/dictionary/wink
  3. ^ erc.msh.org, https://web.archive.org/web/20080216192220/http://erc.msh.org/mainpage.cfm?file=4.6.0.htm&module=provider&language=English. URL consultato il 27 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2008).
  4. ^ (EN) Sarah Palin's wink will offend in India and China, su LA Times Blogs - All The Rage, 5 ottobre 2008. URL consultato il 27 maggio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]