Mountza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Folla che effettua il moutza durante una manifestazione al Parlamento greco nel 2011

Il mountza (in greco μούντζα [mund͡zɐ]), moutza (μούτζα [mud͡zɐ]) o faskeloma (φασκέλωμα [fɐsce̞lo̞mɐ]) è un gesto della mano tradizionale greco utilizzato come insulto.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il gesto consiste nell'estendere tutte le dita di una o entrambe le mani e presentare il palmo rivolto in avanti verso la persona da insultare.

È spesso accompagnato con delle imprecazioni. Più il gesto è vicino al viso della persona a cui è rivolto, più è considerato minaccioso e offensivo.

Una versione ancora più offensiva del gesti si ottiene usando entrambe le mani per raddoppiare e rafforzare il significato simbolico, schioccando il palmo di una mano contro il retro dell'altra, nella direzione del destinatario a cui il gesto è rivolto.

Le origini del gesto e della parola vengono fatte risalire al codice penale dell'Impero bizantino, dove veniva usato per schernire i criminali o i condannati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Phaedon Koukoules, "Life and culture of the Byzantines", addendum 5, 1986

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sociologia Portale Sociologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sociologia